10 novembre 1995 – Non ti ricordi di Ken Saro Wiwa?

“In lontananza una fiammata di gas […] ci rammentava che questo era un paese ricco di petrolio e che proprio dalle viscere di questa terra proveniva il liquido tanto ambito, che alimentava gli ingranaggi della civiltà moderna. Provai allora quello straziante dolore che la conoscenza riserva a coloro che riescono a distinguere l’abisso tra ciò che è e ciò che potrebbe essere”. Così Ken Saro Wiwa, scrittore e militante nigeriano, assassinato il 10 novembre 1995, riassumeva in uno dei suoi racconti di viaggio la grande contraddizione del suo paese, una povera nazione africana detentrice di una smisurata quantità di petrolio, l’oro nero che pompava l’economia mondiale.

Un paese che nell’aspetto attuale altro non è che una costruzione artificiale delle politiche coloniali, erede di una lunga storia di sfruttamento di tipo predatorio. Riserva di schiavi dopo le “grandi scoperte”, nei secoli a venire la Nigeria fu interessata dalle esigenze della rivoluzione industriale che ne fecero un importante produttore di olio di palma da esportare nei mercati europei. Il processo di industrializzazione stravolse completamente il territorio, “disboscato, sezionato e coperto di strade, città, ferrovie, porti […] e caserme, carceri e tribunali”.

Colonia britannica dal 1914, la Nigeria ha ottenuto l’indipendenza nel 1960 riunendo in una nuova nazione trecentocinquanta etnie diverse. A devastare completamente il paese è stata l’economia del petrolio, i cui giacimenti sono stati scoperti alla fine degli anni ’50 nel territorio abitato dagli Ogoni, un gruppo etnico di 500.000 persone, stanziato tra le paludi del Delta del Niger.

L’installazione nel territorio delle grandi multinazionali del petrolio, quali Shell, Agip e Chevron, protette dai corrotti governi locali, ha portato al collasso l’ecosistema dell’estuario del Delta interessato da un’attività estrattiva fuori controllo. L’ONU registra costantemente nei suoi rapporti questa attività, classificandola come responsabile di “disastro ecologico”. Così si espresse Ken Saro Wiwa a Ginevra nel 1992: “L’estrazione del petrolio ha trasformato quest’area in una landa desolata. L’inquinamento del suolo, dei fiumi e dei corsi d’acqua è capillare e continuo; l’aria è satura di vapori di idrocarburi, di metano, di monossido di carbonio, di anidride carbonica e della fuliggine tossica provocata dai gas che bruciano ventiquattrore al giorno. Piogge acide, fuoriuscite di petrolio ed esplosioni hanno devastato la regione. Le condutture di petrolio ad alta pressione attraversano pericolosamente le fattorie e i paesi”. In una delle aree più ricche della Nigeria, in cambio di questo tributo, gli “Ogoni non hanno ricevuto NIENTE e versano nella miseria più totale”.

In occasione della costruzione dell’ennesimo oleodotto in superficie in Ogoniland agli inizi degli anni ’90, la repressione militare sponsorizzata dalla Shell per sgomberare il territorio incontrò una forte resistenza nel popolo degli Ogoni. Il MOSOP (Movimento per la Sopravvivenza del Popolo Ogoni) assunse il ruolo di portavoce della lotta del
territorio e già nel 1990 aveva presentano una “Costituzione Ogoni” che chiariva i punti nevralgici della rivendicazione: autodeterminazione, riappropriazione delle risorse, cessazione dell’inquinamento, smilitarizzazione della regione. Ken Saro Wiwa, leader del Mosop si fece promotore di iniziative ispirate alla nonviolenza attiva al quale affiancò una produzione letteraria “d’azione”, impegnata “politicamente” per reagire alla situazione del suo paese, “prima che cali il sipario”. Il vasto coinvolgimento della popolazione e l’eco internazionale della lotta sulle sponde del Niger costrinse la Shell a lasciare l’area, creando un precedente inaccettabile per gli interessi delle multinazionali e per la stabilità del sistema politico nigeriano. Così, in corrispondenza dell’accresciuta fama di Ken Saro Wiwa, si susseguirono una serie di atti repressivi indirizzati a colpire i progetti e il seguito del leader del Mosop, che lavorava a un fronte unito delle minoranze del Delta.

Citato nelle note informative della Shell, più volte arrestato e torturato, sottoposto al divieto di parlare in pubblico, dopo un rilascio, Ken Saro Wiwa organizzò una manifestazione di 300.000 persone. Nel 1994 fu accusato pretestuosamente insieme ad altri otto attivisti dell’omicidio di alcuni presunti oppositori del MOSOP e condannato, con un processo farsa, all’impiccagione, suscitando proteste da parte dell’opinione pubblica internazionale e delle organizzazioni per i diritti umani. Dal carcere redige un diario (“Un mese e un giorno. Storia del mio assassinio”) e compone una poesia che esprime in versi lo stato di prigionia ancor più duro a cui è sottoposto il suo popolo: Non è il tetto che perde/Non sono nemmeno le zanzare che ronzano/Nella umida, misera cella/Non è il rumore metallico della chiave/Mentre il secondino ti chiude dentro/Non sono le meschine razioni/Insufficienti per uomo o bestia/Neanche il nulla del giorno/Che sprofonda nel vuoto della notte/Non è/Sono le bugie che ti hanno martellato/Le orecchie per un’intera generazione/E’ il poliziotto che corre all’impazzata in un raptus omicida/Mentre esegue a sangue freddo ordini sanguinari//In cambio di un misero pasto al giorno/Il magistrato che scrive sul suo libro/La punizione, lei lo sa, è ingiusta/La decrepitezza morale/L’inettitudine mentale/Che concede alla dittatura una falsa legittimazione/La vigliaccheria travestita da obbedienza/In agguato nelle nostre anime denigrate/È la paura di calzoni inumiditi/Non osiamo eliminare la nostra urina/E’ questo/Amico mio, è questo che trasforma il nostro mondo libero/In una cupa prigione.

Ken Saro Wiwa verrà impiccato il 10 novembre 1995. L’Ogonoland fu invaso, i villaggi bruciati e la popolazione perseguitata e uccisa. La manifesta complicità della Shell nell’esecuzione avviò una campagna di boicottaggio internazionale. Nel giugno del 2009 la Shell ha preferito patteggiare l’accusa di complicità nell’omicidio di Saro Wiwa pagando un importo di 15,5 milioni di dollari (11,1 milioni di euro), “stoppando” così alla prima udienza quello che poteva rivelarsi un imbarazzante processo.

Per Senza Soste, Orlando Santesidra

Riferimenti al tema:

Ken Saro-Wiwa, Un mese e un giorno, storia del mio assassinio, B.C. Dalai Editore, 2010.

Ken Saro-Wiwa, Sozaboy, B.C. Dalai Editore 2010.

Daniele Pepino (a cura di), Delta in rivolta. Suggerimenti da una “insurrezione asimmetrica”, Porfido 2009.

Previous Sabato 18 novembre Livorno scende in piazza a fianco dei comitati nati dopo l'alluvione del 10 settembre
Next Servizio cremazione, PRC: "Il privato come categoria ideologica"

You might also like

Anniversari

20 dicembre 1973: Eta giustizia Carrero Blanco

tratto da InfoAut Da diversi anni ormai, la dittatura fascista del generale Francisco Franco è scossa da un crescente malcontento sociale, che trova nelle mobilitazioni operaie la valvola di sfogo

Anniversari

9 maggio. Ulrike Meinhof. Rapporto della commissione internazionale d’inchiesta sulla sua morte

Il 9 maggio ricorre (oltre all’anniversario dell’assassinio di Peppino Impastato) l’anniversario dell’assassinio di Ulrike Meinhof, nel carcere di Stammheim. Già in passato questo blog si è occupato di questa figura

Anniversari

80 anni fa la morte di Antonio Gramsci: “L’indifferenza, peso morto della storia”

L’ottantesimo anniversario della morte di Gramsci non può passare inosservato. Gramsci è uno dei più grandi pensatori marxisti di tutti i tempi, e a tutt’oggi rappresenta un’importante riferimento per tutti