Asia denuncia: “No a ricatti e sfruttatori all’occupazione del Picchetto”

asia-denuncia-picchettoIl comunicato dell’iniziativa di denuncia che ieri ha visto protagonisti gli iscritti al sindacato Asia/usb e del comitato diritto all’abitare. Una denuncia di episodi gravi all’interno di occupazioni cittadine e che ha denotato il coraggio di denuncia da parte di chi pratica difesa degli sfratti e occupazioni abitative in modo serio.

Come comitato diritto all’abitare e iscritti al sindacato Asia questo pomeriggio alle 18 andremo di fronte al palazzo del Pichetto in piazza Guerrazzi, occupato da circa un anno, che ospita un numero imprecisato di famiglie in difficoltà economica.

Saremo li davanti per denunciare pubblicamente il pericoloso atteggiamento da parte di alcuni occupanti della struttura e personaggi esterni che, dalle informazioni in nostro possesso, minacciano e ricattano alcuni inquilini per ottenere compensi economici. Una pratica infame e pericolosa che non può essere tollerata soprattutto da chi si impegna da anni per aiutare, ovviamente senza ricevere nulla in cambio, famiglie che vivono situazioni di disagio abitativo.
Saremo li davanti anche per portare la nostra solidarietà a quegli inquilini costretti a subire atteggiamenti di questo tipo.

Asia-Usb e Comitato diritto all’abitare

23 novembre 2016

Previous Di Renzi si può fare a meno, parola di Economist
Next “Pizzo” nelle case occupate? Facciamo chiarezza

You might also like

Livorno

Rifiuti Zero: “Esposto contro Aamps e Comune, inadempienti da 8 anni su raccolta differenziata”

tratto da http://rifiutizerolivorno.blogspot.it Mancano pochi giorni alla votazione del piano di concordato Aamps da parte dell’assemblea dei creditori, ma il suo contenuto è ancora sconosciuto sia per i consiglieri comunali,

Livorno

Giovedì 17 novembre alla Goldonetta: “La trasformazione di Livorno”

Da anni la nostra città si avvita su una crisi che sembra non avere fine. Ad oggi, dopo infinite promesse e false illusioni che le varie istituzioni ci hanno “venduto”,

Interventi

BL: “I progetti della Stazione Marittima e del Waterfront per affermare le priorità pubbliche e locali”

A seguito dell’approvazione, nel marzo 2015, dell’accordo per il piano regolatore portuale e delle varianti al piano urbanistico comunale, si è aperta una fase di attuazione e revisione delle trasformazioni