Asia-Usb, presidio permanente in p.zza Grande: “Ogni settimana 10 famiglie finiscono per strada a causa di uno sfratto”

Da oggi fino a sabato le famiglie sotto sfratto o in occupazione sostenute da Asia saranno in piazza Grande in presidio permanente

Ogni settimana, a Livorno, 10 famiglie finiscono per strada a causa di uno sfratto.

asia-comuneSono questi i numeri indicativi dell’emergenza abitativa nella nostra città. Agli sfratti si devono aggiungere i pignoramenti e  gli sgomberi anche’essi ormai eseguiti a cadenza settimanale. La prossima settimana una famiglia di 7 persone tra cui un minore disabile sarà sfrattata senza alcuna soluzione alternativa.

Livorno sta attraversando una crisi senza precedenti. Dopo aver perso il lavoro molte famiglie non riescono più a pagare l’affitto o il mutuo e si trovano, nel giro di un anno, senza un’abitazione dove vivere.

Ma l’emergenza abitativa non è solo questo. Quante sono le giovani  coppie, le famiglie e i singoli costretti a vivere in casa di genitori e parenti? Cittadini che avrebbero diritto ad avere la propria autonomia ma che a causa della disoccupazione e degli stipendi da fame non riescono a permettersi un affitto o un mutuo?
Siamo convinti che il vittimismo non serva a nulla. l’Italia è uno degli stati Europei con la pressione fiscale più alta, cioè un paese che pretende moltissimo tra tasse e imposte. Lo stato e le istituzioni hanno il DOVERE di sostenere le famiglie quando si trovano in difficoltà.

Non chiediamo elemosine ma diritti sacrosanti. Invece molto spesso le famiglie vengono abbandonate a se stesse. In
preda a leggende metropolitane sugli stranieri “privilegiati” quando in  realtà le famiglie straniere residenti vivono gli identici problemi  degli Italiani (disoccupazione e salari bassi) e i profughi vengono  ammassati come sardine nei centri di “accoglienza”  alimentando il
business della mafia. In questo contesto non esistono privilegiati. Esistono, da una parte, palazzinari e speculatori che ingrassano grazie all’emergenza abitativa e alla povertà e dall’altra i cittadini (italiani e stranieri) strozzati dai mutui, dagli affitti di mercato e dai debiti.

Nel 2016 il comune di Livorno ha assegnato una ventina di appartamenti per emergenza abitativa agli sfrattati su un totale di 270 esecuzioni di sfratto durante l’anno. Dallo stato e dalla regione sono arrivate delle briciole sotto forma di contributi per i proprietari che decidono di stipulare un nuovo contratto di affitto alla stessa famiglia che stanno cercando di sfrattare (???!!) o per gli inquilini morosi che riescono a stipulare un nuovo contratto con un altro proprietario (???!!).
Ovviamente questo meccanismo non è servito a nulla. Se non fosse una tragedia sociale sarebbe da scrivere una barzelletta.  Il Prefetto potrebbe rinviare d’ufficio un’esecuzione di sfratto ma ha dichiarato di essere disponibile a farlo solo con il consenso del proprietario di casa (???!!). Siamo alla follia….

Come famiglie sotto sfratto e occupanti abbiamo deciso di presidiare questa piazza ad oltranza per lanciare un segnale a tutti i cittadini e alle istituzioni. Non vogliamo trovarci a dover occupare anche noi  un alloggio per evitare di lasciare i nostri figli per strada. Troviamo delle alternative.

Le famiglie sostenute dal sindacato inquilini Asia-Usb

6 aprile 2017

Previous 8-10 aprile: Lucca contro il G7. Appello per contestare i grandi della terra
Next Lavoro e banche. Obiettivo: rendere il paese autonomo dalla realtà per una breve stagione

You might also like

Città

La mensa dei richiedenti asilo non si fa più: proteste, reazioni e strumentalizzazioni

Nei giorni scorsi a Livorno è uscita su Il Tirreno la notizia che in via Michon, quartiere Borgo Cappuccini, stava nascendo un progetto per aprire una mensa che servisse circa

Città

Camp Darby: appello per la mobilitazione contro la costruzione della ferrovia della morte

Il 22 settembre scorso sono stati affidati i lavori per realizzare il nuovo tronco ferroviario dedicato al trasporto di armi e munizioni a Camp Darby. Il cantiere dovrebbe aprire a

Città

BL: “Porta a Porta: un servizio da migliorare!”

Dopo anni di immobilismo e di spirito di conservazione, il Comune di Livorno (a partire dal secondo mandato Cosimi e poi con Nogarin) ha introdotto la raccolta porta a porta