BL: “Accordo di programma, brutte sorprese”

Ancora ritardi nell'attuazione dell'accordo di programma per l'area di crisi complessa livornese: l'intervento di Buongiorno Livorno

invitalia accordo programmainvitalia accordo programmaL’Assessore Martini cade dalle nuvole e scopre, a tre giorni dall’apertura del bando per l’assegnazione dei 10 milioni di incentivi previsti dal Progetto di riconversione e riqualificazione industriale per Livorno, che l’intero #PRRI non è stato registrato dalla Corte dei Conti.

Questo significa che non solo il bando per i 10 milioni slitta, ma che anche il bando di gara per Darsena Europa è stato pubblicato senza aver fatto prima questo passaggio fondamentale?
La Corte dei conti, in base alla Costituzione, accerta che gli atti dell’esecutivo siano conformi a norme di legge, in particolare a quelle del bilancio.
Garantisce, tra l’altro, che esista la reale copertura finanziaria del finanziamento concesso, in questo caso, dallo Stato e dalla Regione.
Il procedimento inizia con l’invio dell’atto sottoposto a controllo al competente ufficio della Corte dei conti.
Ove l’atto sia ritenuto legittimo, la Corte lo ammette al visto e alla registrazione.
Da quel momento l’atto acquista efficacia, cioè produce effetti giuridici.
In poche parole il finanziamento statale promesso dal Governo per l’area di crisi livornese diventa efficace solo dopo il controllo della Corte.

Vogliamo sapere se gli atti del PRRI siano stato correttamente inviati e, in caso affermativo, se siano emersi impedimenti alla loro approvazione e registrazione.
Chiediamo all’amministrazione della nostra città di prendere subito un impegno in questo senso.

Il Direttivo di #BuongiornoLivorno

4 febbraio 2017

Link utili:
Area di crisi complessa: slitta di un mese il bando Invitalia
Aiuti per area di crisi industriale – Polo produttivo dell’area costiera livornese

Previous Sabato 18 febbraio: "Amedspor", una storia di calcio nel Kurdistan che resiste
Next Capire gli anni '10. Bello Figo "dabba" un paese stanco

You might also like

Città

“Le minacce di Ato su Aamps sono ridicole. Il Comune smetta di subirle”

Continuano le minacce dell’ATO Rifiuti contro la città di Livorno, per costringere il Consiglio Comunale democraticamente eletto a conferire Aamps in una mega-società privatizzata, chiamata Retiambiente, che progetta di incenerire

Dintorni

Rossi ha dichiarato lo stato di emergenza: l’obbligatorietà del dissalatore non è più rinviabile!

Il direttore dell’Autorità Idrica Toscana intervistato al telegiornale regionale ha dichiarato che la Val di Cecina è uno dei territori toscani più sofferenti per la mancanza d’acqua e noi sappiamo

Città

“Emergenza influenza? No, a Livorno esiste l’emergenza Sanità, che si cerca di affrontare dirottando risorse alle strutture private”

In questi giorni stiamo assistendo alla ormai puntuale farsa ‘dell’emergenza influenza’, farsa certamente non per le persone colpite dal virus e dai loro familiari, ma che diventa tale, ogni anno,