BL: “Chiediamo chiarezza sulle nuove sale da gioco d’azzardo a Livorno”

slot-machineIl gioco con vincite di denaro è lecito e con quasi 10 miliardi di Euro incassati dalle varie società concessionarie (dato del 2014) è diventato un settore importante dell’economia. Rappresenta un fenomeno in crescita. Molto più spesso che alla grande fortuna porta invece a seri problemi sociali, economici, legali e perfino sanitari. La ludopatia, ovvero la dipendenza patologica dal gioco, infatti, non è solo un fenomeno sociale, ma dal 2012 è riconosciuta come vera e propria malattia.

Livorno ha una tradizione di gioco antica e radicata. Con la crisi economica persistente, con tutte le sue conseguenze sui singoli, il numero di persone che spera in una vincita di denaro aumenta. I gestori hanno reagito e le possibilità per giocare oggigiorno sono diventate numerose e variegate. In centro, nei quartieri e in periferia si trovano tabaccherie, bar con apparecchi slot, ma anche delle sale gioco. Con preoccupazione osserviamo infatti che le nuove sale da gioco d’azzardo sono spesso situate nei quartieri popolari e che la clientela di alcuni locali livornesi, provvisti di slot, stia diventando sempre più multietnica.

Buongiorno Livorno, da sempre attenta al fenomeno, sta registrando l’apertura di nuove sale giochi che non sembrano rispettare la distanza minima di 500 metri dai luoghi sensibili (scuole, luoghi di culto, centri di aggregazione ecc.), come previsto dal “Regolamento per l’apertura e per l’esercizio delle sale giochi e degli spazi per il gioco con vincita di denaro” del Comune di Livorno (con Deliberazione C.C. n. 272/2016 del 19.10.2016).
Abbiamo quindi depositato una interpellanza per fare chiarezza sulla motivazione per la quale è stata rilasciata la licenza per tali esercizi.

L’attività di monitoraggio e del controllo per il rispetto delle regole è il primo passo assieme alla messa in campo di attività finalizzate a ridurre la patologia e la dipendenza che contribuiscono alla reale minaccia di impoverimento della popolazione e il deterioramento della salute e qualità di vita.

Gruppo sociale Buongiorno Livorno

17 maggio 2017

Previous Perquisizioni a Torino. Nei tribunali la solidarietà è sotto indagine, lo stupro è assolto
Next Successone Jobs Act: aumentano licenziati e contratti a termine

You might also like

Interventi

Otu: “No alla Bellana. Sì al porto turistico nel Mediceo”

Venerdi 21 ottobre 2016  ore 17,00 presso Libreria Erasmo Via degli Avvaloratri, 62 INCONTRO PUBBLICO: No alla Bellana. Si al Porto Turistico nel Mediceo. Partiamo da due note teoriche elementari:

Città

BL: “Emergenza sociale a Livorno: serve cambiare l’assessore”

Disoccupazione, emergenza abitativa, difficoltà a sopravvivere dignitosamente: la povertà a Livorno si fa sentire come nel resto del paese, anzi di più. Sono indispensabili politiche locali innovative e alternative all’austerità

Città

Centrale ex-Rosen: cosa emette, quanto ci costa

Il 1.12.16 al Mise il ceo Solvay Clamadieu, il sottosegretario Scalfarotto e Enrico Rossi firmano un protocollo d’intesa per permettere alla Solvay di Rosignano di “superare” una presunta “fase congiunturale”