BL: “L’Europa tradita, sessant’anni dopo”

la-vostra-voceSessant’anni fa, il 25 marzo 1957 a Roma, sono state gettate le basi dell’Europa così come la conosciamo oggi. I trattati di Roma sono stati fondamentali per la realizzazione e lo sviluppo dell’Unione Europea, con tutti i suoi limiti e le sue contraddizioni che sembrano esplodere in questi ultimi anni.

Una buona occasione per riscoprire e rileggersi Il Manifesto di Ventotene, steso nel 1941 da Altiero Spinelli e Ernesto Rossi insieme con Eugenio Colorni e Ursula Hirschmann, un fondamentale documento al quale gli “europeisti” hanno sempre detto di ispirarsi e che ha rappresentato la base della carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.
Quel manifesto e quelle visioni contenute comportavano grandi e audaci propositi di rinnovamento dai tratti fortemente socialisti. Basterebbe citare questi passi: “le forze economiche non debbono dominare gli uomini, ma essere da loro sottomesse, guidate, controllate nel modo più razionale, affinché le grandi masse non ne siano vittime”, “la proprietà privata dev’essere abolita, limitata, corretta, estesa caso per caso”, “non si possono più lasciare ai privati le imprese che, svolgendo un’attività monopolistica, sfruttano la massa dei consumatori”, e così via.
Dalla lettura di quel Manifesto comprendiamo bene non solo che quel progetto non è mai partito su tali basi, ma volge addirittura al declino anche l’interpretazione meramente bancaria “egoistica” che di quel progetto europeistico è stata attuata.
L’UE rappresenta bene il fondamentalismo “europeistico-monetario” generato dall’egoismo che viene a sua volta alimentato, del tutto avverso allo spirito di fratellanza e di solidarietà dei popoli che meno si abbina al capitalismo e al mercato.

Rileggersi Il Manifesto di Ventotene, oggi, aiuta a comprendere come l’ideologia capitalista abbia da sempre sostenuto ed esercitato opere di menzogna e di ipocrisia.

Direttivo di Buongiorno Livorno

Previous Trattativa Unicoop, verso l'accordo
Next Picnic davanti all'inceneritore: la protesta del Coordinamento Rifiuti Zero

You might also like

La vostra voce

Solidarietà dei Cobas ai lavoratori del Teatro Goldoni

La sera di giovedì 1 marzo  i lavoratori e le lavoratrici del Teatro Goldoni di Livorno hanno scioperato contro la presenza del candidato della Lega Lorenzo Gasperini, tristemente noto per le

La vostra voce

Un salto con la mente alla difesa di Livorno dagli austriaci

 “Stamani, passando per Piazza XI Maggio, mi sono immedesimato nella resistenza all’oppressione livornese del 10 e 11 Maggio 1849. Di fatti, “Mentre l’Europa ripiombava nella schiavitù, Livorno era l’unica ad

La vostra voce

Rsu Fiom Piaggio contro la disponibilità dei sindacati ai contratti di solidarietà

Come RSU FIOM, non condividiamo per niente la disponibilità espressa in Comune e sulla stampa dai Segretari Provinciali di FIOM, FIM e UILM alla firma anche quest’anno di Contratti di