Il Borgo si conferma: è sua la 51° Coppa Barontini. Contestato l’ex assessore Ritorni

foto di Marco Filippelli

Nella notte più bella della stagione remiera, il Borgo Cappuccini vince la Coppa Ilio “Dario” Barontini. Nella cornice dei fossi livornesi, il gozzo bianconero è riuscito nell’impresa di migliorare il tempo dei padroni di casa del Pontino San Marco, che con un’ottima prestazione erano stati i primi a scendere sotto i 15 minuti fissando il cronometro a 14’59”. Di appena un secondo meno il tempo dei borghigiani che per dar via ai festeggiamenti hanno dovuto attendere l’arrivo del Venezia, ultimo armo a partire, che non è andato oltre il terzo posto con un tempo di 15’07”. Quarta piazza per l’Ovosodo, quinto il San Jacopo, a seguire Ardenza, Salviano e Labrone. Per il Borgo Cappuccini si tratta del secondo successo di fila nella manifestazione che arriva dopo il buon secondo posto nella Risi’atori, vinta dal Venezia. Impressionante quest’anno la cornice di pubblico e la partecipazione alle fasi della gara, vissute per intero grazie alle riprese aeree effettuate dai droni che riportavano le immagini in diretta facebook  e sull’enorme maxischermo piazzato sulla spalletta di Piazza Garibaldi. Una novità che ha permesso al pubblico un’empatia ancora più forte con la manifestazione e permesso anche a chi si trovava fuori Livorno di vivere a suo modo l’evento.  Pontino e Venezia, come da tradizione, sono stati i passaggi più caldi della gara. Bandiere, cori e fumogeni hanno accompagnato la partenza e l’arrivo del gozzo giallorosso e altrettanto è successo al Venezia al passaggio sugli scali del Refugio, uno dei punti più accessi della manifestazione, anche in virtù della presenza di tanti tifosi della curva amaranto. Da segnalare uno striscione polemico nei confronti dell’ex assessore allo sport Claudio Ritorni (“Mi Ritorni in mente quanto sei stato prepotente. I.D.Barontini merita rispetto, vattene”), eletto di recente alla guida del comitato organizzatore della coppa Barontini, ma protagonista della discussa riforma delle gare remiere che ha causato l’accorpamento e la sparizione di diversi rioni. Il prossimo appuntamento è previsto sabato 30 giugno con il Palio Marinaro, evento conclusivo della stagione che proporrà un sfida quanto mai aperta nel tratto di mare al largo della Terrazza Mascagni.

Redazione

Previous Immgrazione, basta isterie
Next Settore giovanile Livorno calcio: cambiare tutto per non migliorare niente

You might also like

Sport

Speciale Bielsa: “A lo loco se vive mejor”

PERSONAGGI – (prima parte) Per molti suoi colleghi è il miglior allenatore al mondo contemporaneo malgrado non abbia vinto (quasi) nulla. Perché a renderlo grande e a proiettarlo di diritto

Calcio

René Houseman: splendori e miserie di un artista del fútbol

Era un’ala destra pura, non a caso sulla schiena portava il numero 7. Era genio e sregolatezza. In campo faceva impazzire tutti con i suoi dribbling secchi (da qui uno

Sport

Piccole speranze urbane: la prima scuola calcio del Centro Storico Lebowski

“Da oggi siamo i vostri ultras”. Sono passati ben oltre dieci anni dal giorno in cui una compagnia di ragazzini decise di iniziare a seguire il Lebowski, “questa squadra che