Buongiorno Livorno organizza uno “Sportello Sociale”: ecco le date

Buongiorno Livorno, con il suo Gruppo Sociale, organizza e promuove un nuovo servizio territoriale di orientamento e informazione legale gratuiti per tutti gli abitanti della città, attraverso la collaborazione volontaria di esperti e professionisti: lo sportello sociale. Esso è rivolto a tutte le persone e cura in modo particolare tutte quelle che vivono in condizioni di difficoltà e di emarginazione legate alle condizioni economiche, alla lingua, alla mancata integrazione e/o a difficoltà relazionale per vari motivi.
Lo sportello fornisce consigli di natura legale, informazione, orientamento, con particolare attenzione alle persone più deboli, e principalmente nelle materie relative al lavoro, al diritto penale, all’immigrazione e alla famiglia. Il servizio proposto punta prioritariamente alla comunicazione, all’ascolto, all’accompagnamento delle persone; cercando di centrare l’attenzione sulle procedure, sulle informazioni, sulla documentazione necessarie per esercizio dei propri diritti.
Il servizio si rivolge anche a chi non ha dimestichezza con l’italiano e sarà presente una traduttrice/facilitatrice per inglese e spagnolo professionali e francese elementare.

Tale iniziativa è volta a coprire una lacuna che si registra in molti dei nostri quartieri nonostante l’art.22 della legge n°328/2000 preveda la realizzazione di un sistema integrato di servizi sociali che assicuri informazione e consulenza alle persone per poter fruire dei servizi. Con ciò si vuole tentare di ridurre quelle asimmetrie che troppo spesso non permettono alle fasce più deboli di usufruire dei servizi e di un’opportuna conoscenza legale. Il nostro sportello si differenzia da altre iniziative già presenti nel nostro territorio che fanno capo ai caf o ai sindacati per il suo carattere rivolto prevalentemente alla rimozione degli ostacoli sociali, psicologici e culturali che di fatto impediscono l’accesso ai servizi. Il nostro servizio non fornisce un’erogazione di servizi professionali, ma indica la strada e le giuste procedure, la necessaria documentazione e preziosi consigli legali per evitare errori che possano inficiare il godimento dei propri diritti.

Per Buongiorno Livorno il mutualismo, la gestione e la cura dei beni comuni e il reddito di cittadinanza sono i pilastri per un nuovo modello di welfare. Per il terzo serve una legislazione nazionale, per i primi due è possibile attivarsi e promuovere percorsi dai territori, fin da subito.
Lo sportello sociale rientra nelle logiche mutualistiche.

Il servizio si svolgerà:

– giovedì 3 maggio e giovedì 7 giugno dalle 17.00 alle 19.00 presso Circolo Arci #Iosono141 in via Terrazzini 31
– giovedì 17 maggio e giovedì 21 giugno dalle 17.00 alle 19.00 presso i locali dell’ex USL in via Ernesto Rossi 46 (con la presenza dell’esperto in materie lavoristiche)

Per informazioni chiamare il 349 – 4355521 o scrivere a segreteria@buongiornolivorno.it

Buongiorno Livorno è nata per dare delle risposte alla città: dopo cinque anni siamo ancora qui, più convinti e determinati che mai “Affinché nessuno rimanga indietro”!

Gruppo Sociale Buongiorno Livorno

Previous Cinema in Corea - Rassegna Maggio 18: Hanno ucciso Aldo Moro!
Next Non sottovalutate questa notte: sabato 5 maggio Myss Keta al The Cage

You might also like

Livorno

Sciopero lavoratori Goldoni: video, report e comunicato sindacale

Questa sera siamo venuti dai lavoratori e dalle lavoratrici del Teatro Goldoni Livorno. Sono tutti fuori dal teatro dalle ore 17 quando è iniziato lo sciopero indetto dalle Rsu di

Interventi

Darsena Europa e Accordo di programma: le posizioni di BL e SI

Accordo di programma. Livorno non può aspettare A maggio 2015 al cospetto di Renzi si firma l’Accordo di Programma che dovrebbe tirar fuori Livorno dalla sua crisi industriale complessa. Il

Città

BL: “Diseguaglianza, una scelta politica figlia del PIL”

Per quanto riguarda l’uguaglianza, questa parola non dev’essere intesa nel senso che il grado di potere e ricchezza debba essere esattamente lo stesso per tutti… nessun cittadino dovrebbe essere così