Buongiorno Livorno organizza uno “Sportello Sociale”: ecco le date

Buongiorno Livorno, con il suo Gruppo Sociale, organizza e promuove un nuovo servizio territoriale di orientamento e informazione legale gratuiti per tutti gli abitanti della città, attraverso la collaborazione volontaria di esperti e professionisti: lo sportello sociale. Esso è rivolto a tutte le persone e cura in modo particolare tutte quelle che vivono in condizioni di difficoltà e di emarginazione legate alle condizioni economiche, alla lingua, alla mancata integrazione e/o a difficoltà relazionale per vari motivi.
Lo sportello fornisce consigli di natura legale, informazione, orientamento, con particolare attenzione alle persone più deboli, e principalmente nelle materie relative al lavoro, al diritto penale, all’immigrazione e alla famiglia. Il servizio proposto punta prioritariamente alla comunicazione, all’ascolto, all’accompagnamento delle persone; cercando di centrare l’attenzione sulle procedure, sulle informazioni, sulla documentazione necessarie per esercizio dei propri diritti.
Il servizio si rivolge anche a chi non ha dimestichezza con l’italiano e sarà presente una traduttrice/facilitatrice per inglese e spagnolo professionali e francese elementare.

Tale iniziativa è volta a coprire una lacuna che si registra in molti dei nostri quartieri nonostante l’art.22 della legge n°328/2000 preveda la realizzazione di un sistema integrato di servizi sociali che assicuri informazione e consulenza alle persone per poter fruire dei servizi. Con ciò si vuole tentare di ridurre quelle asimmetrie che troppo spesso non permettono alle fasce più deboli di usufruire dei servizi e di un’opportuna conoscenza legale. Il nostro sportello si differenzia da altre iniziative già presenti nel nostro territorio che fanno capo ai caf o ai sindacati per il suo carattere rivolto prevalentemente alla rimozione degli ostacoli sociali, psicologici e culturali che di fatto impediscono l’accesso ai servizi. Il nostro servizio non fornisce un’erogazione di servizi professionali, ma indica la strada e le giuste procedure, la necessaria documentazione e preziosi consigli legali per evitare errori che possano inficiare il godimento dei propri diritti.

Per Buongiorno Livorno il mutualismo, la gestione e la cura dei beni comuni e il reddito di cittadinanza sono i pilastri per un nuovo modello di welfare. Per il terzo serve una legislazione nazionale, per i primi due è possibile attivarsi e promuovere percorsi dai territori, fin da subito.
Lo sportello sociale rientra nelle logiche mutualistiche.

Il servizio si svolgerà:

– giovedì 3 maggio e giovedì 7 giugno dalle 17.00 alle 19.00 presso Circolo Arci #Iosono141 in via Terrazzini 31
– giovedì 17 maggio e giovedì 21 giugno dalle 17.00 alle 19.00 presso i locali dell’ex USL in via Ernesto Rossi 46 (con la presenza dell’esperto in materie lavoristiche)

Per informazioni chiamare il 349 – 4355521 o scrivere a segreteria@buongiornolivorno.it

Buongiorno Livorno è nata per dare delle risposte alla città: dopo cinque anni siamo ancora qui, più convinti e determinati che mai “Affinché nessuno rimanga indietro”!

Gruppo Sociale Buongiorno Livorno

Previous Cinema in Corea - Rassegna Maggio 18: Hanno ucciso Aldo Moro!
Next Non sottovalutate questa notte: sabato 5 maggio Myss Keta al The Cage

You might also like

Livorno

Assemblea al Porca Vacca: una grandissima partecipazione. La Cgil risponde all’azienda

Ieri all’assemblea convocata dagli ex lavoratori licenziati da Porca Vacca si sono presentate centinaia di persone. Oltre alle sigle sindacali di Cgil (a cui erano iscritti i 4 licenziati) e

Interventi

Bacini di riparazione e prescrizioni ambientali. INTERVIENE IL DIFENSORE CIVICO TOSCANO!

Manca chiarezza nella coerenza del piano regolatore e trasparenza sull’uso dei bacini. La Regione Toscana interpellata scrive che le prescrizioni ambientali, vista la destinazione d’uso residenziale dell’area dei bacini, potrebbero

Città

“No ai cassonetti interrati. Sbagliata la petizione nel quartiere Scopaia”

Abbiamo notato con preoccupazione come l’estensione della raccolta differenziata porta-a-porta a Livorno stia provocando petizioni di protesta addirittura preventive, come accaduto nel quartiere Scopaia, che rischiano anche di gettare una