Case popolari a Livorno: il 96,83% sono assegnate a italiani ma ne sono rimaste solo 5617

Le case popolari a Livorno sono 5617 e saranno sempre meno. È questo il dato più importante per capire perché non ci sono risposte al crescente numero di sfratti e di difficoltà da parte di singoli e famiglie. Negli anni '80 le case popolari erano oltre 12.000 ed oggi sono meno della metà, proviamo a spiegare perchè

Questo è il grafico delle assegnazioni delle case popolari a Livorno.

Primo dato poco utile ma che va sottolineato: il luogo comune delle “case popolari che vanno tutte agli stranieri” è smontato. Come poi si può vedere in uno dei link in fondo al post anche le assegnazioni annuali sono limitate, il nodo è che quelle totali sono poche. E passiamo quindi al secondo dato che è quello centrale.

Secondo dato determinante. Le case popolari a Livorno sono 5617 e saranno sempre meno. È questo il dato più importante per capire perché non ci sono risposte al crescente numero di sfratti e di difficoltà da parte di singoli e famiglie.

Negli anni ’80 le case popolari erano oltre 12.000 ed oggi sono meno della metà. Perché? Perché il governo e gli enti locali decisero che il costo delle manutenzioni era alto e con la vendita agli assegnatari sarebbero entrate risorse per costruirne altre. Ma alla fine il costruito è stato giocoforza inferiore al venduto così che negli anni le case pubbliche a disposizione sono sempre diminuite. Se vendo 100 e ricostruisco 50, se abbatto 100 e ricostruisco 50 dopo 10 anni, nel giro di una decade il patrimonio è dimezzato.

C’è anche un altro fattore: dall’abolizione dell’equo canone passando per le privatizzazioni, la casa (il mattone) è diventato un bene esclusivamente di mercato dove i grandi capitali hanno investito e rifugiato le proprie risorse. Non per niente la crisi finanziaria in atto e le molte bolle scoppiate in questi anni erano legate proprio a edilizia e mutui. Quindi è chiaro che se quello delle abitazioni è un mercato dove ci sono dentro capitali potenti, nessuno si immagina di fare una vasta politica pubblica di costruzione, conversione o ristrutturazione da destinare a case popolari perché farebbe crollare il valore degli investimenti fatti da banche e palazzinari nell’edilizia privata.

Infatti un tempo per le case popolari c’era il fondo GESCAL che pagavano in busta paga i lavoratori ed a cui contribuivano gli imprenditori. Quella politica è finita oltre 20 anni fa ed i fondi GESCAL finirono nella cassa depositi e prestiti che un tempo doveva servire a dare prestiti a basso tasso agli enti locali. Nella cassa depositi e prestiti sono entrati i privati fra cui molte fondazioni bancarie legate a palazzinari. E quindi nessuno ha interesse a costruire case pubbliche.

http://www.neodemos.info/…/gescal-fondi-inoperosi-e-case-…/…

http://www.senzasoste.it/cassa-depositi-prestiti-si-vendon…/

Sull’argomento vedi anche

http://archivio.senzasoste.it/…/livorno-le-case-popolari-va…

http://www.archivio.senzasoste.it/…/ritardi-e-carenze-di-pr…

Questo invece il post del Gruppo consiliare Movimento 5 Stelle Livorno dove è stato preso il grafico
https://www.facebook.com/250593535135833/posts/894096540785526/

Previous Per una piccola rivoluzione della fiera: al via la seconda edizione di Firenze Libro Aperto
Next 6 punti sulla bozza di manovra del governo: rischi, benefici e obiettivi politici

You might also like

Locali

Il sistema Rossi tra tagli e buchi: la salute negata

Il 22 marzo scorso è stato presentato a Livorno il nuovo libro di Daniele Rovai e Maria Salerno, Salute negata. Il libro offre un panorama della sanità toscana dopo la

Locali

Braccialetti RFID agli spazzini livornesi: l’ennesima inutile battaglia mediatica ed elettorale

La questione dell’uso di braccialetti con tecnologia RFID da parte dei lavoratori AVR (appalto Aamps) per lo svuotamento cestini sta diventando, come sempre una questione strumentale e con reazioni che

Editoriali

Il caldo abbraccio del Vescovo Giusti a Matteo Salvini

“Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli, perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto