Catalogna: rischi, conflitti e prospettive. Niente è scontato

C'è da dividere la reazione e la saldatura della società catalana contro la spinta repressiva di Rajoy da un'analisi seria su prospettive e risultati di questa forte, e forse azzardata, spinta indipendentista

Oggi in Catalogna è stato proclamato sciopero generale da una serie di sindacati catalani e autonomi più la CNT di matrice anarchica.

Uno sciopero che va in continuità con le mobilitazioni di questi giorni sia per il referendum indipendentista che come reazione alla scelta del governo centrale di Madrid di fermare con la violenza la consultazione stessa. Fatto che ha compattato il fronte catalano anche con coloro, ad esempio Podemos e la sindaca di Barcellona Ada Colau, che non erano d’accordo con la modalità del referendum e con l’accelerazione politica data da Puigdemont e i centristi al governo della Regione.

Ai piani alti intanto si tratta perché entrambe le parti sanno che il terreno si è fatto molto scivoloso.

A noi però interessa capire quali sono le dinamiche reali che hanno portato a questo scontro e soprattutto le prospettive teorizzate e probabili di questa vicenda.

Partiamo dagli aspetti positivi. Vedere decine di migliaia di persone in piazza che rivendicano di partecipare e votare e che sfidano un potere centrale non è cosa da tutti i giorni in Europa. È comunque simbolo che la società catalana è viva, molto più viva di altre, confermando una tendenza progressista che la base di lavoratori, studenti, precari, disoccupati e società organizzata hanno sempre dimostrato. Quindi pensiamo che nessuno possa “sputare” su mobilitazioni che comunque sono anche frutto delle contraddizioni espresse dalla crisi. Senza dimenticare la profonda frattura storica, mai sanata fino in fondo dalla Costituzione del 1978, fra società spagnola (e i suoi strascichi franchisti) e catalani che dalla guerra civile in poi hanno versato il loro sangue.

C’è però un altro aspetto, di natura politico-economica, più complesso e che non può però rimanere condizionato dalla rabbia e dallo schifo delle immagini viste ai seggi con la Guardia Civil e i reparti speciali protagonisti di violenze contro gente inerme.

Qual è il nodo politico? È la prospettiva. Perché al di là del tipo di Stato o della forma di governo, un territorio è determinato soprattutto dal tipo di società e di economia riesce a costruire. È allora invece di fare polemica o discutere se chiedere l’indipendenza catalana sia di destra o di sinistra, sarebbe meglio concentrarsi per quale società e prospettiva economica stanno lottando i catalani e se essa combacia con quella delle élites. O se comunque ci sono concrete possibilità che in questa dinamica indipendentista possano prevalere forze antisistema o antiliberiste. Al momento pare di no, ma non siamo in grado di verificare se la CUP o la semplice dinamica di piazza delle migliaia di persone (e di molti militanti, lavoratori o sindacalisti) stia rafforzando un’idea diversa da quella di Puigdemont. Perché il presidente catalano ha tentato l’azzardo, ma lo ha fatto con una chiara idea di economia, di partnership con l’Ue e di società che continui nel solco già delineato. È chiaro che una parte di coloro che oggi sono indipendentisti vogliano giocare le proprie carte (cioè il sistema economico catalano) sul mercato UE perché si considerano più competitivi del sistema spagnolo visto come un fardello.

Stiamo a vedere. I rapporti di forza si creano anche stando dentro le contraddizioni e nelle situazioni che nascono comunque da una condizione di crisi. Basta avere chiaro quali sono i rischi e come relazionarsi con chi, fuori dalla Catalogna, appartiene alla stessa classe sociale o ha prospettive simili. Sennò diventa una situazione il cui interesse è limitato ai confini catalani.

Quindi sinistra o destra? Probabilemente l’indipendentismo è spesso la via più semplice, la scorciatoia, per reagire ad un malessere. Bisogna vedere se è anche efficace. Diventerà un cortile e un semplice staterello con qualche vantaggio fiscale per attirare nuovi capitali, oppure rappresenterà la punta più avanzata della messa in crisi del sistema UE e una guida per tanti popoli addormentati? Per noi il nodo di tutto è questo.

Foto dal profilo Ex OPG Occupato – Je so’ pazzo

redazione, 3 ottobre 2017

Previous Enrico Rossi, la strana storia dell'accordo con la Autorità Portuale di Civitavecchia ed i poteri su Livorno
Next Livorno, la maggioranza che non c’è. E l’opposizione, neppure

You might also like

Editoriali

Grillo a Palermo: il M5S continua a guardarsi l’ombelico

Non siamo tra quelli che si terrorizzano per l’egemonia dello spettacolo nella politica. Il movimento 5 stelle però questa egemonia l’ha naturalizzata, come ha fatto il Pd, un po’ troppo

Nazionali

Amministrative 2017: segni evidenti di un declino a 5 stelle

Nell’analisi del voto del primo turno delle amministrative 2017 cerchiamo di evitare il gioco delle tabelline: il numero degli elettori, delle percentuali raggiunte da un qualche partito, dei voti reali,

Editoriali

Occupazione Fortezza Nuova: tutti assolti! Fra 60 giorni le motivazioni

Ve la ricordate la vicenda della condanna (senza processo, attraverso un decreto penale di condanna) di 22 persone per l’occupazione della Fortezza Nuova (chiusa e abbandonata) che da anni ospitava