Cinema in Corea – Rassegna marzo 2017: “Questa è la mia terra”

CINEMA IN COREA MARZO 2017

QUESTA E’ LA MIA TERRA

locandinamadriCinque film documentari sulla Palestina, sulla convivenza nella medesima terra, santa e maledetta al tempo stesso, di popoli e persone separate da muri, recinzioni, luoghi di culto, colore della pelle ecc. Gli autori giustamente non danno risposte politiche o ideologiche, non indicano soluzioni. Evidenziano però la necessità del rifiuto del ricorso alle armi, del dialogo, del riconoscimento dell’altro, del rispetto dei suoi diritti, in una terra dove il processo di disumanizzazione pare inarrestabile. Questa terra è anche la tomba di Rachel Corrie, di Vittorio Arrigoni e di altri giovani volontari internazionali che, in nome della nonviolenza e della laicità, hanno pagato il massimo tributo per i loro ideali di pace, giustizia, solidarietà.

Venerdì 3     MADRI  di Barbara Cupisti, Italia, 2007

Venerdì 10   THIS IS MY LAND…HEBRON di Giulia Amati, Stephen Natanson. Italia, 2010

Venerdì 17   RACHEL di  Simone Bitton. Francia, 2008

Venerdì 24   ARNA’S CHILDREN di Juliano Mer Khamis e Danniel Danniel. Germania-Israele, 2004

Venerdì 31  IL VIAGGIO DI GESU’ di Sergio Basso. Italia, 2007

Inizio film alle ore 21,30

Ingresso a offerta libera

Rassegna a cura di Paolo Gemignani


Associazione don Nesi/Corea

Via G. La Pira 11, quartiere Corea, Livorno

www.associazionenesi.org

email: associazione@associazionenesi.org

tel/fax- 0586/424637


 

Previous "Accelerare la bonifica dei pozzi inquinati da trielina e far funzionare a pieno regime il progetto Aretusa"
Next Articolo-reportage sull'esperienza a Izmir

You might also like

Suoni

Lifetime: il disco della maturità dei 7Years

A Livorno, da anni, i 7Years sono il catalizzatore della vivace scena dell’HC californiano (ho un problema ideologico a chiamarlo, come tutti, HC melodico, scusate). Attivi dai primi anni zero, i

Visioni Suoni Letture

Livorno, la paura fa… Fi.Pi.Li!

Quello che spaventa me è quello che spaventa te. Temiamo tutti le stesse cose. Ecco perché l’horror è un genere così potente. (John Carpenter) Da sei anni c’è a Livorno

Visioni Suoni Letture

Vajont: la cupidigia del potere

Nel 2013, a 50 anni dalla strage, uscì la ricostruzione a fumetti di una delle tragedie più annunciate e denunciate della storia italiana. “Il genocidio di un’intera comunità, provocato dalla