Comunicato Cobas sulle denunce in seguito ai fatti di Effetto Venezia

La prima sera dell’edizione di Effetto Venezia 2018 ben due reparti della Celere erano intervenuti per togliere uno striscione che riportava la scritta “EFFETTO PD-LEGA-5 STELLE, 11 AGGRESSIONI IN 50 GIORNI: IL VOSTRO RAZZISMO È EMERGENZA. IL VERO CAMBIAMENTO: CASA LAVORO REDDITO PER TUTTI. LEGA FUORILEGGE.” Alla comprensibile contrarietà dei presenti erano partite le cariche, provocando molti feriti.
Già allora avevamo espresso indignazione per questa palese e gratuita repressione del dissenso e della libertà di espressione.
Oggi, nell’apprendere che le indagini preliminari relative a quei fatti si sono concluse con un procedimento a carico di 10 persone, non possiamo che ribadire la nostra solidarietà al Teatro Officina Refugio, a coloro che quella sera hanno subito l’aggressività della Celere e che ne stanno scontando ora le conseguenze, e a tutte le persone che si sono sentite e che ancora si sentono limitate nelle loro libertà a causa di episodi come questo.
Con un vicepremier che parla di ruspe e che è il primo esponente di un partito condannato per truffa, si cerca di tappare la bocca a chi non ha scritto altro che la verità. Vergogna.
E’ stata convocata per oggi, 17 novembre, una conferenza stampa.

Cobas Livorno

Sede
V.le Ippolito Nievo 28
Livorno

Previous Lo spread sul filo del rasoio tra mito e realtà
Next I migliori dischi del 2018: uno scontro generazionale ed è giusto che sia così

You might also like

La vostra voce

In Comune registro per le condoglianze per la morte di Fidel Castro fino al 4 dicembre

APERTO DA MARTEDÌ 29 NOVEMBRE A DOMENICA 4 DICEMBRE A PALAZZO COMUNALE UN REGISTRO PER LE CONDOGLIANZE PER LA MORTE DI FIDEL CASTRO. AL TERMINE DELLA RACCOLTA DELLE FIRME SARÀ

La vostra voce

Le forze dell’ordine intervengono a un’assemblea degli studenti a Cascina. I docenti: azione inammissibile

A seguito dell’interruzione didattica dovuta all’assemblea permanente e successiva occupazione, proclamata dagli studenti dell’IISS Pesenti, anche i docenti si sono riuniti in una propria assemblea per prendere posizione rispetto al

La vostra voce

Sindacati inquilini alla Regione: “Così è la fine delle case popolari”

La fine delle case popolari come sostegno all’emancipazione sociale per migliaia di famiglie toscane I Sindacati inquilini SUNIA-SICET-UNIAT-UNIONE INQUILINI e dei lavoratori CGIL-CISL-UIL della Toscana, manifestano forti preoccupazioni riguardo la