Coordinamento Colline: “Il Comune ci ha impedito di fare l’iniziativa di quartiere al Parco Masini”

la-vostra-voceCon grande rammarico comunichiamo che l’iniziativa di questo pomeriggio con l’unità cinofila dei Vigili del Fuoco di Livorno al Parco G.Masini in viale del Risorgimento ci è stata fatta annullare. La motivazione sta nel fatto che nel suddetto parco è vietato l’ingresso ai cani. Questa motivazione ci è stata comunicata nel pomeriggio di ieri (venerdi 21 Ottobre).

Riteniamo questa decisione vergognosa ed umiliante per tutt* i cittadin* ed i bambini del rione. Vi raccontiamo come sono andati i fatti: i primi di ottobre abbiamo convocato un consigliere comunale (di professione Vigile del Fuoco) al Parco G.Masini per chiedere e farsi dare indicazioni su come poter svolgere questo tipo di iniziativa nel parco. Con grande disponibilità (ma poca competenza) ci ha spiegato tutti i passaggi formali da fare con il comando dei Vigili del fuoco e il responsabile dell’unità cinofila. Ci siamo da subito adoperati nel consegnare richiesta scritta e protocollata al comando e allo stesso tempo abbiamo avvisato la Vice Sindaco.

Dopo qualche giorno da parte del comando ci veniva richiesto che la domanda fosse richiesta da una associazione riconosciuta, cosi abbiamo rifatto la domanda a nome di una associazione attiva da anni e regolarmente registrata all’ufficio dell’entrate e abbiamo riconsegnato il tutto. Dal responsabile dell’unità cinofila ci veniva accordato l’OK e ci veniva chiesto di poter delimitare l’area dove i cani avrebbero svolto l’esercitazione. In comune accordo abbiamo deciso che i cani avrebbero fatto la loro esercitazione all’interno del campo da basket, completamente recintato e separato dal parco (in comune hanno solo l’ingresso). Dall’amministrazione comunale non abbiamo mai avuto nessuna notizia.

Giovedi 20 il Comune si fa vivo e ci chiede una mail dettagliata su cosa volevamo fare in quella giornata. Mandiamo immediatamente la mail con scritto che all’interno del parco non ci sarebbe stato nulla (gazebi,tavoli,sedie) e che i cani avrebbero svolto il loro lavoro all’interno del campo da basket.

Venerdi 21 la notiziona é che il comune non autorizza l’ingresso ai cani al parco G.Masini anche per pochi centimetri che li separa dal campo da basket. Noi rispondiamo i cani dei vigili del fuoco (cosi come altri cani, ad esempio i cani-guida per i non vedenti) hanno il brevetto per accedere ad ogni luogo (anche nelle scuole è vietato portare i cani, eppure entrano i cani poliziotto). Niente da fare… l’ufficio parchi e il comune non sentono discorsi, “l’iniziativa non si può fare, se la volete fare, vi diciamo noi dove e quando”.

A questa risposta non ci stiamo! Non ci facciamo prendere in giro dalle loro incompetenze, se il parco non andava bene lo potevano dire 20 giorni fa e non solo all’ultimo momento. Ci dispiace per le persone che sarebbero venute e quelle che ignare oggi verranno al parco. NOI SAREMO PRESENTI SPIEGANDO E DOCUMENTANDO IL TUTTO. Prendiamo atto che il dialogo con l’amministrazione comunale equivale ad una battaglia contro i mulini a vento e sottolineiamo che da questo polverone escludiamo i Vigili del Fuoco che si sono resi immediatamente disponibili, e a loro vanno tutti i nostri rispetto e stima.

Coordinamento di Quartiere Colline

22 ottobre 2016

Previous La vera “legge di stabilità” arriverà il 5 dicembre
Next BL: "Rigassificatore a Livorno. Tra fallimenti, rilanci e preoccupazioni"

You might also like

La vostra voce

A febbraio partono i nuovi corsi della “Libera Università Popolare Alfredo Bicchierini”

Libera Università Popolare “Alfredo Bicchierini” Livorno c/o via La Pira 11 (quartiere Corea), 57121 Livorno A febbraio partono nuovi corsi per la seconda sessione della stagione 2016-2017 della “Libera Università

La vostra voce

Usb Pisa: “Lunedì sciopero dei lavoratori Geofor”

Ora basta, è arrivato il momento di individuare i veri responsabili delle problematiche di Geofor, i lavoratori non possono sempre essere le vittime di scelte isteriche prese dal dirigente di

La vostra voce

Sindacati inquilini alla Regione: “Così è la fine delle case popolari”

La fine delle case popolari come sostegno all’emancipazione sociale per migliaia di famiglie toscane I Sindacati inquilini SUNIA-SICET-UNIAT-UNIONE INQUILINI e dei lavoratori CGIL-CISL-UIL della Toscana, manifestano forti preoccupazioni riguardo la