Il decreto Salva-Benetton del 2008? Salvini votò a favore!

I maggiori benefici per Autostrade per l'Italia furono votati nel giugno 2008 dal governo Berlusconi con il voto favorevole alla Camera di tutto il centrodestra, Matteo Salvini compreso

 Questo è un articolo del 2008 di Sbilanciamoci.info che denunciava il blitz del Parlamento con Forza Italia e Lega in maggioranza, per favorire i concessionari autostradali.

http://sbilanciamoci.info/la-controriforma-delle-autostrade-280/

Ecco un passaggio dell’articolo che spiega cosa fecero:

“Appena insediato, il nuovo governo Berlusconi ha annientato la riforma delle concessionarie autostradali voluta dal governo Prodi. Con un semplice emendamento a un decreto legge (articolo 8-duodecies legge 101/2008) approvato dal parlamento, ha modificato le norme e approvato per legge tutte le nuove convenzioni già sottoscritte tra Anas e concessionarie. Un’approvazione che elimina il parere del Nars, del Cipe e del parlamento, che avevano osato avanzare obiezioni e richiesto maggiori garanzie e controlli per l’interesse pubblico nelle nuove convenzioni.

Chi trarrà i maggiori benefici da questa automatica approvazione è certamente Autostrade per l’Italia (Aspi), la concessionaria che fa capo al gruppo Benetton, che si vedrà riconoscere aumenti tariffari di almeno il 70% dell’inflazione reale, da sommare a parametri di remunerazione degli investimenti, per tutta la durata della concessione e quindi fino al 2038″

Qui altri articoli a riguardo:

https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/silvio-berlusconi/

https://www.tpi.it/2018/08/19/salvini-decreto-benetton-autostrade/

Questa invece è la legge sul sito del Parlamento:

http://www.parlamento.it/parlam/leggi/08101l.htm

Questa è la votazione alla Camera con Salvini fra i favorevoli:

https://parlamento16.openpolis.it/votazione/camera/conversione-in-legge-del-decreto-legge-8-aprile-2008-n-59-recante-disposizioni-urgenti-per-lattuazione-di-obblighi-comunitari-e-lesecuzione-di-sentenze-della-corte-di-giustizia-delle-comunit/18648

Insomma, come sempre oltre gli slogan ci sono i fatti. Per risollevare questo paese serve impegno, conoscenza e serietà, specialmente da parte di noi cittadini. Gli slogan delle finte vergini e degli sciacalli invece non servono. Se è in grado, il governo sospenda o tolga le concessioni a Autostrade per l’Italia e ci dica quale modello di gestione delle infrastrutture propone. Perché di chi ha privatizzato tutto il privatizzabile, compresi i governi di cui Salvini e la Lega facevano parte, non ci fidiamo.

Qui è spiegato bene il come e il perché
http://contropiano.org/news/politica-news/2018/08/20/caro-di-maio-sulle-autostrade-faccia-due-domande-anche-alla-lega-0106841

Qui invece un articolo dettagliato su secretazione, inadempimenti e revoche

Cosa prevede la convenzione Autostrade – Anas e la sua revoca

 

redazione, 19 agosto 2018

Previous Potere al Popolo Livorno: 10 domande sul nuovo ospedale cittadino
Next Nuova autorizzazione regionale per la Lonzi Metalli?

You might also like

Nazionali

AC Pisa 1909, l’ultima vittima dell’intreccio tra calcio e finanza

Qualche giorno fa il Financial Times, per capire bene lo stato di salute del settore, ha fatto uscire un articolo sulll’ondata di investimenti di fondi cinesi nella Premier League, il

Internazionali

Nicaragua: Que se rinda tu madre

Il 18 di aprile Daniel Ortega ha unilateralmente approvato la nuova riforma sulla previdenza sociale (Instituto Nacional Seguridad Social). La riforma prevede un alzamento delle imposte sul reddito dei lavoratori

Nazionali

Nuovo governo, il falò delle vanità

Merita usare il titolo del romanzo più conosciuto del grande Tom Wolfe, che ci ha raccontato nel 1987 uno spaccato di Stati Uniti nell’anno della prima grande caduta di Wall