È uscito Senza Soste n. 120

Da oggi in edicola Senza Soste numero 120. Ecco la locandina, l’indice del giornale e i punti di distribuzione.

civetta-120Pagina 1

– A chi serve la riforma costituzionale? Serve ai tecnocrati europei e ai capitali finanziari per chiudere il cerchio col principio del pareggio di bilancio votato durante il governo Monti. In poche parole serve per sancire il primato di impresa e mercato su stato sociale e democrazia e per affondare definitivamente la capacità di spesa degli enti locali.
– Editoriale. AssessorIna.

Pagina 2 (Internazionale)

– Il fondamentalismo non è sempre islamico. In Polonia la “protesta nera” delle donne ferma una legge medievale.

– La “libertà” che hanno esportato. 15 anni di occupazione in Afghanistan.

Pagina 3 (Interni)          

– Accentrare per tagliare. L’obiettivo della riforma costituzionale è accentrare la spesa per poi tagliarla come vuole “l’Europa”.

Pagina 4 (Livorno)

– Il pasticcio delle case famiglia. Il nuovo bando per i minori in difficoltà lascia dubbi nel merito e nel metodo.

– Il lavoro impossibile. Il racconto di una 45enne aspirante hostess sulle condizioni dentro Ryanair.

Pagina 5 (Livorno)

– La telenovela del Luogo Pio. Il progetto di cementificare la Venezia è scongiurato, ma i danni li paga la collettività.

Pagina 6 (Per non dimenticare)

– Novembre 1966. 50 anni fa l’alluvione di Firenze, una storia di riscatto e autorganizzazione popolare.

Pagina 7 (Stile libero)

– La mano sinistra dell’Indi. Intervista al chitarrista, compositore e visual artist labronico Federico Silvi.

Pagina 8 (Sport)

– “El Loco” Marcelo Bielsa. Fenomenologia di un futurista prestato al calcio (prima parte).

Dove trovare Senza Soste:

edicola p.zza Damiano Chiesa – edicola Cisternone – edicola via Verdi – edicola· piazza del Municipio – edicola Baracchina Bianca – edicola Piazza Attias (angolo via Goldoni) – edicola Piazza Grande (lato via Pieroni) – edicola Piazza Grande (lato farmacia comunale) – edicola viale Carducci (angolo Risorgimento) – edicola/tabaccaio corso Mazzini (angolo via san Carlo) – edicola via Provinciale Pisana (S. Matteo) – Edicola via delle Sorgenti (angolo Donnini) – edicola viale Antignano (Scalinata) – edicola via Olanda (angolo via Francia) – Caffè Paradiso (via Maggi) – Bar Dolce Nera (via della Madonna angolo via Avvalorati) – Tabaccheria via Bosi (piazza XX Settembre) – Tabaccheria Corso Amedeo (angolo via Magenta) – Tabaccheria via Verdi – Videodrome (via Magenta) – Pizzeria Amaranto (via Lepanto) – Bar Il Progresso (via P.Pisana) – Bar B52 (Stagno) – Ex Aurora (viale Ippolito Nievo) – Cral Eni (viale Ippolito Nievo) – TeatrOfficina Refugio (Scali del Refugio 7) – Cp 1921 (via dei Mulini) – Ex Caserma Del Fante (via Adriana) – Emeroteca (via del Toro) – Trattoria La Sgranata (via di Salviano) – Campi calcetto Corea – Fondazione Don Nesi Corea – Ecomondo (via dell’Angiolo) – Centro Artistico il Grattacielo (via del Platano) – Nuovo Teatro delle Commedie (via Terreni) – La Svolta (viale Caprera) – Curva Nord Stadio (in occasione delle partite interne del Livorno)

Per ricevere il giornale direttamente a casa ogni mese, consultare l’apposita sezione “Sostienici” sul nostro sito.

Previous Madre Teresa, il dolore come business
Next Acqua: la garanzia di arricchirsi a spese dei cittadini. Vademecum per aspiranti soci privati di aziende idriche toscane

You might also like

Letture

Vajont: la cupidigia del potere

Nel 2013, a 50 anni dalla strage, uscì la ricostruzione a fumetti di una delle tragedie più annunciate e denunciate della storia italiana. “Il genocidio di un’intera comunità, provocato dalla

Visioni Suoni Letture

Sabato 18 febbraio: “Amedspor”, una storia di calcio nel Kurdistan che resiste

Un’iniziativa a cura della redazione di Senza Soste con la collaborazione del Coordinamento Toscano per il Kurdistan Ore 18:30 proiezione del documentario Ore 21:00 Cena sociale curda (Cous cous, pizza

Visioni

Fuocoammare: reazioni e recensioni

Fuocoammare o frammenti di un discorso umanitario di MIGUEL MELLINO e GIUSEPPE ORLANDINI – tratto da http://www.euronomade.info/?p=6931 Migrazioni e cinema “embedded” La rappresentazione delle migrazioni nel cinema italiano continua a