È uscito Senza Soste n. 120

Da oggi in edicola Senza Soste numero 120. Ecco la locandina, l’indice del giornale e i punti di distribuzione.

civetta-120Pagina 1

– A chi serve la riforma costituzionale? Serve ai tecnocrati europei e ai capitali finanziari per chiudere il cerchio col principio del pareggio di bilancio votato durante il governo Monti. In poche parole serve per sancire il primato di impresa e mercato su stato sociale e democrazia e per affondare definitivamente la capacità di spesa degli enti locali.
– Editoriale. AssessorIna.

Pagina 2 (Internazionale)

– Il fondamentalismo non è sempre islamico. In Polonia la “protesta nera” delle donne ferma una legge medievale.

– La “libertà” che hanno esportato. 15 anni di occupazione in Afghanistan.

Pagina 3 (Interni)          

– Accentrare per tagliare. L’obiettivo della riforma costituzionale è accentrare la spesa per poi tagliarla come vuole “l’Europa”.

Pagina 4 (Livorno)

– Il pasticcio delle case famiglia. Il nuovo bando per i minori in difficoltà lascia dubbi nel merito e nel metodo.

– Il lavoro impossibile. Il racconto di una 45enne aspirante hostess sulle condizioni dentro Ryanair.

Pagina 5 (Livorno)

– La telenovela del Luogo Pio. Il progetto di cementificare la Venezia è scongiurato, ma i danni li paga la collettività.

Pagina 6 (Per non dimenticare)

– Novembre 1966. 50 anni fa l’alluvione di Firenze, una storia di riscatto e autorganizzazione popolare.

Pagina 7 (Stile libero)

– La mano sinistra dell’Indi. Intervista al chitarrista, compositore e visual artist labronico Federico Silvi.

Pagina 8 (Sport)

– “El Loco” Marcelo Bielsa. Fenomenologia di un futurista prestato al calcio (prima parte).

Dove trovare Senza Soste:

edicola p.zza Damiano Chiesa – edicola Cisternone – edicola via Verdi – edicola· piazza del Municipio – edicola Baracchina Bianca – edicola Piazza Attias (angolo via Goldoni) – edicola Piazza Grande (lato via Pieroni) – edicola Piazza Grande (lato farmacia comunale) – edicola viale Carducci (angolo Risorgimento) – edicola/tabaccaio corso Mazzini (angolo via san Carlo) – edicola via Provinciale Pisana (S. Matteo) – Edicola via delle Sorgenti (angolo Donnini) – edicola viale Antignano (Scalinata) – edicola via Olanda (angolo via Francia) – Caffè Paradiso (via Maggi) – Bar Dolce Nera (via della Madonna angolo via Avvalorati) – Tabaccheria via Bosi (piazza XX Settembre) – Tabaccheria Corso Amedeo (angolo via Magenta) – Tabaccheria via Verdi – Videodrome (via Magenta) – Pizzeria Amaranto (via Lepanto) – Bar Il Progresso (via P.Pisana) – Bar B52 (Stagno) – Ex Aurora (viale Ippolito Nievo) – Cral Eni (viale Ippolito Nievo) – TeatrOfficina Refugio (Scali del Refugio 7) – Cp 1921 (via dei Mulini) – Ex Caserma Del Fante (via Adriana) – Emeroteca (via del Toro) – Trattoria La Sgranata (via di Salviano) – Campi calcetto Corea – Fondazione Don Nesi Corea – Ecomondo (via dell’Angiolo) – Centro Artistico il Grattacielo (via del Platano) – Nuovo Teatro delle Commedie (via Terreni) – La Svolta (viale Caprera) – Curva Nord Stadio (in occasione delle partite interne del Livorno)

Per ricevere il giornale direttamente a casa ogni mese, consultare l’apposita sezione “Sostienici” sul nostro sito.

Previous Madre Teresa, il dolore come business
Next Acqua: la garanzia di arricchirsi a spese dei cittadini. Vademecum per aspiranti soci privati di aziende idriche toscane

You might also like

Visioni

Rassegna cinematografica: “Storie di rifugiati”

Comincia stasera, venerdì 13 gennaio, una nuova Rassegna Cinematografica dell’Associazione Don Nesi Corea, che ogni mese, dal 2003, organizza questo ormai storico cineforum. Una Rassegna dal titolo STORIE DI RIFUGIATI,

Letture

È uscito Senza Soste n. 121

Pagina 1 – La sconfitta di Renzi nel referendum del 4 dicembre è figlia di scelte sbagliate da parte del premier ma soprattutto di una condizione economica e sociale di

Visioni Suoni Letture

Fuocoammare: reazioni e recensioni

Fuocoammare o frammenti di un discorso umanitario di MIGUEL MELLINO e GIUSEPPE ORLANDINI – tratto da http://www.euronomade.info/?p=6931 Migrazioni e cinema “embedded” La rappresentazione delle migrazioni nel cinema italiano continua a