Emergenza casa: 8 famiglie occupano palazzina di proprietà della Chiesa in via Corcos a Livorno

Il comunicato di solidarietà e sostegno da parte del sindacato Asia-Usb

Via CorcosSolo ieri mattina l’ennesima famiglia in difficoltà economica è stata sfrattata dalla propria abitazione, tra loro un minore con una disabilità certificata. Purtroppo non è l’unico nucleo a finire per strada, a causa della crisi occupazionale pesantissima che ha colpito la nostra città gli sfratti per morosità incolpevole sono quotidiani. Circa 40 ogni mese.

Oggi, giovedì 20 aprile 2017, otto famiglie (4 Italiane e 4 straniere) con numerosi minori e anziani, hanno deciso, prese dalla disperazione, di occupare una palazzina sfitta e abbandonata di proprietà della Chiesa. Nello specifico stiamo parlando di un immobile in via Corcos che appartiene all’Istituto Pia Società figlie di San Paolo, una congrega religiosa legata al Vaticano.
Crediamo che in un momento di crisi come quello attuale tutte le istituzioni debbano fare la loro parte. E’ davvero impensabile che nella nostra città vi siano migliaia di immobili vuoti e abbandonati. Per questo motivo abbiamo deciso di esprimere la nostra totale solidarietà e vicinanza alle famiglie che, senza alcuna alternativa, hanno deciso di portare avanti questa occupazione.

vescovo caseChiediamo al Vescovo di Livorno, che negli ultimi mesi si è dimostrato interessato e molto attivo sul fronte della disoccupazione e degli sfratti, di intercedere con la proprietà (comunque legata alla Curia Livornese) per scongiurare un possibile sgombero e permettere a queste famiglie di soggiornare all’interno della struttura per tutto il tempo necessario affinché si possa trovare una soluzione stabile. Pensiamo che anche la Chiesa, in un momento come questo, debba dare un segnale di vicinanza nei confronti di chi è veramente in difficoltà e mettere a disposizione del comune, gratuitamente, tutti gli spazi che ha a disposizione. Oltre all’immobile di Via Corcos pensiamo all’ex convitto dei Salesiani al cui interno potrebbero trovare rifugio decine di famiglie.

Se tutte le istituzioni facessero la loro parte si potrebbe tamponare una volta per tutte l’emergenza abitativa ed evitare che alcune famiglie possano anche finire nelle mani di personaggi senza scrupoli, totalmente estranei a movimenti politici e sindacali, che sfruttano la disperazione chiedendo contributi economici agli occupanti.

In questo senso invitiamo tutte le famiglie del palazzo del Picchetto e di Via San Carlo (struttura ormai prossima allo sgombero) ad avere il coraggio di liberarsi da chi li minaccia e li sfrutta e rivolgersi alle famiglie che oggi hanno occupato la palazzina di Via Corcos. Permettere loro di soggiornare in quella struttura sarebbe un ulteriore segnale di distensione e maturità da parte di tutti.

Oggi, giovedì 20 aprile, la nostra solidarietà va anche a tutti gli operai e alle loro famiglie che stanno presidiando lo stabilimento Grandi Mulini Italiani, in contemporanea all’incontro al MISE per difendere il lavoro e l’occupazione. Livorno , per uscire da questa crisi, ha bisogno anche di atti di coraggio e di lotta. Appena possibile anche le famiglie dei comitati per il diritto alla casa andranno a portare la loro solidarietà di fronte alla fabbrica.

Asia-Usb Livorno

20 aprile 2017

Previous Livorno, la paura fa... Fi.Pi.Li!
Next La storia dei voucher nel giorno della loro scomparsa "formale"

You might also like

Dintorni

Giornata shock sui rifiuti: a Firenze il Tar blocca l’inceneritore, ad Arezzo arrestato il direttore di Ato Sud

Mentre sul Tirreno di Livorno di questa mattina si continua a sponsorizzare Retiambiente e Ato Costa (cioè la privatizzazione del settore rifiuti e realtà gemella di quella per cui ad

Interventi

Asia denuncia: “No a ricatti e sfruttatori all’occupazione del Picchetto”

Il comunicato dell’iniziativa di denuncia che ieri ha visto protagonisti gli iscritti al sindacato Asia/usb e del comitato diritto all’abitare. Una denuncia di episodi gravi all’interno di occupazioni cittadine e

Città

Come sta il mare di fronte allo stabilimento Solvay? Non c’è male, lo afferma il Cnr

Dopo un secolo d’inquinamento e le recenti attenzioni della Magistratura, l’accordo di programma del 2003 prevedeva che al 31.12.2015 il mare  davanti al fosso di scarico Solvay dovesse risultare di