Facebook ha cambiato algoritmi. Ecco cosa fare

Riprendiamo un post da Ex OPG Occupato - Je so' pazzo sulla modifica dell'algoritmo di Facebook. A chi è interessato a seguire la nostra pagina quotidianamente consigliamo di seguire queste istruzioni

Come forse avete letto, Facebook ha cambiato l’algoritmo in base al quale leggerete i post sulla vostra home. In poche parole vedrete sempre meno i contenuti delle pagine come la nostra. Sapete che di solito non facciamo social media accattonaggio, ma se volete tenere alta la probabilità di leggere i nostri post sulla vostra home, così da poter essere sempre aggiornati sulle nostre attività e dare visibilità alle nostre vertenze, partecipare e cambiare insieme questa società vi consigliamo di impostarci tra i primi risultati, seguendo questi semplici passi, da PC o App:
1. Andate sulla nostra pagina
2. Selezionate o puntate il cursore su “Segui già” o “Pagina seguita”
3. Selezionate “Mostra per primi”.

Per maggiori approfondimenti consigliamo la lettura dell’articolo di Valigia Blu al seguente link

Come educare l’algoritmo di Facebook alle nostre esigenze informative

Come forse avete letto, Facebook ha cambiato l'algoritmo in base al quale leggerete i post sulla vostra home. In poche…

Pubblicato da Ex OPG Occupato – Je so' pazzo su Venerdì 26 gennaio 2018

Previous Strage del Moby Prince. Per la commissione d’inchiesta sono stati 27 anni di bugie
Next È uscito Senza Soste n. 129, ultima uscita del giornale cartaceo

You might also like

Media e potere

La mezza bufala della bimba cristiana affidata a una famiglia musulmana

articolo di Angelo Romano tratto da Valigia Blu Questa storia è un mix di dettagli non verificabili, false informazioni e omissioni. Tutto inizia lunedì scorso quando The Times pubblica un

Media e potere

Morire in periferia, tra esclusione sociale e barbarie mediatica

di Emiliano Viccaro, tratto da Dinamo Press Sono passate 72 ore dall’assassinio delle tre sorelle rom, vicino Centocelle, e la notizia è già precipitata negli inferi delle home page, sotto

Comunicazione & media

Fascisti, bufale e soldi. Come si crea un pubblico stupido

tratto da http://contropiano.org Abbiamo perso il conto di quanti “rivoluzionari da tastiera” riprendono bufale postate sui social, diffondendole come se si trattasse di notizie certe, verificate, attendibili. E giù commenti,