Genova quasi 7.000 persone al corteo antifascista dopo le coltellate di CasaPound

Video e fotogallery dal corteo di Genova

sdr

Sabato 3 Marzo molti compagni sono partiti con un pullman da Livorno per aderire al corteo organizzato da “Genova Antifascista”. La città ligure è scesa in piazza determinata nel denunciare il gravissimo episodio dell’accoltellamento di un compagno da parte di alcuni membri di CasaPound. Durante il percorso è stata sanzionata una sede di Lealtà e Azione (chiusa e a cui sopra è stato applicato un pannello con scritto Genova Antivascista) per denunciare il proliferare dei covi fascisti da cui partono azioni vigliacche. Purtroppo nel giorno del corteo si è dovuto registrare un altro episodio gravissimo a Macerata dove un fascista aderente e candidato della Lega Nord ha sparato a 7 ragazzi di colore. Un gesto che fa capire come le idee di estrema destra stanno cercando di rialzare la testa con lame e pistole. Segno chiarissimo degli errori di molte forze politiche e giornalisti che pensano di normalizzare queste idee che credevamo ormai sepolte dopo la tragica esperienza che questo paese ha vissuto per 20 anni finendo nella miseria, nella dittatura e in una tremenda guerra alla quale solo la Resistenza è riuscita a porre fine.

Qui sotto un video di alcuni passaggi del corteo, e sotto un fotogallery:

 

Previous Livorno, la ribelle e più difficile. Il libro di Luca Falorni
Next A Portoferraio Pietro Gori fa ancora paura!

You might also like

Per non dimenticare

17 ottobre 1977 la strage di Stammheim – in Italia si torturava, in Germania si uccidevano i compagni imprigionati

tratto da Contromaelstrom Nel 1976 e nel 1977,  lo stato della Germania dell’Ovest, per cercare di stroncare la guerriglia interna, assassinò nelle sue carceri i prigionieri della Raf: Ulrike Meinhof

Per non dimenticare

23/24 marzo 1944 – Da Via Rasella alle Fosse Ardeatine, il racconto di Rosario Bentivegna

tratto da Salvastorie Qualche anno fa la trasmissione Rai TV Mixer, di Giovanni Minoli, mandò in onda un’intervista a Rosario Bentivegna, il partigiano dei GAP, oggi scomparso, che il 23

Per non dimenticare

È morto un rivoluzionario di prima grandezza

tratto da http://contropiano.org La morte di Fidel Castro è arrivata, attesa ma dolorosa per tutti coloro che continuano ad agire affinchè vengano cambiati i rapporti sociali nel mondo sottoposto al