Genova quasi 7.000 persone al corteo antifascista dopo le coltellate di CasaPound

Video e fotogallery dal corteo di Genova

sdr

Sabato 3 Marzo molti compagni sono partiti con un pullman da Livorno per aderire al corteo organizzato da “Genova Antifascista”. La città ligure è scesa in piazza determinata nel denunciare il gravissimo episodio dell’accoltellamento di un compagno da parte di alcuni membri di CasaPound. Durante il percorso è stata sanzionata una sede di Lealtà e Azione (chiusa e a cui sopra è stato applicato un pannello con scritto Genova Antivascista) per denunciare il proliferare dei covi fascisti da cui partono azioni vigliacche. Purtroppo nel giorno del corteo si è dovuto registrare un altro episodio gravissimo a Macerata dove un fascista aderente e candidato della Lega Nord ha sparato a 7 ragazzi di colore. Un gesto che fa capire come le idee di estrema destra stanno cercando di rialzare la testa con lame e pistole. Segno chiarissimo degli errori di molte forze politiche e giornalisti che pensano di normalizzare queste idee che credevamo ormai sepolte dopo la tragica esperienza che questo paese ha vissuto per 20 anni finendo nella miseria, nella dittatura e in una tremenda guerra alla quale solo la Resistenza è riuscita a porre fine.

Qui sotto un video di alcuni passaggi del corteo, e sotto un fotogallery:

 

Previous Livorno, la ribelle e più difficile. Il libro di Luca Falorni
Next A Portoferraio Pietro Gori fa ancora paura!

You might also like

Antifascismo

28 aprile 1945 – La fucilazione di Mussolini e il Colonnello Valerio, il partigiano che uccise il duce

tratto da El Chico Malo Walter Audisio (conosciuto anche col nome di battaglia di Colonnello Valerio o Colonnello Giovanbattista Magnoli) era al tempo capo di un raggruppamento delle forze partigiane

Per non dimenticare

20 maggio 1970: lo Statuto dei Lavoratori

Quando si parla di Statuto dei Lavoratori ci sono da fare alcune premesse per non scadere nella solita retorica o nel facile rimpianto. Uno Statuto figlio delle lotte. La prima

Anniversari

16 aprile 1986: il disastro di Chernobyl che scosse anche l’Italia

L’Italia, con un referendum del 1987, ha detto no al nucleare. Non sarà facile per nessun governo rimuovere questo ostacolo. Specie se si ricorda l’evento che convinse la popolazione italiana a