Giovedì 17 novembre alla Goldonetta: “La trasformazione di Livorno”

locandina_goldonetta_romitiDa anni la nostra città si avvita su una crisi che sembra non avere fine. Ad oggi, dopo infinite promesse e false illusioni che le varie istituzioni ci hanno “venduto”, siamo costretti a registrare che per tutti quei lavoratori e quelle lavoratrici che sono stati espulsi dal mondo del lavoro non si prospetta nessuna soluzione concreta, sia nel breve che nel lungo periodo.
Il Coordinamento Lavoratori e Lavoratrici Livornesi, dopo numerose iniziative e mobilitazioni a sostegno delle vertenze cittadine, si era dato l’obiettivo di organizzare un momento di confronto dove, analizzando con tutti gli altri lavoratori della città la situazione in cui stiamo vivendo, si potesse sviluppare un percorso di rivendicazioni collettive unendo le forze e le vertenze che tutti i lavoratori e le lavoratrici stanno portando avanti in questo periodo.
Un obiettivo importante, al quale abbiamo lavorato per settimane cercando di analizzare ogni dettaglio per poterlo concretizzare.

Oggi quindi siamo ad annunciarvi “LA TRAFORMAZIONE DI LIVORNO, da città operaia ad area di crisi complessa”, un’iniziativa pubblica dedicata alla memoria dell’ex operaio Trw Massimo Romiti.

Abbiamo scelto come “location” un teatro ricco di significato per la storia della nostra città, La Goldonetta.
L’iniziativa ripercorrerà il cambiamento che la città ha vissuto negli ultimi decenni, passando dagli anni della piena occupazione ed arrivando ai tempi attuali in cui la crisi economica e le politiche dei governi hanno cambiato radicalmente il lavoro, il tessuto sociale e le abitudini della popolazione della nostra città.

Interverranno:
– Lorenzo Giudici (Ricercatore in storia del movimento operaio)
– Silvano Cacciari (CIRLab Università di Firenze)
– Aldo Galeazzi (Reader)

SE COLPISCONO UNO COLPISCONO TUTTI.

Previous La bomba di Basilea e il nuovo rischio Italia, qualunque sia l'esito del referendum...
Next Trump, chi altro?

You might also like

Città

Blitz nei cantieri Azimut: “500 euro ai disoccupati e togliere la nave Urania”. La protesta dei disoccupati livornesi con Usb

Uscire dalla palude. Basta immobilismo. Sono ormai 5 mesi che Governo e Regione hanno promesso ammortizzatori sociali speciali per il territorio mentre i bacini di riparazione rimangono ostaggio della nave

Livorno

Il mistero dei bacini

Ad un anno dalla morte dell’elettricista nel bacino di carenaggio, il bando è sempre avvolto nell’oscurità. Dal 2009 Azimut è un semplice guardiano dei bacini e ciò lo salverà da

Interventi

Coord. Rifiuti Zero: “Aamps e usura, qualcuno indaga?”

In merito agli approfondimenti pubblicati dalla Nazione sulle ipotesi di anatocismo e usura che potrebbero aver danneggiato Aamps , il nostro Coordinamento vorrebbe formulare pubblicamente alcune domande al Comune e