La scelta infame di Alberto Bagnai e la paralisi economica delle sinistre

La candidatura di Alberto Bagnai nelle fila della Lega di Matteo Salvini va definita per come è: una scelta infame. E’ infame perché porta, o cerca di portare, consenso a un partito parafascista e perché pretende di perpetuare il solito giochino politico: illudere che, con qualche scelta mitizzata come chissà quale mossa del cavallo, si possano promuovere politiche di sinistra dal campo della destra.

La politica e la politica economica non sono però manovrabili da quella partita doppia che sta alla base delle discipline contabili: se da sinistra si possono, e si sono viste, fare politiche economiche di destra, da destra non si possono, e non si sono mai viste, fare politiche economiche di sinistra.

Anche il concetto di “interesse nazionale” evocato da Bagnai per legittimare la propria candidatura -in un partito che fino a ieri ha stentato a riconoscere persino l’esistenza dell’Italia, è maggiormente radicato al Nord e ha vinto referendum che intendono trattenere le tasse di Lombardia e Veneto in quelle regioni- francamente appare qualcosa di pasticciato, confuso e bizzarro. Senza nominare gli alleati di Salvini oggi –Berlusconi che va a Davos per rassicurare il capitale globalista delle scelte dell’Italia. Oppure di quelli che potrebbero esserlo, come il Movimento 5 stelle. Un movimento in piena confusione dove un giorno si parla di politiche alla Trump, un altro di ripristino dell’articolo 18, un altro ancora di superamento del concetto stesso di Pil cioè di due cose che fanno drammaticamente a pugni con le politiche di Trump (per non parlare del fatto che Bagnai ha più volte definito il M5S “asservito al progetto neoliberista” si veda https://www.youtube.com/watch?v=vzulBe4HwZM ). Per non parlare degli alleati di sempre della Lega, Fratelli d’Italia della Meloni, pronti a smantellare tutto ciò che è “di sinistra” una volta al governo.

Siamo di fronte a un nuovo Bombacci? Per chi non avesse seguito la vicenda storica del personaggio, Bombacci fu socialista, segretario della camera del lavoro di Modena, tra i fondatori di spicco del Partito Comunista d’Italia nel ’21. Aderì alla repubblica di Salò, di cui ne evidenziava i caratteri di “sinistra”, finì fucilato insieme a Pavolini, al grido di “viva il socialismo”, ed esposto a testa in giù a piazzale Loreto assieme a Mussolini, la Petacci ed altri noti gerarchi.

Ora intendiamoci, Bagnai non è Bombacci. La sua scelta, infame perchè favorisce destre regressive, non va liquidata con il semplice giudizio negativo sul passaggio di campo di Bagnai. Siamo di fronte infatti a un autore vero, nato nel campo della sinistra, che, come nessuno in questi anni, è riuscito a spiegare che l’euro esiste per impoverire i salari, deindustrializzare i paesi più deboli, privatizzarne (dall’estero) i beni e valorizzare i capitali. Bagnai in questi anni, a partire dall’orribile 2011, ha fatto attività di vera e propria innovazione scientifica su questi temi, divulgazione e disseminazione di ottima qualità. E, non è qui il terreno per essere critici, ha avuto sostanzialmente ragione: l’euro è nato per impoverire il lavoro e valorizzare i capitali, per deindustrializzare i paesi periferici (tra cui il nostro), per favorire la tenuta dei capitali a detrimento delle economie territoriali. C’è stato però un problema: la teoria, non quella in senso astratto ma quella in grado di capire il mondo, nel momento in cui sa di essere vincente cerca sempre una sponda politica. E qui, nonostante molte premesse favorevoli, la sponda politica per Bagnai si è sempre mostrata a destra. Perchè? Diciamo che per i tipi di sinistre presenti sul campo nonostante l’ora della ricrezaione sia suonata da tempo non hanno, come colui che è in preda a droghe che rallentano fortemente la percezione, ancora avvertito il suono della campanella.

Quindi Bagnai era troppo, una provocazione, per la sinistra istituzionale, quella che si mette sull’attenti quando parla Draghi. Ma era troppo anche per la sinistra che ha bisogno solo di qualcuno che reciti bene la lista dei diritti violati e da ripristinare. Lasciando perdere la sinistra istituzionale, che ha promosso politiche di destra ben prima del taglio della scala mobile seguito allo choc valutario del 1992, nessuna sinistra, diciamo, radicale è davvero riuscita a dialogare con Bagnai. Perchè oggi il rapporto tra teoria e politica è troppo simmetrico, causa la scarsità di istituzioni politiche che la contengono. O la teoria legittima direttamente una politica, dicendo meccanicamente “cosa fare”, oppure viene rigettata tra equivoci, incomprensioni, accuse. Saper far rimanere una teoria allo stato puro, assieme al suo autore, magari favorendo qualche interpretazione e realizzazione del suo pensiero meno dirompente, senza far uscire l’autore dal campo della sinistra, fa parte di un know-how di politica culturale oggi quasi del tutto scomparso.

E così Bagnai che, a suo modo, ha impattato come una supernova sulla superficie della sinistra, di ogni tipo, ha finito semplicemente per rimbalzarci. Nell’ostilità della sinistra istituzionale e nell’incapacità di quella non istituzionale di dialogare con questo autore per costruire le fondamenta di politiche economiche guardino ad un modello nuovo, necessariamente almeno postcapitalista. E nel frattempo, mentre Bagnai è atterrato a destra, dopo 10 anni di crisi non si intravedono modelli di uscita da sinistra di una economia, quella ostaggio del primato della finanza, che ha mostrato tutti i suoi gravi limiti. E, sempre nel frattempo, Bagnai, a ragione su questo piano, non si è risparmiato certo le accuse di tradimento della sinistra rispetto agli interessi dei ceti subalterni.

Tradimento, in effetti, è una parola utile se si ricorda che ciò che è rimasto della sinistra istituzionale è figlio di gente come Trentin che ai convegni del Cespe (il centro studi economici del PCI) andava letteralmente urlando che le vere lotte della classe operaia erano quelle per “i sacrifici” (sic). E che il calore con il quale l’economista liberista Modigliani, un santone dell’austerità (per i lavoratori) veniva accolto dallo stesso Cespe (sempre quando era il sancta sanctorum economico del PCI). Sono cose che dovrebbero far capire molto non solo del mondo di ieri ma anche quello di domani. Eppure non sono cose che fanno passare a destra. Perchè passare ad una destra che è egemonica rispetto alla sinistra non porta certo a promuovere politiche di sinistra. Elementare, Watson.

Il modo con cui Bagnai usa il concetto di “interesse nazionale” è qualcosa che sta tra il romanticismo politico e un malinteso utilitarismo. L’idea che nel “nazionale”, ci sia sempre qualcosa che richiami a una certa cura delle condizioni sociali dei ceti subalterni dovrebbe essere superata da tempo. Senza una forza politica di questi ceti subalterni niente garantisce che questo avvenga. E questo non è certo ciò che la destra, a cui Bagnai si è alleato, vuole. Ecco il cerchio magico in cui è finito un economista importante, brillante, utile a sinistra: invoca l’interesse nazionale che, con la destra che ha scelto come partner politico, non è garanzia di tenuta sociale.

Certo la sinistra oggi è economia morale e non un modello di economia reale tanto più necessario quando si pensa di uscire da finanza globale, vincoli esterni. Passare a un campo parafascista è pero’ infame, specie se porta persone a destra in un momento critico come questo. Per quanto la sinistra, nelle sue tante variazioni, sia di fatto qualcosa oggi di destra, passare a destra non porterà a realizzare nessuna politica di sinistra. Quando le forze economiche guardano a destra è della diseguaglianza della distribuzione delle risorse che hanno bisogno. Il resto è decorazione.

redazione, 26 gennaio 2018

Previous Morti bianche 2017 in Italia: una tragedia senza fine
Next Fiom-Uilm Viareggio: "Azimut Benetti, basta coi trasferimenti da Viareggio a Livorno"

You might also like

Nazionali

5 stelle, giù la maschera

La  nostra testata, di sinistra, non ha mai avuto un atteggiamento di rifiuto compulsivo verso i 5 stelle nè ha mai mostrato pregiudizi o atteggiamenti snob verso quel movimento. Infatti

Editoriali

Nuovo Centro: la fine del vecchio centro

Un nuovo quartiere da 2000 abitanti con supermercato e centinaia appartamenti che cambierà il volto della città ma nel quale non è previsto nessun intervento di edilizia popolare Torri, appartamenti,

Editoriali

Da Lctm a Mps, elementi di un buco nero che sta aspirando i servizi sociali in Italia

Non c’è bisogno di fare grandi astrazioni. Basta guardarsi attorno. L’analisi specialistica sanitaria che tarda mesi, le prestazioni pensionistiche congelate, i posti letto in ospedale scomparsi, la spesa e la