L’arrampicata sugli specchi di Di Maio sui 49 milioni fatti sparire dalla Lega

Di Maio ci ha preso per scemi. Oppure pensa che il suo elettorato sia composto da piccoli fans.

Da giorni ripete come uno scolaretto che non ha nessun imbarazzo rispetto alla vicenda giudiziaria della Lega riguardo ai 49 milioni.
https://youtu.be/3axFYiM1GCI

Ha fatto la sua fortuna politica contando gli scontrini altrui ma in questo caso nessun imbarazzo.

Perché? “Perché la vicenda riguarda la gestione Bossi ed il suo cerchio magico”.

Più  che una valutazione politica pare un’arrampicata di specchi. Infatti un partito non è un ristorante che cambia gestione, specialmente quando tutt’ora ci sono senatori, deputati, governatori e sindaci che con Bossi ci sono stati 20 anni (Salvini compreso). Ma la cosa più bella è che Salvini 6 mesi fa ha ricandidato colui, Umberto Bossi in persona, che col suo “nuovo” partito, secondo Di Maio, non c’entra più nulla. Lo ha candidato nei listini bloccati, cioè nella fetta di candidati sicuri del posto e calati dal partito. Che bel modo per dissociarsi da uno che aveva creato un cerchio magico e aveva rubato e messo in difficoltà il partito!

Bossi è stato mandato in Senato da Salvini per essere salvato dalle grinfie della giustizia italiana. Probabilmente è la tangente politica che Salvini deve pagare a Bossi in cambio del silenzio che non lo faccia coinvolgere nello scandalo.

Da tutta questa storia quello che ci esce con una pallina rossa al naso è Di Maio che ormai è la marionetta di Salvini.

Per capire come e perchè consigliamo la lettura di questo articolo preelettorale del febbraio scorso

Il miracolo di Umberto Bossi che grazie al seggio sfuggirà alla legge

redazione, 10 settembre 2018

Previous Ad un anno dall'alluvione, il ricordo della tragedia: cosa è stato fatto e le polemiche sui rimborsi
Next Contrordine colleghi. Il Miur suona il de profundis ai BES

You might also like

Editoriali

Madonna alla testa del movimento contro Trump?

Sulla vittoria elettorale di Trump è stato detto molto, ma non abbastanza, specie sul suo bacino elettorale fatto di popolazione delle zone meno urbanizzate, delle aree perdenti nella globalizzazione, delle 

Editoriali

Spread alto causa no al referendum? Ci può credere giusto l’Unità

L’Italia è un paese divertente e, allo stesso tempo, scontato. Come lo sono i rumori sul “no” al referendum che provocherebbe un rialzo dello spread tra bond italiani e bund

Internazionali

Ambasciatori americani, agenzie di rating e referendum italiani: la nuova normalità

Le dichiarazioni dell’ambasciatore americano, John Phillips, sull’importanza del “Si” al referendum italiano rappresentano la norma di questi tempi. Si tratta di tempi che qualcuno, di riflesso, ha subito confuso con