Livorno: “Sospesa dal lavoro per un like su Facebook”

La denuncia del sindacato USB dopo un volantinaggio davanti al fast food Porca Vacca in piazza Mazzini

Dalla pagina di Usb la denuncia di un provvedimento contro una lavoratrice

Porca Vacca Usb“Qualche settimana fa alcuni iscritti e militanti USB effettuarono un semplice volantinaggio davanti al ristorante Porca Vacca di Piazza Mazzini. Denunciammo pubblicamente le condizioni di lavoro all’interno del punto vendita. Mancato riconoscimento dei livelli, straordinari non pagati e varie minacce più o meno quotidiane.
Dopo la nostra iniziativa i dirigenti di Porca Vacca reagirono in maniera scomposta, evidentemente poco abituati ad avere a che fare con i sindacati. Ai lavoratori è stato detto che sarebbe partita una denuncia per diffamazione nei confronti di USB. Purtroppo, come già sapevamo, così non è stato. Non vedevamo l’ora di poter dimostrare anche in tribunale le nostre ragioni e quelle dei dipendenti. In tutto questo a farne le spese, fino ad ora, è stata una lavoratrice che è stata sospesa per cinque giorni a causa di un suo “like” Facebook su un post pubblicato nella pagina USB, subito dopo il volantinaggio. Alla lavoratrice va tutta la nostra solidarietà e il nostro sostegno. Il nostro consiglio è sempre lo stesso. Non vi fate intimidire. Questi dirigenti sono tutti uguali, ma se sarete uniti e determinati riuscirete a farvi rispettare”.

Il link originale

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=1423956144302001&id=871269416237346

15 febbraio 2017

Previous Modigliani: il diario ritrovato, Venezia e i falsi... intervista a Maurizio Bellandi
Next Sindacati inquilini alla Regione: "Così è la fine delle case popolari"

You might also like

Città

La lotta degli operai Iscot si è spostata a Torino: i primi risultati. Foto e video

Aggiornamento sulla vertenza Iscot: presidio degli operai Iscot “in trasferta” a Torino per chiedere alla dirigenza presso la sede centrale dell’azienda, il reintegro immediato degli operai che non sono stati

Città

BL: “Emergenza sociale a Livorno: serve cambiare l’assessore”

Disoccupazione, emergenza abitativa, difficoltà a sopravvivere dignitosamente: la povertà a Livorno si fa sentire come nel resto del paese, anzi di più. Sono indispensabili politiche locali innovative e alternative all’austerità

Interventi

Intervento di Cgil Democrazia e Lavoro sull’emergenza abitativa

Che il sindacato si assuma le proprie responsabilità. Che il Comune assegni tutto e subito. Il lavoro e la casa sono due temi strettamente connessi: subire una diminuzione dell’orario di