Lo scenario dei rapporti tra Francia e Italia al netto della retorica

I rapporti tesi fra Italia e Francia di questi ultimi mesi spiegano bene qual è la natura dell'Unione Europea. Che non è quella che ci raccontano il ceto politico ed i media

Leggere la politica estera guardando alla propaganda nel cortile di casa è inevitabile quanto rischioso. Inevitabile perchè, molto prima dell’avvento dei social media la politica estera fa parte di un racconto che accende sempre l’immaginazione collettiva che, se ben governata, genera consenso. Rischioso perchè anche i corpi diplomatici, che di solito hanno una visione ben diversa dei rapporti tra paesi rispetto al racconto ufficiale che contribuiscono a diffondere, alla fine possono essere condizionati dalla propaganda. E con loro tutta la governance dei rapporti bilaterali con altri paesi per non parlare di quella comunitaria.

L’illusione dopo la vittoria di Macron

Questo per dire che, nel periodo dell’elezione di Macron, il giubilo del media mainstream italiano per la sconfitta di Marine Le Pen, tutta  da giocarsi in Italia come propaganda “contro il populismo”, fece anche pensare a nuovi livelli di cooperazione con Parigi. Ma queste ipotesi di cooperazione facevano parte del repertorio i una mossa che Roma, qualsiasi sia l’inquilino di Palazzo Chigi, tenta da diverso tempo. Ovvero premere su Parigi sempre in funzione di riequilibrio dei rapporti di subalternità con Berlino. E il risultato è inevitabilmente quello visto al summit di Bruxelles dell’ottobre 2011: quando parlano del governo italiano i responsabili dei governi francese e tedesco si mettono a ridere. Certo, allora, l’opinione pubblica pensò che, di fronte ad una plateale risata di Merkel e Sarkozy, il problema fosse sopratutto Berlusconi non l’Italia Ma è accaduto con Prodi, già commissario europeo, non solo con Berlusconi. Come è andata recentemente a finire lo sappiamo: Berlusconi nel 2011 subì una detronizzazione di fatto sull’attacco alla Libia, visto che i suoi veti svanirono come neve nel deserto, per poi subire quella in parlamento dopo la famosa lettera di richieste di austerità della Bce all’Italia (alla quale la Francia non era estranea). Di Prodi, già alleato della penetrazione francese in Italia (dai lontani tempi della dismissione dell’IRI), parlano oggi le cronache e lui stesso dalle colonne del Messaggero : irritato e tradito. La Francia da parnter possibile, nelle strategie fiabesche, nella realtà si fa competitor e di quelli aggressivi.

I rapporti tesi fra Italia e Francia

Questo perchè i rapporti bilaterali tra Francia e Italia riflettono, in piccolo, equivoci e problemi del nostro paese rispetto all’eurozona. L’illusione di un processo di cooperazione, o di competizione nel quale l’Italia potrebbe giocare le proprie carte, cede presto il passo alla realtà della cruda subalternità. Nel capitalismo di oggi i rapporti di forza tra paesi funzionano in questo modo: importando, nelle zone ricche, la subalternità coloniale, verso paesi extraeuropei, largamente sperimentata nei decenni precedenti. L’Europa è quindi lo spazio dove si gioca questa subalternità. E’ in posizione dominante il paese che esporta e investe in un altro paese, estraendo profitti da quest’altro paese e mantenendo un attivo di bilancia commerciale nei rapporti bilaterali. Il cono sud latinoamericano degli anni ’80 e ’90 sa di cosa si parla. Lamentarsi, come fa la stampa nazionale, della Francia “poco liberista” che non fa investire gli italiani nel suo paese, oltre a quella dose di vittimismo utile quando non si hanno argomenti, significa alimentare quel distacco dalla realtà che pure è abbondante nel nostro paese. La Francia di Macron che alimenta lo squilibrio tra gli investimenti dei due paesi, i francesi nel nostro paese investono più del doppio degli italiani nel loro, non è un’anomalia. E’ la norma dell’Europa come spazio della polarizzazione della ricchezza nella subalernità del resto. Lo spazio di integrazione europeo e il mercato unico non sono, una volta funzionanti, un gioioso terreno di equilibrio e redistribuzione delle ricchezze. Ci possono credere giusto i Pippo Civati. In realtà l’Europa è un’arena, sgombrata da ostacoli, dove si esercita la competizione aspra tra banche, imprese e sistemi paese. Grecia e Spagna, nei confronti della Germania, anche loro ne sanno qualcosa. Lo dimostra il fatto che il paese più forte, consapevole come tale, di questo sistema competitivo, la Germania, non reinveste il proprio attivo di bilancio. Proprio perchè, una volta investito, ridurrebbe la distanza tra paesi dell’Ue e dell’Eurozona cambiando la natura economia stessa della Germania e del suo sistema bancario-finanziario (che funziona così: merci competitive vendute all’estero, servizi finanziari essenziali venduti all’estero). Tutti temi ostici per i mercatisti puri di casa nostra, aggrappati furiosamente al totem di un neocapitalismo  italiano adornato di efficienza e competitività ottenute, almeno nell’immaginazione, dall’Italia interpretando correttamente le regole europee. Oppure tramite una integrazione politica continentale che, al contrario di quanto desiderato, non farebbe che registrare i veri rapporti di forza nel continente.

La natura elitaria dell’Unione Europea

L’equivoco di fondo, nel nostro paese, passa, a parte ristrette cordate di manager di stato (come i Prodi o i Ciampi) che a suo tempo avevano capito bene il processo, dalla profonda incomprensione politica del processo di creazione di Ue ed eurozona. Raccontare agli italiani, e raccontarsi come ceto politico, che il processo di integrazione europea era un incontro, per quanto perfettibile, tra stati ha contribuito molto a creare ostacoli materiali rivelatisi pesanti. Il processo di integrazione europa è stato estremamente elitario: protagonisti Bonn (allora) e Parigi, l’asse bancario franco-tedesco, la governance continentale, qualche paese in grado di entrare nei processi. La creazione di una moneta unica, quindi  di un regime di cambi fissi tra economie differenti, favoriva infatti solo le economie più forti (al riparo dagli effetti della svalutazione degli altri paesi europei), gli istituti bancari in grado di internazionalizzarsi nel nascente mondo dei capitali senza confini, le piazze borsistiche in grado di fornire beni e servizi globali. Infatti oggi, dopo un quarto di secolo, vediamo: la Germania è il paese leader dell’eurozona, l’asse bancario franco-tedesco la spina dorsale dell’eurozona come dell’Ue e della Bce, Londra, senza euro e senza che anche qualsiasi esito  della Brexit la scalzi da quel ruolo per un po’, è la piazza borsistica globale dell’Europa. Poi Olanda, vista anche la forza storica del suo sistema bancario e finanziario, e Lussemburgo, che si è ricavato lo spazio di una Tortuga dell’evasione legalizzata in Europa (esprimendo Juncker come commissario Ue, tra l’altro). Come si vede in questa lista non c’è l’Italia che, dagli anni ’80 – salvo qualche gruppo bancario, dell’energia e del militare- è finita travolta da una miscela di dismissioni, privatizzazioni e chiusure corporative all’innovazione. Fenomeni diversi ma col tratto unitario della difficoltà di adattamento al modello di governance ue-eurozona. Certo alla nascita dell’Ue la sinistra istituzionale italiana contribuì con il sangue: il taglio della scala mobile, la vera controriforma del salario di allora. Bisognava attrezzarsi al nuovo mondo comprimendo i salari per competere “in Europa”. Come è andata, col disastro di un paese, lo sappiamo. E negli eredi di quella sinistra, qualcuno è lo stesso personaggio di allora, l’attenzione a cosa accade in Europa è infinitamente minore a quella dedicata ai birignao di Pisapia.

L’eterna competizione fra Francia e Germania

Certo, in un sistema aspramente competitivo, anche nel nucleo duro Parigi-Berlino, ci sono problemi. La Francia rispetto alla Germania ha tre punti di frizione. Il fatto che l’euro abbia favorito, indebolendo artificialmente le merci tedesche grazie alla presenza di economie più povere nel paniere della moneta unica, Berlino non spiega solo perchè la Germania non reinveste il proprio surplus (che, anche, potrebbe alimentare altre economie rafforzando l’euro indebolendo la competitività tedesca). E’, questo il primo punto, un fattore di squilibrio tra la crescente potenza tedesca e la stagnante potenza francese. Di qui la Francia intende riequilibrare il rapporto con la Germania, che è il vero governo dell’Europa, intervenendo sugli altri  due punti di frizione. Il primo è legato alle necessità di recupero dell’industria militare francese, alle quali Berlino dovrebbe cedere in termini di finanziamento di progetti europei (in prospettiva della moneta unica). Il secondo a quella, essendo Berlino troppo capitale   d’Europa, dell’istituzione di un ministero degli esteri dell’eurozona che, ratificando, e radicalizzando, i rapporti di forza nel continente, rappresenti un nuovo protagonismo di Parigi. Certo, in un sistema finanziario europeo ancora definito bancocentrico, l’asse delle banche franco-tedesche rappresenta qualcosa di più di metà corona del sovrano che regna l’Europa tra Parigi e Berlino e le sue esigenze hanno un peso di quelli che vale. Ma Macron non è, naturalmente, estraneo a quel mondo, comunque vada.

La Francia come competitor dominante dell’Italia. Il caso libico

Il comportamento della Francia rispetto all’Italia si spiega così in poche battute: comportarsi da competitor dominante sulle privatizzazioni e le acquisizioni-fusioni (acquisendo ben più di quanto concede) verso l’Italia in settori come i bancari, le comunicazioni e l’alimentare (produzione e distribuzione). Naturalmente per rafforzarsi verso l’Italia e, quanto possibile, verso Berlino. La manovra “libica”, fatta per mettere in secondo piano l’Italia, in questo scenario ha una doppia spiegazione. Una verso il nostro paese, intervenire nel caos libico acquisendo quando previsto dai bombardamenti del 2011 (opzioni su petrolio e gas e la ricostruzione del paese), una verso la Germania ponendosi come il soggetto diplomatico-militare dell’Europa in grado di condizionarne il futuro modello di difesa (e quello industriale) dove Parigi vuol fare la parte del leone. Senza dimenticare il fatto che mettere al tavolo a Parigi le due principali parti libiche significa trattare con un mondo saudita che, per quanto in difficoltà, conta ancora sul mercato del petrolio e su quello finanziario. Se l’amministrazione Macron avrà fatto le mosse giuste verso l’Italia, e la Germania, si capirà a suo tempo. Il punto è che su debito pubblico, banche e crescita, l’Italia è il sorvegliato speciale dell’Europa. Invece di pensare alla legge elettorale nel nostro paese non farebbe male pensare che, in Europa, si guarda con ostilità alle prossime elezioni politiche nazionali. Anche se è vista come improbabile una vittoria grillina, senza il doppio turno o senza un turno unico con un premio di maggioranza praticamente incostituzionale il M5S rischia di sfiancarsi come un leone in gabbia, l’attenzione è tutta sulle possibili maggioranze “programmatiche”. Il Pd di Renzi e Forza Italia, ad esempio, contengono un euroscetticismo light, sulle politiche di bilancio, che non piacciono per niente a Berlino e anche a Parigi (che non vuole un partner italiano protagonista volendo trattare direttamente con Berlino). Macron potrebbe proporsi, nel caso che questo euroscettismo light prendesse il potere, come il controllore del nostro paese in prima istanza. Tramite la concorrenza economica, quella sul sistema bancario e quella geopolitica sulla Libia. La vigilanza bancaria europea, visto che la crisi del nostro sistema bancario ha incrinato le regole della banking union voluta dalla Bce, potrebbe completare, assieme a Macron, il cordone di controllo attorno al nostro paese.

Il balzo indietro dell’Italia

E’ evidente che, al di là delle trovate estive per la ricerca del consenso  (la legge sul taglio ai vitalizi, Pisapia che esiste solo su Repubblica, Salvini alla ricerca di nuove accompagnatrici per non essere travolto dal gossip) la vicenda francese  ci ricorda che questo paese, comunque vada, si trova di fronte a nuove prove di sopravvivenza dopo il decennio perduto 2007-2017. Quando non solo, da allora, sono stati lasciati sul campo una decina di punti di Pil, un quarto della produzione e un terzo degli investimenti. Ma sopratutto, in termini di reddito pro capite e qualità della vita questo paese ha fatto un balzo indietro le cui conseguenze non sono ancora realmete calcolabili. Del resto le fortune o le sfortune di un paese si preparano in casa, nell’intelligenza che si mette a disposizione della sfera pubblica. La Handelsblatt ha preparato uno speciale impietoso sulla crisi bancaria tedesca del 2007, l’Italia di quel periodo ricorda a malapena il libro sulla casta. Un vaso di pandora di veleno politico di un paese che crede di cavarsela inveendo all’infinito contro una casta politica, comunque tra le più rapaci del mondo, secondo schemi di comportamento da cortile. Evidenziarlo può apparire snob, specie a chi vive di battute sul momento, ma che questo paese abbia scambiato i fenomeni di costruzione del capro espiatorio, che in sè è sempre indifendibile, con quelli della preparazione di un futuro appare davvero evidente. A chi vuol vedere.

redazione, 30 luglio 2017

Previous THIS IS A LANDSCAPE: una mostra da visitare ad Effetto Venezia
Next Forum: "La crisi idrica mette a nudo i danni di mala gestione e privatizzazione dell'acqua"

You might also like

Editoriali

Le Pen, Merkel, Trump: tutta politica interna italiana

Inutile provare a concentrarsi sul dibattito politico degli attuali cartelli elettorali: tra la polizza assicurativa intestata alla Raggi, e le decise indecisioni di Renzi, di politico c’è poco. C’è il

Editoriali

Livorno, la questione bianca

In pochi giorni, tra la trasmissione di Rai 2 che ha trattato l’occupazione del palazzo Maurogordato e l’iniziativa sulle mutazioni di Livorno alla Goldonetta, emerge un tema ben chiaro da

Locali

Renzi, il divo e Livorno

Altro che bagno di folla a Livorno: senza la diretta twitter, tv, i lanci, le foto etc la giornata di martedì 22 sarebbe stata un raduno praticamente inavvertito in una