Lonzi Metalli, ancora polemiche. Ma non esiste un piano concreto

Alla vigilia della Conferenza regionale che potrebbe prorogare le autorizzazioni alla Lonzi Metalli, impazzano le polemiche Comune, Regione, Pd e 5 Stelle. Ma nessuno al momento ha delle proposte concrete sul tavolo. Ecco una breve ricostruzione di ciò che è accaduto negli anni scorsi e delle polemiche di questi giorni

Alla vigilia della conferenza dei servizi in Regione per il rinnovo delle autorizzazioni per la Lonzi Metalli, si è riaperto il dibattito sulla delocalizzazione dell’azienda.

Ma a che punto eravamo rimasti? Eravamo rimasti dall’autunno 2016 quando dopo un anno dalla scadenza dei protocolli firmati nel 2010, l’opzione della delocalizzazione alla piattaforma Biscottino, di proprietà di Aamps, Comune di Collesalvetti e Lonzi, era naufragata. Un naufragio voluto soprattutto dal sindaco di Collesalvetti, Bacci, per due principali motivi:

– Il primo perché non voleva sul proprio territorio un’attività nociva, anche se molto decentrata, pressato sia da comitati ambientalisti che dalle opposizioni. Infatti nel giugno 2016, a pochi giorni dalla scadenza della proroga del protocollo per la delocalizzazione, il consiglio comunale di Collesalvetti votò all’unanimità contro la delocalizzazione. Anche i 5 stelle che quindi a Collesalvetti tennero una linea opposta a quella di Livorno.

– Il secondo motivo è che difficilmente Bacci avrebbe fatto un favore a Livorno che nel 2014 era cambiata come amministrazione e finita ai 5 Stelle. È anche vero però, che le opposizioni votando all’unanimità contro la delocalizzazioni insieme a sindaco e Pd lo hanno coperto contro questa accusa.

Qui l’articolo sulla posizione del consiglio comunale di Collesalvetti

http://m.iltirreno.gelocal.it/livorno/cronaca/2015/06/16/news/il-consiglio-di-colle-dice-no-alla-lonzi-al-biscottino-1.11627421

Facciamo quindi fatica a capire le polemiche sorte in questi giorni fra il consigliere regionale Pd Gazzetti ed il sindaco Nogarin che si mandano accuse reciproche sulla mancata delocalizzazione.

Filippo Nogarin Sindaco di Livorno

https://www.facebook.com/nogarin.pubblica/videos/1347337898732306/

Francesco Gazzetti

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10214699407791870&id=1624089691

Al momento sul tavolo non ci sono proposte quindi non capiamo tutto questo polverone alzato per primo da Gazzetti. Non capiamo che obiettivo abbia se non quello della strumentalizzazione politica oppure per distrarre dalla questione delle autorizzazioni. Noi siamo abituati a guardare ed analizzare gli atti ed al momento né Regione né amministrazione hanno una proposta concreta su cui lavorare. Certo è che sentire il Pd, che ha chiuso gli occhi per anni sulle attività della Lonzi, fare polemiche su questa vicenda ci suona strano. Ci piacerebbe invece vedere proposte concrete e quantomeno capire quali sono le posizioni in campo.

Secondo Regione Toscana ed amministrazione comunale livornese un territorio non può fare a meno di un’azienda che tratta rifiuti speciali e/o pericolosi? Oppure ritiene che sia in ogni caso incompatibile con il territorio già sotto stress per le attività nocive? Ritengono che con una nuova proprietà ed un taglio dei codici l’attività possa continuare oppure pensano che addirittura si possa andare avanti con la Lonzi stessa? Ci sono aree che hanno individuato, nel caso, per la delocalizzazione?

Ora la palla sulle autorizzazioni passa alla Regione. Poi starà anche all’amministrazione trovare una soluzione.

A riguardo segnaliamo le prese di posizione del Coordinamento Provinciale Rifiuti Zero Livorno

https://rifiutizerolivorno.blogspot.com/2018/08/inchiesta-sui-rifiuti-come-e-possibile.html?spref=fb&m=1

E quello di Buongiorno Livorno dell’ottobre 2016 che spiega la situazione di Protocolli e proroghe

https://buongiornolivorno.it/2016/10/01/trasferimento-lonzi-la-storia-infinita/

E quello di oggi

Lonzi: basta con lo scaricabarile.

Qui invece  in cui abbiamo svelato, con l’interrogazione della consigliera regionale Monica Pecori, la questione del possibile rinnovo delle autorizzazioni alla Lonzi

Nuova autorizzazione regionale per la Lonzi Metalli?

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10157810057902627&id=51929902626

Qui invece sul Rio Cignolo diventato arancione https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10157816859142627&id=51929902626

redazione, 29 agosto 2018

Previous Nuova autorizzazione regionale per la Lonzi Metalli?
Next "Brinderemo all'alluvione": arrestati per truffa e corruzione. E intanto i Comitati Alluvione scrivono a Rossi

You might also like

Editoriali

Braccialetti RFID agli spazzini livornesi: l’ennesima inutile battaglia mediatica ed elettorale

La questione dell’uso di braccialetti con tecnologia RFID da parte dei lavoratori AVR (appalto Aamps) per lo svuotamento cestini sta diventando, come sempre una questione strumentale e con reazioni che

Nazionali

Davide Casaleggio, poco o nulla di fronte a problemi epocali

Visto il filo conduttore della giornata di Ivrea, il futuro, non si può dire però che questa dimensione temporale sia stata fatta intravedere agli italiani. Non è venuta fuori un’idea

Editoriali

Scandalo Lonzi: la farsa delle autorizzazioni

Dopo tutto lo scandalo dei rifiuti, dopo che in questi giorni il rio Cignolo che passa a pochi metri dal muro dell’azienda è diventato nero emanando odore di fogna e