Md: “C’è un rischio clinico se si ingerisce fibre di amianto dall’acqua”

Medicina Democratica propone e commenta un articolo uscito sulla rivista scientifica “Epidemiologia e prevenzione”

ID:56693999

ID:56693999

Sulla rivista scientifica “Epidemiologia e prevenzione” (www.epiprev.it), sul numero attuale (anno 40  novembre-dicembre 2016) è presente un articolo di Valerio Gennaro ed Agostino Di Ciaula, che rilancia autorevolmente la lotta per la dismissione delle reti acquedottistiche in cemento-amianto. Ricordiamo che in Toscana – secondo i dati ufficiali di AIT – ben il 6% degli acquedotti sono costituiti da cemento-amianto, ma a fronte di comuni che non ne hanno, altri ne hanno molto più della media toscana:  53% Pisa, 35% Livorno, 37% Cecina, 30,50% Empoli, 38,14% Forte dei Marmi, ecc. In Toscana, il gestore idrico che ha la percentuale media più alta è ASA di Livorno, con il 14,71 %.

                                                            ***

Rischio clinico da ingestione di fibre di amianto in acqua potabile

Agostino Di Ciaula, Valerio Gennaro

1 UO medicina interna, PO Bisceglie, ASL BAT, Bisceglie

2 International Society of Doctors for Environment (ISDE) Italia

3 COR Liguria, Registro nazionale mesoteliomi (ReNaM), IRCCS Azienda ospedaliera universitaria San Martino, Genova

4 Istituto nazionale per la ricerca sul cancro (IST), Genova

Il recente riscontro di amianto in campioni di acqua potabile in Toscana (sino a 700.000 fibre/litro) ha riaperto il dibattito sui rischi da ingestione di queste fibre. L’esposizione ad amianto è stata messa in relazione a vari tumori del tratto gastrointestinale e in vitro è stata documentata la citotossicità ileale da ingestione di fibre di amianto.

Il riscontro di amianto in campioni istologici di carcinoma del colon e nella bile colecistica suggerisce la possibilità che, oltre alla migrazione/traslocazione dai polmoni ad altri organi per via linfatica, sia possibile un riassorbimento intestinale delle fibre e il raggiungimento del fegato attraverso la circolazione portale.

È stato anche descritto un possibile nesso causale tra amianto e colangiocarcinoma intraepatico. L’amianto assunto per ingestione è in grado di potenziare l’effetto mutageno del benzo(a)pirene e, secondo l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC), ci sono evidenze sul rapporto causale tra ingestione di amianto e cancro dello stomaco e del colon retto.

Il rischio sarebbe proporzionale alla concentrazione di fibre ingerite, alla variabilità del consumo idrico, alla durata dell’esposizione e alla concomitante esposizione ad altri carcinogeni (per esempio, benzo(a) pirene). La presenza di fibre di amianto in acqua potabile potrebbe, inoltre, spiegare l’evidenza epidemiologica di mesoteliomi non associabili a esposizione inalatoria.

In conclusione, numerose evidenze suggeriscono che i rischi sanitari correlati all’amianto possono essere subordinati a differenti vie di introduzione e sono presenti anche per ingestione, soprattutto attraverso il consumo quotidiano di acqua potabile. In Italia mancano limiti di legge e rilevazioni sistematiche sulla concentrazione di fibre di amianto in acqua, nonostante sia ampia la diffusione delle condotte in cemento-amianto e alcune di queste siano in progressivo deterioramento, anche a causa dell’alto tasso di acidità dell’acqua circolante. Resta da stabilire con chiarezza il limite minimo tollerabile di fibre di amianto nell’acqua potabile e, per rispetto dei principi di precauzione e di prevenzione, sarebbe opportuna una revisione della normativa nazionale e un efficace e sistematico piano di monitoraggio dell’acqua da applicare in tutte le entità amministrative (comuni/province/regioni). Sono, inoltre, necessari ulteriori studi epidemiologici finalizzati alla corretta identificazione delle comunità esposte e a un’adeguata valutazione del rischio in quelle specifiche aree geografiche.

Medicina democratica – Movimento di lotta per la salute

21 dicembre 2016

Previous La musica non è peggiorata. I migliori dischi del 2016
Next BL: "Sanità livornese: basta pacche sulle spalle, serve un assessorato specifico"

You might also like

Lavoro/Capitale

Jobs Act: il 75% dei lavoratori è precario

Fondazione Di Vittorio (Cgil). Sul Jobs Act una cosa vera Renzi l’ha detta: «La ritengo la legge che ha inciso di più sulla realtà»: il 75% dei nuovi rapporti di

Interni

Primo Maggio: interventi sulla festa dei lavoratori

1° Maggio. Per una festa del lavoro e del reddito “Un giorno ci chiederanno come abbiamo potuto vivere senza reddito di base” (Philippe Van Parijs) C’era una volta un Paese dove

Interni

Il Governo ritira il decreto sui servizi pubblici, una vittoria della mobilitazione e dell’applicazione della Costituzione

tratto da http://www.acquabenecomune.org La Corte costituzionale ha sostanzialmente demolito la cosiddetta Riforma della Pubblica Amministrazione voluta dalla Ministra Marianna Madia dichiarando l’incostituzionalità di diversi articoli della legge delega tra cui