MD: “Chiudere la discarica di Buriano”

rifiuti-discaricaDella sua chiusura si parla da almeno 5 anni, ora incredibilmente i sindaci – soci  di ASV (Volterra, Montecatini, Castelnuovo, Pomarance, Casale) chiedono addirittura di dotarla di un impianto di compostaggio, così da allungarne la vita.

Ma le mire sembrano anche peggiori: rifiuti speciali, mentre la discarica di Bulera è ampiamente esaurita. E mentre si avanza la RetiAmbiente spa, dove ogni affarista dei rifiuti vuole entrare con più forza possibile. Questo in estrema sintesi è il quadro degli ultimi anni.

Ma, la scandalosa discarica di Buriano, posta accanto alle miniere Solvay di salgemma, in un’area devastata in superficie e nel sottosuolo, non doveva mai essere autorizzata: invece marcia da oltre 30 anni (1985 l’inizio ufficiale), ha accolto molti più rifiuti urbani di quanti autorizzati, e recentemente l’Arpat ha rilevato ammoniaca e metalli pesanti nelle falde idriche dei suoi  dintorni. Intanto Solvay continua tranquillamente a cavare salgemma appena fuori dai confini della discarica, con pericoli di crolli disastrosi che potrebbero coinvolgere anche la massa di rifiuti  interrati. Un epilogo da mettere nel conto.

La logica vorrebbe che si chiudesse immediatamente la discarica, si mettesse in sicurezza da frane, smottamenti e percolazione. Invece i sindaci-soci  che fanno ? ne chiedono alla Regione il prolungamento, con la dotazione di un impianto di compostaggio, che stranamente suscita interesse in imprenditori locali, di solito indifferenti a simili iniziative. E’ facile supporre che dietro  tale interesse si celi in realtà l’interesse per lo smaltimento di rifiuti speciali, dato che l’altra discarica della zona, quella  di Bulera per tali rifiuti è ampiamente esaurita. Fanghi di trivellazione della geotermia e della Solvay, fanghi della SCL e della filiera del sale sono in cerca di un’altra destinazione, ovviamente a buon mercato.

E’ particolarmente inquietante che i sindaci, in particolare Buselli – sindaco di Volterra – associno spesso la discarica con un accordo generale sullo sfruttamento Solvay del salgemma, trovando orecchi  sensibili in Regione. Mentre nessuno in val di Cecina dimentica  le mire  dei conciatori di pellami, che avevano individuato la val di Cecina per lo smaltimento dei loro fanghi al cromo.

MD pone due domande ai sindaci-soci:

  • perché non si pubblicano le “manifestazioni di interesse” richieste ad  imprenditori locali?
  • Perché ci si ostina a far del terrorismo sulla popolazione, prospettando un incremento delle bollette, se non si allunga la vita alla discarica sulle caverne del salgemma?

E alla Regione MD rivolge una pressante richiesta:

  • chiuda subito a Solvay le estrazioni di sale nelle vicinanze della discarica.

Medicina Democratica/Movimento di lotta per la salute-Coordinamento val di Cecina

3 novembre 2016

Previous SI: "Un nuovo Regolamento Edilizio che guarda al passato"
Next Il vero golpe turco: Erdoğan fa arrestare i deputati curdi dell'Hdp

You might also like

Città

BL: “Orti urbani, nessun passo indietro”

Nel Consiglio Comunale di ieri è stata discussa la nostra interpellanza sullo stato di avanzamento del progetto relativo all’area degli Orti Urbani di Via Goito. Una questione complessa che si

Dintorni

Ampliamento di Camp Darby: le proteste e gli appelli

NO ALL’AMPLIAMENTO DI CAMP DARBY, NOGARIN LOTTI CON NOI Proprio mentre la riconversione ad uso civile della base di Camp Darby sembrava essere stata accettata da una larga convergenza politica

Interventi

Livorno area di crisi complessa: l’analisi dell’osservatorio su cosa è stato fatto fino ad oggi

Osservatorio: “Serve un cambio di rotta nell’area di crisi complessa livornese” Abbiamo analizzato gli effetti dei progetti per l’area di crisi complessa di Livorno ed il quadro che ne emerge