“Nessuna strumentalizzazione razzista sui nostri corpi!”

La strage avvenuta a Macerata è un gravissimo atto di terrorismo xenofobo che va a colpire in modo vile persone indifese solo per il fatto di essere straniere e per il colore della pelle.

In questo assurdo contesto si inseriscono le gravissime prese di posizione di esponenti politici a capo di organizzazioni  razziste, sovraniste e di estrema destra, che provano a legittimare tale violenza gratuita mettendola in rapporto causa – effetto con il fenomeno migratorio, facendo leva sulla difesa del territorio per scopi di campagna elettorale.

Ancor più deliranti coloro che giustificano la strage fascista come una ”vendetta” per il femminicidio della 19enne Pamela M. avvenuto giorni prima.

Il femminicidio di Pamela M. si aggiunge agli altri avvenuti per mano di fidanzati ,mariti, ex che nella gran parte avvengono infatti nella ristretta cerchia di amici e familiari. Punta dell’iceberg di un fenomeno, quello della violenza maschile contro le donne, che più volte abbiamo ribadito essere strutturale nella nostra società e che non può essere cavalcato per opportunismo politico.

Ribadiamo la nostra rabbia per la strumentalizzazione di Pamela e dei corpi delle donne a fini razzisti , retoriche che legittimano leggi razziste, fomentano l’odio contro gli immigrati e la paura.

La nostra solidarietà va in questo momento alle sei persone ferite , fra cui una donna, solo perché africane e alla madre di Pamela che in un appello afferma di non volere nessuna vendetta.

Sabato 10 FEBBRAIO  NON UNA DI MENO – MARCHE parteciperà alla manifestazione convocata a Macerata per ribadire che il nostro percorso femminista e intersezionale è antirazzista, antisessista e antifascista oggi più che mai

NESSUNA STRUMENTALIZZAZIONE RAZZISTA SUI NOSTRI CORPI

ANTIFASCISTE SEMPRE

NON UNA DI MENO

6 febbraio 2018

Per informazioni consulta la pagina Facebook

“Non Una Di Meno Livorno”

https://www.facebook.com/group s/1808939669323605/ [2]

Previous "Continua la melina sui bacini di carenaggio"
Next Contro l'ipocrisia del potere: intervista al pittore Paolo Massimo Abrans

You might also like

Migranti

La doppia morte di Emmanuel Namdi e la nostra vergogna

tratto da Il Manifesto, articolo di Mario Di Vito Emmanuel Chidi Namdi è morto meno di sei mesi fa, eppure a Fermo sembra passato un secolo da quel 5 luglio,

Istituzioni Totali

No Tav, sentenza storica della Cassazione: opposizione sociale non è terrorismo

tratto da popoffquotidiano.it No, non era terrorismo. Come non è terrorismo lottare per difendere l’ambiente dalle grinfie dei devastatori e saccheggiatori di presente e futuro. E dire che la protesta dei

Corpi e potere

Azin, giovane artista iraniana che ha creato una cooperativa di sole donne ad Isfahan

Pubblichiamo questo articolo del nostro collaboratore Giacomo Sini sulla storia di Azin, tratto dal Corriere del Ticino di Sabato 20 Gennaio a pagina 2. Scaricalo qui o leggilo qui sotto