“Novità per la sanità pubblica cecinese? Sì, la regalano ai privati”

Nessun programma, per risolvere le gravi problematiche della sanità pubblica della Bassa Val di Cecina, è emerso nell’ultima Conferenza dei Sindaci del 16 agosto che si è svolta a Cecina, convocata d’urgenza da Lippi.

Nessuna informazione sul Piano di Area Vasta (che pare non sia stato ancora analizzato nei Consigli Comunali) è stato dato alla popolazione che intanto riempie lunghissime liste di attesa e affolla il pronto soccorso dove si viene abbandonati su una sedia a rotelle anche 12 ore, prima di essere visitati.

Nessuna scadenza sui tempi per il Piano Attuativo Locale che manca da ben 15 anni e da cui dipende l’organizzazione della sanità locale compresa la collocazione dell’emodinamica.

Nessuna risposta al documento di proposte di risoluzione delle problematiche nella sanità della BVC, approvato dalla 4^ commissione regionale ed inviato al Consiglio regionale, in seguito all’approvazione all’unanimità del Consiglio Comunale di Cecina del 27 aprile 2013.

Nessun dato conoscitivo sul progetto di ospedale unico Cecina – Piombino.

Nessun atto preciso sulle azioni concrete ed efficaci che ASL intende attuare per ridurre nel nostro territorio il rischio infarto e malattie cardiovascolari, dopo il fallimento della tele cardiologia e del tele monitoraggio previsto nel modello dell’intensità di cure, solo l’impegno verbale di Lippi a reperire i dati e far fare uno studio, ma senza definire tempi precisi. Anzi, si è guardato bene dal difendere la nostra salute affermando: “Non farò opposizione politica qualora la scelta della sala di emodinamica non cadesse sull’ospedale di Cecina”.

Intanto in Val di Cecina si continua a morire per malattie cardiovascolari in modo superiore rispetto al resto della Toscana ed è accertato che nella nostra zona vi è un eccesso di mortalità per malattie potenzialmente correlate all’inquinamento: 385 morti in 10 anni, 245 nel Comune di Rosignano Marittimo (sede di numerose attività industriali inquinanti) e 139 in quello di Cecina.

L’unico dato certo emerso dalla dirigente ASL, De Lauretis, è che “non riescono a reperire personale per far lavorare a pieno ritmo i macchinari ospedalieri, che sono quindi inutilizzati”: ma anche questo ce l’aveva già raccontato tempo fa a giustificazione delle lunghe liste di attesa per gli esami diagnostici, la novità è che intendono appaltarli ai privati!

E noi ci chiediamo: quale personale usano i privati per far funzionare queste apparecchiature?

E non solo, è notizia della scorsa primavera che secondo la FNOMCEO (federazione nazionale degli ordini dei medici) in Italia ci sono 20-25 mila giovani professionisti non attivi (di fatto disoccupati) e 8 mila precari; mentre 90 mila lavorano con i privati!

Altro che mancanza di operatori sanitari: la vera mancanza è che non vengono assunti!».

Comitato Salute pubblica

2 settembre 2017

***

Lunedì 4 Settembre, il CSPC, insieme ad un gruppo di cittadini provenienti anche dai comuni limitrofi, è stato ricevuto dal Sindaco Samuele Lippi in un incontro che ha visto accolta la richiesta di poter mantenere aperto il servizio volontario di “Sportello Gratuito Salute Pubblica” presso l’Auditorium di Via Verdi.

Il Comitato, che da poco ha un proprio sito ufficiale (www.comitatosalutepubblica.org [1]), già da qualche mese, ha effettuato, in via sperimentale, tale servizio finalizzato alla condivisione di informazioni, di riflessioni e di raccolta segnalazioni relative al tema della salute, concentrandosi, ultimamente, sull’argomento vaccinazioni, visto l’interesse manifestato da parte di molti genitori della zona.

Il CSPC ringrazia pubblicamente il Sindaco per aver soddisfatto la propria richiesta e per l’attenzione, la disponibilità e la sensibilità dimostrate riguardo alle tematiche esposte e invita la cittadinanza a partecipare allo “Sportello Gratuito” tutti i mercoledì dalle ore 18 alle ore 20 presso l’Auditorium di Via Verdi a Cecina.

Per favore vogliate inserire i nostri loghi (trasmessi in allegato) ed i nostri recapiti

comitatosalutepubblica.org

Previous Porca Vacca e Livorno Calcio: ecco cosa è successo
Next Aperte le iscrizioni al corso: "Costruiamo quartieri solidali"

You might also like

Interventi

BL: “Emergenza sociale a Livorno: serve cambiare l’assessore”

Disoccupazione, emergenza abitativa, difficoltà a sopravvivere dignitosamente: la povertà a Livorno si fa sentire come nel resto del paese, anzi di più. Sono indispensabili politiche locali innovative e alternative all’austerità

Città

Darsena Europa, altri 6 mesi di rinvio!

Purtroppo come pubblicato due giorni fa in un articolo inviatoci, il bando della Darsena Europa subisce ulteriori 6 mesi di rinvio. Un’ennesima bastonata su Livorno che vede nubi nere anche

Città

Giovedì 17 novembre alla Goldonetta: “La trasformazione di Livorno”

Da anni la nostra città si avvita su una crisi che sembra non avere fine. Ad oggi, dopo infinite promesse e false illusioni che le varie istituzioni ci hanno “venduto”,