Orti Urbani: il giudice chiede i sigilli. Fra i denunciati una donna di 85 anni malata di Alzheimer

“Il 5 giugno si è svolta una prima udienza, presso il tribunale di Livorno, per decidere se archiviare o meno il procedimento penale nei confronti di 13 “ortolani” accusati di aver occupato l’area verde di sei ettari in Via Goito. Tra i denunciati ci sono numerosi anziani cittadini e residenti del quartiere. Una pericolosa occupate è una signora di 85 anni malata di alzheimer invalida al 100%.

L’area verde in questione era stata lasciata all’abbandono e al degrado da parte della proprietà. Prima che fosse liberata veniva usata come discarica a cielo aperto. Centinaia di cittadini hanno deciso di rimboccarsi le maniche e renderla fruibile a tutti.

Adesso il giudice, oltre che aver rigettato la richiesta di archiviazione e disposto nuove indagini, ha “consigliato” al Pubblico Ministero di disporre il sequestro preventivo dell’area.
Nei prossimi giorni la polizia potrebbe presentarsi in Via Goito per apporre i sigilli e mettere la parola fine ad una delle esperienze più virtuose dal punto di vista del recupero urbano e dell’autogestione.

Sappiamo benissimo che in caso di sequestro il terreno tornerà in stato di abbandono e degrado per chissà quanti anni.

Sabato 9 giugno alle ore 17 abbiamo organizzato un presidio e una conferenza stampa di fronte al Comune. Invitiamo tutti i cittadini solidali, le associazioni e le forze politiche a partecipare”.

Orti Urbani di via Goito

5 giugno 2018

Previous Morti sul Lavoro Aprile 2018: 190 vittime
Next BL: "Porta a Porta: un servizio da migliorare!"

You might also like

Città

Porto: il punto della situazione di Buongiorno Livorno

Il Porto di Livorno è da tempo inserito nella rete dei trasporti europei (rete Ten-T), struttura che stabilisce i corridoi principali dei trasporti nel mercato unico. Il nostro scalo è

Città

Potere al Popolo Livorno: 10 domande sul nuovo ospedale cittadino

Rossi, Saccardi e Nogarin sono tutti e tre in cerca di consensi per le prossime elezioni (amministrative 2019 e regionali 2020) e del futuro della sanità a Livorno non gliene

Città

Corallo: le terme promesse

Storia del recupero delle Terme del Corallo tra bugie, promesse, suggestioni… e appartamenti. Asa, Lamberti, Nebbiai, Cosimi, Saporito, Bottoni, Cagliata: sono i nomi che hanno ruotato intorno all’ipotesi di ristrutturazione.