Orti Urbani: il giudice chiede i sigilli. Fra i denunciati una donna di 85 anni malata di Alzheimer

“Il 5 giugno si è svolta una prima udienza, presso il tribunale di Livorno, per decidere se archiviare o meno il procedimento penale nei confronti di 13 “ortolani” accusati di aver occupato l’area verde di sei ettari in Via Goito. Tra i denunciati ci sono numerosi anziani cittadini e residenti del quartiere. Una pericolosa occupate è una signora di 85 anni malata di alzheimer invalida al 100%.

L’area verde in questione era stata lasciata all’abbandono e al degrado da parte della proprietà. Prima che fosse liberata veniva usata come discarica a cielo aperto. Centinaia di cittadini hanno deciso di rimboccarsi le maniche e renderla fruibile a tutti.

Adesso il giudice, oltre che aver rigettato la richiesta di archiviazione e disposto nuove indagini, ha “consigliato” al Pubblico Ministero di disporre il sequestro preventivo dell’area.
Nei prossimi giorni la polizia potrebbe presentarsi in Via Goito per apporre i sigilli e mettere la parola fine ad una delle esperienze più virtuose dal punto di vista del recupero urbano e dell’autogestione.

Sappiamo benissimo che in caso di sequestro il terreno tornerà in stato di abbandono e degrado per chissà quanti anni.

Sabato 9 giugno alle ore 17 abbiamo organizzato un presidio e una conferenza stampa di fronte al Comune. Invitiamo tutti i cittadini solidali, le associazioni e le forze politiche a partecipare”.

Orti Urbani di via Goito

5 giugno 2018

Previous Morti sul Lavoro Aprile 2018: 190 vittime
Next BL: "Porta a Porta: un servizio da migliorare!"

You might also like

Città

Il mistero dei bacini

Ad un anno dalla morte dell’elettricista nel bacino di carenaggio, il bando è sempre avvolto nell’oscurità. Dal 2009 Azimut è un semplice guardiano dei bacini e ciò lo salverà da

Dintorni

MD: “Scapigliato e il terremoto sui rifiuti”

Oggi (21 dicembre) si riunisce a Firenze una nuova conferenza dei servizi (tutti i soggetti istituzionali coinvolti) sul progetto di  industrializzazione di Scapigliato, presentato da REA, dopo appena 21 giorni

Interventi

Ex Caserma: “Solidarietà agli studenti bolognesi”

Dopo i fatti avvenuti a Bologna riguardanti la biblioteca di Via Zamboni n 36 e in seguito alle violente cariche della polizia nei confronti di studenti, oggi più che mai