Ottanta volte Palio

Domenica 2 luglio si conclude la Stagione Remiera livornese, con la disputa del Palio Marinaro. Si tratta dell’edizione numero 80 del principale appuntamento agonistico, che viene dopo la massacrante Risi’atori in alto mare e la Barontini nel fascino ineguagliabile dei Fossi Medicei, tutta giocata sulla tecnica sopraffina dei timonieri e sul ritmo e affiatamento dei vogatori.

Sono stati due eventi molto belli e partecipati, labronicamente caratterizzati anche da polemiche ma che hanno confermato la validità del “prodotto gare remiere” e mostrato plasticamente le opportunità di vario genere che offre.

Nel nostro intervento di qualche giorno fa abbiamo sottolineato la necessità di lavorare in varie e coordinate direzioni, per sfruttare queste opportunità: integrare le gare remiere in un menu di iniziative culturali, accompagnarle con iniziative artigianali e commerciali, stimolare e rafforzare l’attività delle cantine e la vita associativa, sviluppare i progetti nelle scuole per introdurre l’appartenenza rionale e il legame con la storia del rione. Questi obiettivi, a nostro parere, possono essere realizzati solo rafforzando le Cantine, rimettendo in discussione la riorganizzazione di alcuni anni fa, e andando verso una “testa unica” e condivisa che si occupi del comparto. Questo potrebbe evitare problemi di interpretazioni regolamentari e tentazioni di personalismo.

Tutto ciò con una doppia valenza. La prima, dare una dimensione fruibile da chi non è livornese, offrendo uno spaccato accattivante della Città di Livorno, delle sue tradizioni, del legame con il mare al di là di logori luoghi comuni (che anche alcuni importanti e ascoltati livornesi rafforzano con uscite pubbliche), contribuendo a creare indotto economico e alternative occupazionali. La seconda, far entrare nel cuore e nell’anima dei livornesi la coscienza piena del luogo che abitano, della sua storia, stimolando il coraggio di cercare vie d’uscita originali dalle situazioni negative che la città sta attraversando, svincolandosi da schemi usurati e soluzioni preconfezionate che hanno più volte mostrato la loro insufficienza.

Vi diamo appuntamento alla Terrazza Mascagni domenica prossima, vinca il migliore e VIVA IL PALIO MARINARO!

Gruppo Sport BuongiornoLivorno

Orari e boe di partenza

Palio 2017, ecco le boe di partenza

Previous Porta a Mare e Bacini: 12 domande a Comune ed Autorità Portuale
Next Asa, esplode il caso del derivato tossico della Liri. Milioni scippati ai cittadini

You might also like

Interventi

Ato sud: arresti e bollette alle stelle. Lo stesso percorso che qualcuno vorrebbe far fare ad Aamps

Ecco il modo con cui politici corrotti, banche e società quotate in borsa vorrebbero gestire i beni pubblici e fare affari su quelli che vengono chiamati beni comuni, cioè servizi

Città

Ultime quattro settimane di pressing in difesa della Sanità Pubblica!

Mentre Enrico Rossi invade la stampa nazionale con la sua proposta “sociale” per la segreteria del PD, in Toscana il Comitato in Difesa della Sanità Pubblica ancora non ha digerito

Città

10 agosto 2007 – 10 anni fa la tragedia dei 4 bambini Rom: l’incendio di Pian di Rota e la politica dei roghi

Gli operatori sociali raccontano che tre famiglie erano andate a vivere sotto quel cavalcavia dopo due sgomberi effettuati a causa delle proteste dei residenti, il primo da Via del Levante,