Quando il patriota (fascista) rivendica le bufale

La vicenda dello smalto della donna gettata in mare dai libici e ripescata dopo 48h da una ONG, ha svelato definitivamente, e su larga scala, il legame sistematico fra bufale e universo fascista

Lo abbiamo scritto già molte volte che affrontare il fenomeno di massa delle fake news e dei social che amplificano i discorsi da bar dando del fascista e del razzista a destra e manca non serve a nulla. Perché chi ci crede e chi le dice si arrocca sempre di più sulle proprie posizioni sdoganando, al contrario, certe idee con più facilità.

Certo è però che i fascisti veri, quelli organizzati e che vogliono diventare classe dirigente di questo paese, con le fake news e con l’incitamento strumentale a discorsi razzisti e fascisti c’entrano invece molto. Ecco l’ennesima dimostrazione con la bufala dello smalto sulle unghie della donna salvata dopo 48h di agonia in mare. Una bufala che l’autrice rivendica candidamente così come svela candidamente di collaborare per la rivista Il Primato Nazionale vicina politicamente a Casa Pound.

https://www.agi.it/politica/bufala_migrante_smalto-4198285/news/2018-07-25

Quindi bisogna sempre suddividere la massa di fruitori di notizie che crede alle bufale, sicuramente definibili boccaloni o ricercatori ossessivi di capri espiatori e di soluzioni semplici senza muovere un dito, e i professionisti politici fascisti e razzisti che preparano ogni giorno trappole da social e che hanno come obiettivo quello di avvelenare il paese e coltivare le guerre fra poveri per poi andare all’incasso elettorale.

Quando di questi tempi sentite la parola patriota venire da certi ambienti, guardatevi intorno.

redazione, 25 luglio 2018

Previous Nick Cave esce dalla caverna. I semi cattivi non muoiono mai
Next Porta a Porta da migliorare con proposte concrete. Il caso Contarina

You might also like

Nazionali

Banche venete, un primo crack che costerà carissimo all’Italia

Da tempo, autunno 2015, segnaliamo che il sistema bancario italiano, ben oltre le quattro banche “salvate” dal decreto del novembre dello stesso anno, è a rischio implosione. Probabilmente, un po’

Locali

La Darsena dei Ripensamenti e i rischi futuri del porto

Siccome non pretendiamo di stare nel centro del mondo registriamo alcuni fatti come coincidenze: abbiamo fatto uscire un articolo sul reale pericolo di ridimensionamento della Darsena Europa dopo che il

Editoriali

La sharing economy in chiaroscuro: da Uber a AirBnB

In italiano si chiama “economia della condivisione” o come riporta Wikipedia “consumo collaborativo”: “Il termine consumo collaborativo (sharing economy) definisce un modello economico basato su di un insieme di pratiche