“Ecco perchè il Porta a Porta è migliore del cassonetto con tessera”

Un intervento del Coordinamento provinciale rifiuti Zero Livorno spiega perchè il nuovo tormentone sui cassonetti interrati ed il mito di Tirrenia sono ipotesi e proposte senza basi solide e si portano dietro esempi fallimentari

Durante i nostri incontri con i cittadini, organizzati autonomamente o in collaborazione con Aamps nei vari quartieri interessati all’estensione della raccolta porta-a-porta, ci viene chiesto spesso il motivo di questa scelta, in alternativa all’opzione dei cassonetti stradali dotati di sistemi di apertura con tessera magnetica.

Non è un caso se il sistema porta-a-porta si diffonde sempre più nelle città italiane (a prescindere dal colore politico delle amministrazioni), mentre i sistemi stradali vanno scomparendo, compresi quelli dotati di tessera magnetica, che vengono mestamente ritirati dopo le cosiddette “sperimentazioni”.

Innanzitutto dobbiamo tener conto della normativa, che impone di raggiungere e superare la soglia del 65% di raccolta differenziata: secondo i dati dell’Eco Istituto di Faenza, con i sistemi stradali più o meno tecnologici si arriva ad una percentuale compresa tra il 47% ed il 58%, quindi con questi sistemi la normativa non viene rispettata ed i cittadini vengono colpiti da eco-tasse e aumenti tariffari. Con il porta-a-porta, invece, la resa supera il 76%, arrivando in alcuni territori addirittura oltre il 90%.
Secondo l’indagine dell’Europen Environmental Bureau, solo con il porta-a-porta è possibile ottenere anche una riduzione a monte della produzione di rifiuti.

Oltre alla quantità di raccolta differenziata, c’è il problema della qualità: secondo uno studio di Hera s.p.a., l’impurità della raccolta di carta con cassonetti e tessera è pari al 12,4%, mentre col porta-a-porta cala al 5,4% (meno della metà), invece per l’umido il tasso di impurità scende dal 11,4% (stradale) al 4,6% (porta-a-porta).
Visto che gli accordi economici sottoscritti dai comuni con i consorzi del riciclo penalizzano moltissimo le raccolte che presentano eccessive impurità, tutto ciò si traduce in un aggravio di costi per il cittadino e in un danno pesantissimo per l’ambiente e la salute pubblica.

Altri costi ed altre difficoltà sono dovute al fenomeno dell’abbandono dei rifiuti intorno ai cassonetti, da parte di chi non ha la tesserina o non vuole utilizzarla, problema che non si attenua col passare dei mesi ne’ con l’aumento dei controlli.

Ecco perché il porta-a-porta è necessario e perfino obbligatorio, preso atto dei requisiti previsti dalla legge. Ovviamente, chi ha reali e serie difficoltà deve essere aiutato, con servizi di supporto al porta-a-porta, come piccole isole ecologiche di quartiere o passaggi di eco-bus, ulteriori rispetto al calendario ordinario dei ritiri.
Coordinamento Provinciale Rifiuti Zero Livorno 
17 aprile 2018
Previous Braccialetti RFID agli spazzini livornesi: l'ennesima inutile battaglia mediatica ed elettorale
Next Potere al Popolo: Nogarin, di braccialetto ce n’era un altro a Lucca…

You might also like

Interventi

BL: “Livorno film commission – Il cinema come leva economica del territorio”

Cinema ed economia, un binomio troppo spesso sottovalutato da chi deve fare scelte politiche. Nel migliore dei casi, infatti, i due termini sono associati solo all’ambito produttivo dell’industria cinematografica, dimenticando,

Città

La protesta degli operai Grandi Molini: altri 30 licenziamenti a Livorno

Questa mattina i lavoratori della Grandi Molini Italiani di via Leonardo Da Vinci si sono presentati nella sede livornese di Confindustria per protestare contro la proprietà dell’azienda che martedì scorso

Città

Darsena Europa? Meglio tardi che mai. Ma ci sono responsabilità nei ritardi

Poco più di un anno è trascorso da quel 26 Maggio 2016 in cui, nell’imbarazzo generale, il sindaco di Livorno, Filippo Nogarin fece risuonare nella sala Ferretti della fortezza Vecchia