Potere al Popolo: il decreto dignità provocherà l’aumento del precariato

Il ministro e vicepresidente del consiglio Luigi Di Maio ha definito il suo primo decreto, quello ribattezzato “dignità” per provare a scatenare un po’ di effetto annuncio, come un provvedimento che “dà un colpo mortale al precariato, licenziando il Jobs act”, e che restituisce “diritti” mentre combatte la “precarietà, la burocrazia, l’azzardo e la delocalizzazione”. E vediamolo, allora, questo decreto da combattimento.

Il nostro giudizio qui non è certo infarcito dei numerosi “si vedrà” di solito formulati da chi non sa bene di quale materia si sta parlando o, in alternativa, vuol buttare la palla in angolo. Infatti il nostro giudizio è, invece, netto: il decreto Di Maio, lasciamo ad altri l’uso dell’etichetta paternalistica della dignità, serve più a allungare gli effetti annuncio pentastellati su Twitter e Facebook che alla società italiana. Sempre prendendo sul serio il vicepresidente del consiglio quando annuncia che i riders, i cui diritti dovevano entrare nel decreto, non sono qui oggetto di intervento legislativo perchè tra due mesi avranno un contratto.

Cominciamo dai diritti dei lavoratori soggetti a partita iva, un’area vasta del precariato del nostro paese. Una delle misure ritenute vessatorie da questa categoria, lo spesometro, era stata annunciata come abolita proprio da questo decreto. Invece lo spesometro rimane e, a questo punto, c’è da chiedersi se la sua abolizione, prevista da precedenti dispositivi di legge per il 2019, avvenga davvero.

E’ stato invece abolito, da subito, lo split-payment. Cosa è? E’ un meccanismo di pagamento diretto dell’Iva da parte della pubblica amministrazione. Ritenuto efficace per combattere le numerose frodi legate all’Iva nel nostro paese (si veda https://www.guidafisco.it/split-payment-iva-pa-1242). E’ stato abolito subito e non si capisce, francamente, quale altro dispositivo di legge possa sostituirlo nella lotta all’evasione fiscale e alle truffe legate all’Iva.

Veniamo quindi alla cosiddetta lotta al precariato, che secondo Di Maio avrebbe subito una Waterloo in questo decreto. Il dispositivo introdotto dal vicepresidente del consiglio mostra due immediate potenzialità: il primo di contribuire a far aumentare il lavoro nero e il turnover dei lavoratori, il secondo di alimentare il precariato. Sulla prima potenzialità è presto detto: diminuendo i mesi consecutivi consentiti di contratto a tempo determinato (da 36 a 24), le aziende tenderanno a massimizzare il turnover e a ottimizzare l’assunzione di lavoratori in sostituzione di quelli non confermati. Oppure confermando i lavoratori in produzione semplicemente passando al nero. Col decreto sarà più conveniente fare così che stabilizzare e, si sa, le aziende non regalano. La seconda è legata alla prima: non c’è convenienza economica nel passaggio da tempo determinato a tempo indeterminato (comunque sotto jobs act), dopo i mesi di precariato perchè il tempo indeterminato continua ad essere meno conveniente del tempo determinato. Infatti il decreto, anche se non è chiaro perché, aumenta la tassazione su indeterminato e determinato mantenendo quest’ultimo più conveniente. E se si aumenta la tassazione, oggi, si incentiva il lavoro nero. E così, in un colpo solo, Di Maio ha aumentato le possibilità che ci siano maggior lavoro nero e maggior precariato in questo paese. Oltretutto se Di Maio voleva dare un colpo mortale al Jobs Act, bastava abolirlo. Ma così non è stato. Certo in un colpo solo tra abolizione dello split payment e norme sul tempo determinato, un’impresa, da oggi, ha maggior possibilità di giocarsela sull’Iva e sul nero. E tutto questo dai paladini della legalità.

Oltretutto il più grande settore di produzione di precariato in Italia, la pubblica amministrazione, è esentato dagli effetti di legge nel decreto Di Maio. Segno EVIDENTE che il settore pubblico può, e vuole, andare avanti col precariato. La tanto declamata dignità si ferma quindi ai confini del settore pubblico. Ma fermiamoci qui, lasciamo ai meetup di turno il compito di credere all’esistenza degli unicorni e Di Maio che combatte il precariato. E ai soliti boccaloni lasciamo il mito della parte di sinistra del governo che si fa valere.

Veniamo alle sanzioni sulla delocalizzazione. Intento condivisibile, ma gli effetti del decreto, a parte che nella fantasia scatenata dei meetup, saranno limitati. Perchè non si intravede, almeno nelle bozze pubblicate fino a questo momento, uno straccio di imitazione di una legge francese, la Loi Florange, che obbliga l’eventuale delocalizzatore a cercarsi un acquirente per un dato periodo di tempo. Leggendo le bozze del decreto Di Maio il rischio è che le aziende, per delocalizzare senza pagare sanzioni, semplicemente si mettano in stato di fallimento. E, infine, cosa dire del divieto di pubblicità per scommesse e giochi d’azzardo? Certo, aiuta la lotta alla ludopatia, bellissimo. Solo che, fatto in questo modo, senza alternative di finanziamento, rischia di azzoppare lo sport italiano in generale, e il calcio in particolare, che vivono di sponsorizzazioni legate al mondo delle scommesse. E qui si parla di una importante, strategica, industria nazionale.

Un decreto quindi nocivo -su Iva, nero e precariato- come innocuo sulle delocalizzazioni. Infine demenziale, sullo sport, anche nell’abolizione dell’iperammortamento sull’innovazione digitale. Da mani nei capelli, insomma.

Per non finire di stupire, Di Maio ha parlato, sempre in queste ore, di 13 milioni di posti di lavoro da creare, bontà sua, in sei-sette anni. Non è dato capire se è più una promessa o una minaccia. Vista l’età avanzata degli italiani, vedi mai che a qualche pensionato, toccasse tornare a lavorare. Giusto per contribuire al riequilibrio del bilancio dello Stato.

In sostanza, se questa è l’arma del M5S per riequilibrare la partita di sparate giocate da Salvini, i due partiti sono sulla stessa linea, ma entrambi stanno facendo enormi danni da quando sono al governo, uno con le sue inutili urla, l’altro con provvedimenti folli, che non faranno ripartire questo paese, ma anzi lo affonderanno ancora di più.

Potere al Popolo Livorno

p.s.

Consigliamo questo link per la lucida analisi del decreto dignità.

Questa l’analisi di Viola Carofalo (capo politico di Potere al Popolo)

Previous Morti Bianche Gennaio - Maggio 2018: 389 Vittime
Next Potere al Popolo: trovato l'accordo sindacale per i "braccialetti" in Avr, smentita ogni parola in merito del sindaco Nogarin

You might also like

Interni

Primo Maggio: interventi sulla festa dei lavoratori

1° Maggio. Per una festa del lavoro e del reddito “Un giorno ci chiederanno come abbiamo potuto vivere senza reddito di base” (Philippe Van Parijs) C’era una volta un Paese dove

Interni

127 morti bianche: questo l’epilogo a febbraio 2017

Inviato a Senza Soste da Vega Engineering I primi due mesi del nuovo anno contano ben 32 vittime in più rispetto allo stesso periodo del 2016. I mesi di Gennaio

Lavoro/Capitale

Morti bianche 2017 in Italia: una tragedia senza fine

“La legislazione italiana sulla sicurezza nei luoghi di lavoro è considerata una buona legislazione e il sistema dei controlli interviene su 200.000 imprese ogni anno. Serve, però, anche un impegno