Potere al Popolo Livorno: serve un tavolo di ricognizione dello stato di sicurezza del porto

Oggi pomeriggio, 29 marzo, come Potere al Popolo – Livorno, abbiamo indetto un presidio con conferenza stampa sotto l’Autorità Portuale in seguito ai gravi fatti avvenuti al deposito costiero Neri, in cui hanno perso la vita due lavoratori.
Riteniamo che sia immediatamente necessaria la convocazione, da parte dell’Autorità Portuale, di un tavolo che si occupi di effettuare una ricognizione dello stato di sicurezza del porto e degli impianti industriali.
Pensiamo che sia doveroso che a questo tavolo, oltre alle istituzioni, agli organi competenti e alle organizzazioni datoriali, siano presenti anche i lavoratori, sia nelle figure dei rappresentanti per la sicurezza, che nelle loro rappresentanze sindacali elette.
Tanti sono i discorsi di circostanza che abbiamo, infatti, sentito dopo gli incidenti mortali avvenuti nel nostro porto a Dasonor e Francesco nel 2010, Angelo e Elson nel 2011, Priscillano e Gabriele nel 2015 e Mauro l’anno successivo. Tutti questi discorsi sono rimasti sulla carta. Niente è stato fatto per provvedere a una reale messa in sicurezza degli impianti. Mentre continuano, invece, i tripli turni degli autisti, la minor specializzazione dovuta alla discesa a terra degli armatori, il lavoro a chiamata spezzato, gli straordinari e il lavoro nero.
Autorità Portuale, Capitaneria, Asl e Dtl devono togliersi le bende dagli occhi.
Devono essere garantiti maggiori finanziamenti e poteri alle Rls in tutti i luoghi di lavoro, a scapito degli enti bilaterali tra imprese e sindacati.
Devono essere installati dispositivi adeguati, che garantiscano l’incolumità del lavoratore e impediscano il cosiddetto errore umano, che troppe volte abbiamo sentito utilizzare per scaricare la responsabilità sul lavoratore.
Se un errore umano può mettere a rischio la vita del lavoratore vuol dire che “il sistema sicurezza” di quell’azienda non ha funzionato, o si è dimostrato colpevolmente carente o, peggio, non è stato fatto rispettare.
Non è, perciò, più accettabile che si continui a tagliare fondi e finanziamenti per la formazione e la sicurezza e per gli organi preposti al controllo.
Invitiamo, quindi, l’Autorità Portuale e le istituzioni a prendere seriamente in considerazione l’idea di questo tavolo di ricognizione al più presto.

Potere al Popolo – Livorno

 

Guarda qui il video della conferenza stampa davanti alla sede dell’Autorità Portuale di Livorno

Previous Casaleggio, chi ti imbocca?
Next Incidente al Deposito Costiero Neri: i comunicati

You might also like

Città

Il mistero dei bacini

Ad un anno dalla morte dell’elettricista nel bacino di carenaggio, il bando è sempre avvolto nell’oscurità. Dal 2009 Azimut è un semplice guardiano dei bacini e ciò lo salverà da

Città

Premiati per forza. La lotta dei docenti del liceo Enriques di Livorno contro il bonus per merito

Grande scalpore ha destato la mobilitazione sostenuta da molte scuole nello scorso anno scolastico contro il bonus per merito, una delle novità più contestate della “buona scuola” renziana. In molti

Città

“Storia dell’inutile banchina elettrificata. Soldi pubblici in fumo”

Dall’ormai lontano 2013, documenti alla mano, continuiamo a scrivere dell’inutilità – prima del progetto, poi della realizzazione – dell’impianto “modernissimo” che l’Autorità portuale di Livorno ha realizzato sulla banchina Sgarallino