Prato è Spettacolo: un festival coi grandi nomi della musica

  1. Ha aperto Caparezza, lo hanno seguito The Darkness. Due concerti di qualità hanno segnato le prime due serate della IV edizione del festival “Settembre Prato è Spettacolo”. Ma per capire come mai questa edizione sia agli occhi di tanti appassionati di musica l’evento principale dell’estate bisogna scorrere il programma e puntare l’indice sugli eventi del fine settimana. Sabato 1 settembre sul palco di piazza del Duomo, la città toscana ospita un live di cinque ore in cui si alterneranno tre pietre miliari della musica internazionale. Si parte con i Blonde Redhead, si prosegue coi dEUS e si termina con gli Einsturzende Neubauten. E’ l’evento speciale della IV edizione del festival e per gli Einsturzende Neubauten e i Blonde Redhead si tratta inoltre dell’unica data italiana. Domenica 2 settembre è di scena il rock nostrano con gli Zen Circus, nella penultima tappa del tour estivo de “Il fuoco in una stanza” (che si concluderà a Milano il 6 settembre) e A Toys Orchestra che tornano a pubblicare un album, “Lub Dub”, dopo quattro anni di attesa. Lunedì 3 settembre “De Andrè canta De Andrè”, con il figlio del più grande cantautore italiano che riproporrà le migliori canzone del padre. Conclude il festival, martedì 4 settembre,  una festa musicale dedicata a Leonard Bernstein, a cento anni dalla nascita del compositore, con pezzi eseguiti dalla Camerata strumentale città di Prato. Tra gli eventi “disseminati” del festival si segnala il personale tributo di Roberto Angelini e Rodrigo D’Erasmo a Nick Drake, nato dal disco pubblicato da entrambi nel 2005, “PongMoon. Sognando Nick Drake”. L’appuntamento in questo caso è per domenica 2 settembre alle ore 18 presso la Sala Garibaldi.

Redazione

 

Previous Alberto Acosta, Ecuador: “La sinistra deve fare una profonda autocritica”
Next Quale futuro per l’Ospedale per Livorno: due interventi dell'OTU

You might also like

Visioni Suoni Letture

Cinema in Corea – Rassegna febbraio 2017: “Ai confini dello sport”

Perché ai confini? Perché lo sport può servire a raccontare qualcosa d’altro, oltre che sé stesso e la competizione. Non film sullo sport in quanto tale ma film che abbiano

Visioni Suoni Letture

È uscito Senza Soste n. 126

Pagina 1           – Festa selvaggia. Le consuete polemiche sulle aperture festive di centri commerciali ed ipermercati portano con sé la fotografia di un settore dove impera la competizione selvaggia

Visioni

A Firenze, Film Middle East Now, il grande schermo sul Medio Oriente

Bachar Mar-Khalife è un figlio d’arte, sradicato dal Libano da bambino e oggi affermato musicista sperimentale sospeso tra la tradizione araba, il jazz e l’elettronica contemporanea. A lui il merito