Primo semestre 2017: 473 le vittime sul lavoro

Non si arresta il fenomeno delle morti bianche in italia. Roma, Torino, Pescara e Milano le province più colpite dal dramma.

Secondo l’ultima elaborazione dei dati INAIL effettuata dagli esperti dell’Osservatorio Sicurezza di Vega Engineering, è tragico il bilancio degli infortuni sul lavoro in Italia nel primo semestre 2017.
Sono 473 le vittime registrate di cui 337 in occasione di lavoro e 136 in itinere.

Nella graduatoria nazionale, le regioni che contano il maggior numero di vittime in occasione di lavoro sono l’Emilia Romagna e la Lombardia entrambe con 36 casi, seguite da Sicilia (31 vittime) e Veneto (29 decessi).
L’unica regione in cui non è stato rilevato alcun incidente mortale è la Valle D’Aosta.

A livello provinciale, si mantiene stabile al primo posto Roma con 14 casi registrati e un indice di incidenza sugli occupati pari a 7,9. Subito dopo si trovano Torino (12 morti), Pescara e Milano con 11 decessi.

La fascia d’età che comprende lavoratori tra i 55 e 64 anni continua a rimanere la più colpita: l’indice di incidenza sugli occupati è pari al 28,2 (31,5% del totale) con 106 casi registrati.
A seguire troviamo la fascia dei 45 – 54 anni con 104 casi (indice di incidenza di 15,0, pari al 30,9% del totale).

Analizzando la graduatoria in base all’indice di incidenza sugli occupati, il Sud e le Isole risultano essere le aree maggiormente colpite dal triste fenomeno delle morti bianche con un valore pari al 23,2 e 17,7.
Segue il Nord Est con un indice del 16,2.

Gli uomini coinvolti sono stati 314 pari al 93,2% dei casi, mentre il restante 6,8% è rappresentato dalle donne con 23 casi registrati.
Gli stranieri ad aver perso la vita sul lavoro sono stati 49 (14,5% del totale), in particolare, nella zona Nord-Ovest della Penisola.

Il settore economico non è determinabile per il maggior numero degli infortuni mortali accaduti sul lavoro (125 casi, pari al 37,1% sul totale).
I settori determinati più colpiti sono le Costruzioni e le Attività Manifatturiere (50 e 45 casi) seguiti da Trasporto e Magazzinaggio (33 incidenti mortali).

Previous Asia: "Gli sgomberi non sono la soluzione. Apriamo un tavolo cittadino allargato sull'emergenza abitativa"
Next 10 agosto 2007 - 10 anni fa la tragedia dei 4 bambini Rom: l’incendio di Pian di Rota e la politica dei roghi

You might also like

Interni

Confermato il maxi-taglio alle politiche sociali e al fondo per la non autosufficienza

tratto da https://ilmanifesto.it Austerità. Il Fondo Politiche sociali perderà oltre 200 milioni, 50 in meno alla non auto-sufficienza. Saranno colpiti asili nido, centri anti-violenza, assistenza domiciliare, sostegno ai disabili e agli

Interni

Il governo sceglie la strada del populismo penale

introduzione di Redazione Contropiano Ci sono poche aggiunte da fare a questo commento, e sono tutte relative alla “filosofia” espressa occasionalmente da Minniti, ma egemone nell’establishment straccione che ci ritroviamo.

Interni

Gestione rifiuti e ATO Sud, Fattori e Sarti: ”Bocciata su tutta la linea la politica della Giunta regionale”

tratto da http://www.informarezzo.com “Basta perseverare sull’idea dell’ambito unico e dell’incenerimento come soluzione”. “Le vicende di ATO Sud insegnano che il pubblico deve tornare a essere protagonista”. Intervento di Tommaso Fattori