In ricordo di Antonella Bruschi

Le compagne di NonUnadiMeno Livorno esprimono profonda tristezza per la scomparsa di Antonella Bruschi, avvenuta al termine di una malattia contro la quale  ha combattuto con determinazione e lucidità. Antonella è stata una compagna preziosa, che tanto ha dato alla lotta politica anticapitalista  e all’impegno femminista in particolare. Sua l’iniziativa di dare vita, anche a Livorno, al collettivo NonUnadiMeno, facendo partire l’appello alla vigilia dell’otto marzo dello scorso anno, sua la volontà di proseguire l’impegno, fin quando le forze glielo hanno consentito, superando la presenza rituale, ed attivando un intervento continuo sul territorio, cosa che ci sforziamo di fare anche grazie al suo stimolo, che mai ci è mancato.

Antonella ha saputo costruire negli anni la sensibilità, l’attenzione e l’impegno sulle questioni di genere, partecipando a tanti progetti e campagne. La ricordiamo nella collaborazione ai quaderni viola,  nelle iniziative a sostegno delle donne spagnole in lotta per la libertà di aborto, nelle proteste contro gli omofobi di manif pour touts e delle sentinelle in piedi, nelle campagne di solidarietà per l’ospedale autogestito greco Hellenico, nella denuncia instancabile contro la vergogna dell’obiezione di coscienza, oltre che contro la nocività e l’attacco alla salute.

Oltre al suo impegno e alla sua grande carica umana ed affettiva, Antonella ha sempre messo a disposizione anche le proprie competenze professionali; la professione medica per lei non era solo il suo lavoro, ma qualcosa da mettere a disposizione dell’opposizione sociale, della controinformazione, della volontà di liberazione e di autodeterminazione; uno strumento per sostenere la lotta di classe e uno strumento irrinunciabile soprattutto per la lotta femminista, nella piena consapevolezza  che le questioni di genere si giocano fortemente sul terreno della sanità , perché l’assoggettamento dei corpi è uno strumento formidabile per chi vuole esercitare il dominio e il ricatto sulle nostre vite.

Antonella ci mancherà sicuramente e ferocemente, ma sarà accanto a noi, nel nostro agire, al nostro fianco,  perché Non Una di Meno.

NonUnadiMeno- Livorno

5 gennaio 2017

***

La Federazione livornese di Rifondazione Comunista si unisce al lutto per la scomparsa della compagna Antonella Bruschi, e si stringe nel cordoglio a Fabio e Chiara, a Sinistra Anticapitalista e a tutte e tutti coloro che hanno potuto conoscere le qualità umane di Antonella, la sua passione e l’impegno politico, e che ora soffrono la sua scomparsa. Ci siamo trovati fianco a fianco in tante battaglie, non ti dimenticheremo. La terra ti sia lieve compagna!

Rifondazione Comunista Livorno

Previous Il ritorno coloniale dell’Italia in Africa. La vergogna di un italiano nel Niger
Next Il diniego della Regione su Scapigliato mette a nudo il fallimento delle politiche comunali

You might also like

Città

Picnic davanti all’inceneritore: la protesta del Coordinamento Rifiuti Zero

Questa mattina un gruppo di attivisti e rappresentanti di associazioni ambientaliste e di quartiere aderenti al Coordinamento Rifiuti-zero si è ritrovato di fronte all’inceneritore di Livorno, improvvisando un picnic sull’unico

Città

“Pizzo” nelle case occupate? Facciamo chiarezza

Nel pomeriggio di ieri una cinquantina di appartenenti al comitato diritto alla casa ( comitato composto da occupanti di strutture pubbliche e private) sostenuto dal sindacato inquilini Asia-Usb si sono

Livorno

I veleni nell’aria del porto di Livorno

tratto da http://www.bioecogeo.com/ Dati allarmanti, quelli che emergono dalle ultime rilevazioni sulla qualità dell’aria al porto di Livorno. L’inquinamento atmosferico legato al traffico navale (particelle ultrafini, particolato carbonioso e biossido di