Rifiuti Zero: “Esposto contro Aamps e Comune, inadempienti da 8 anni su raccolta differenziata”

Il Coordinamento Rifiuti Zero di Livorno annuncia una clamorosa mossa alla vigilia del voto sul concordato

tribunale-solditratto da http://rifiutizerolivorno.blogspot.it

Mancano pochi giorni alla votazione del piano di concordato Aamps da parte dell’assemblea dei creditori, ma il suo contenuto è ancora sconosciuto sia per i consiglieri comunali, che dovrebbero per legge approvare le strategie aziendali, sia per i cittadini, sui quali grava l’onere del ripianamento dei debiti attraverso la tariffa.

I vertici aziendali a luglio promisero la sollecita consegna delle 300 pagine di allegati alle “linee-guida”, invece il 21 dicembre verrà (forse) approvato un piano che la città non conosce.

Permangono gravi preoccupazioni per la previsione di un raddoppio dei conferimenti di rifiuti all’inceneritore da altre città, nonostante l’impianto del Picchianti sia stato dichiarato da Aamps un fattore di crisi finanziaria dopo l’abolizione delle sovvenzioni CIP6.

Recentemente, una sentenza della Corte dei Conti della Liguria ha confermato la responsabilità per danno erariale di alcuni pubblici amministratori, per non aver rispettato le percentuali minime di raccolta differenziata previste dalla legge, percentuali che guarda caso sono state raggiunte in poche settimane dopo le sanzioni pecuniarie piovute sulle teste di sindaci, assessori e dirigenti.

In base a questa sentenza il nostro Coordinamento provvederà nei prossimi giorni a segnalare alla Corte dei Conti della Toscana il comportamento del Comune di Livorno e di Aamps, totalmente inadempienti dal 2008 ad oggi in merito alle percentuali minime di raccolta differenziata, perché vengano riconosciute le responsabilità personali del disastro aziendale.

Un piano di concordato che nella sua concreta applicazione non tenesse conto della normativa sulla gestione dei rifiuti e delle conseguenze giudiziarie di tali violazioni trascinerebbe anche gli attuali amministratori di fronte al vaglio della magistratura contabile, anziché solamente i loro predecessori.

Confidiamo quindi che si provveda immediatamente a cambiare sistema di gestione, passando dall’incenerimento al riciclo, non solo per tutelare l’ambiente e la salute pubblica, ma anche per risanare davvero Aamps e ridurre di conseguenza le tariffe.

15 dicembre 2016

Previous "Un ospedale per il Rojava". L'appello per una raccolta fondi
Next Roma. Arrestato Marra, “l’uomo nero” nella giunta Raggi

You might also like

Città

Porto: il punto della situazione di Buongiorno Livorno

Il Porto di Livorno è da tempo inserito nella rete dei trasporti europei (rete Ten-T), struttura che stabilisce i corridoi principali dei trasporti nel mercato unico. Il nostro scalo è

Città

Nuova ondata di denunce contro i movimenti per il diritto alla casa

In questi giorni la procura di Livorno, attraverso il comando della polizia municipale, sta recapitando decine di avvisi di garanzia ad altrettanti appartenenti ai comitati per il diritto all’abitare e

Città

Notificata ordinanza di sgombero alla Torre della Cigna. Asia-Usb: “Prepariamoci alla resistenza”

Questa mattina, 30 settembre, un ufficiale giudiziario del tribunale ha notificato l’ordinanza di sgombero, firmata dal Giudice Fabrizio Nicoletti, relativa alla Torre della Cigna a Livorno. Ordinanza datata 2 maggio