I risarcimenti per l’alluvione non sono nella legge di stabilità. Forse nel 2019.

Dopo la notizia lanciata dal governatore Rossi sulla mancanza della previsione dei risarcimenti per la tragica alluvione dello scorso 10 settembre, abbiamo cercato di mettere in fila tutti i comunicati ufficiali e le prese di posizione di enti, organizzazioni politiche e esponenti politici locali e nazionali. C'è molta confusione e la campagna elettorale non aiuta a fare chiarezza

Ieri mattina il commissario straordinario per il post alluvione Enrico Rossi ha fatto una conferenza stampa sulla situazione dei cantieri e dei risarcimenti. Il governatore della Toscana ci è andato giù duro contro il governo oltre a dichiarare di aver scritto a esponenti territoriali del Pd (che ricordiamo, fino a pochi mesi fa erano suoi compagni di partito) per chiedere spiegazioni sul perché i risarcimenti statali non siano finiti nella legge di stabilità. Quindi al momento non esistono in bilancio dello Stato i soldi per i risarcimenti a famiglie ed imprese ma solo quelli stanziati dalla Regione. Una cosa grave che nel comunicato, seppur molto edulcorato della Regione, emerge chiaramente.

http://www.regioni.it/dalleregioni/2018/02/08/alluvione-livorno-86-i-lavori-conclusi-54-i-cantieri-aperti-549902/

I rimborsi quindi, se va bene, potrebbero essere spostati al 2019. Certo è che si parla di milioni di euro, almeno 40, che per ora non esistono.

Viene spontanea quindi una domanda: cosa hanno fatto i rappresentanti del territorio in Parlamento per questa cosa? Perché non hanno lanciato campanelli di allarme quando la questione non emergeva nei palazzi romani?

Dopo questa brutta notizia ne è arrivata anche una migliore. Da Roma la Protezione civile nazionale ha approvato il piano il dei lavori da 30 milioni di euro per la messa in sicurezza del territorio.

http://www.toscana-notizie.it/-/alluvione-livorno-roma-approva-il-piano-dei-lavori-da-30-milioni-di-euro

Intanto registriamo la presa di posizione di Potere Al Popolo Livorno
https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=593096144365782&id=557966824545381

Il post di Filippo Nogarin Sindaco di Livorno
https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=1658312477558739&id=688482937875036

La risposta dei candidati Pd e parlamentari uscenti Silvia Velo​ e Andrea Romano​
https://www.facebook.com/romano99/posts/1538519752883966

Da parte nostra non possiamo che verificare che in passato lo stanziamento dei risarcimenti è passato dalla Legge di Stabilità come nel caso dell’alluvione di Parma e dei vari terremoti
http://parma.repubblica.it/cronaca/2016/07/28/news/alluvione_risarcimenti_dallo_stato_ecco_come_funzionano-144991049/

Di più non sappiamo, ma ci pare strano che possano essere previsti risarcimenti fuori dalla Legge di Stabilità. Naturalmente se è cambiata la procedura cambia tutto. Ma al momento non ci risulta. Fino ad oggi tutte le verifiche che abbiamo fatto sui disastri naturali passavano dalla Legge di Stabilità dopo delibera del Consiglio dei Ministri. Ma potremmo anche sbagliarci, per questo chiediamo maggiori dettagli da parte di chi afferma il contrario.

Post in aggiornamento con le varie prese di posizioni delle organizzazioni politiche, delle associazioni e dei comitati

Per informazione, il report dell’incontro dello scorso 29 gennaio fra comitati e amministrazione comunale
http://www.senzasoste.it/report-dellincontro-lamministrazione-comunale-coordinamento-dei-comitati-post-alluvione-livorno/

redazione, 9 febbraio 2018

Previous Nei dintorni, tra giovani e Sanremo
Next Portuali livornesi vicini ai titoli di coda?

You might also like

Livorno

Meloni, la visita a Livorno dura pochi minuti. Cacciata da Piazza Garibaldi

Oggi era prevista a Livorno un’iniziativa elettorale di Giorgia Meloni. È durata pochi minuti perché ad attenderla c’erano oltre 200 fra antifascisti e persone che sono stanche di strumentalizzazioni, odio

Città

SA: “A proposito di referendum sulla sanità pubblica toscana alcune considerazioni sulla situazione livornese”

Come è noto a partire dai primo mesi del 2016, dopo che  l’attuale giunta e maggioranza regionali, attraverso una serie di garbugli, temporeggiamenti e artifizi, è riuscita ad evitare il

Dintorni

Schiavismo in una importante fabbrica dell’indotto Piaggio

tratto da http://manifestino.blogspot.it/ Nella fabbrica SOLE s.p.a., a due passi dalla Piaggio, i lavoratori della ditta di pulizie ISCOT s.r.l. sono costretti a vivere da mesi una situazione schiavistica, inaccettabile