Rsu Fiom: “In Piaggio un referendum ricattatorio”

la-vostra-voceIn Piaggio le organizzazioni provinciali continuano a portare avanti un metodo e una pratica sindacale perdenteCome RSU Fiom, non abbiamo condiviso lo svolgimento di un referendum che ha messo i lavoratori di fronte a un SI’ o un NO alle richieste dell’azienda, rinunciando ad una trattativa sulle priorità che a luglio i lavoratori in assemblea avevano votato e indicato al sindacato come irrinunciabili e che mettevano al centro le cause dei fermi produttivi e delle sue ricadute negative su salario e occupazione.

Ma i segretari provinciali di FIM, FIOM e UILM, portando con sé la maggioranza dei delegati, hanno deciso di seguire il percorso suggerito dall’azienda. Hanno imposto che si parlasse solamente di ammortizzatori sociali e presentato ai lavoratori l’accettazione o meno della proposta aziendale in forma di vero ricatto (anche se sapevano di dire il falso): o si vota SI’ oppure ci
saranno licenziamenti. In Piaggio come in tutte le aziende dell’indotto, di fronte alle pretese aziendali il comportamento delle organizzazioni sindacali è sempre lo stesso: quello di aiutare le aziende a far man bassa dei soldi dell’INPS senza mai metterne in discussione le strategie, con il risultato di arrivare a situazioni non più recuperabili e sfinire l’istinto e la capacità di ribellione degli operai.

Da questo punto di vista la Ristori ne è un esempio significativo. La firma appena messa sul contratto di Solidarietà fornisce alla Piaggio strumenti di totale flessibilità ed arbitrio nella gestione del’orario di lavoro e di ricatto e discriminazione nei confronti dei lavoratori, e produrrà una drastica riduzione occupazionale con l’ulteriore procedura di mobilità: infatti un accordo che compensasse realmente le uscite avrebbe dovuto prevedere una percentuale di assunzione a full time del 240% ( considerando che i ptv già lavorano 7 mesi l’anno) del numero delle uscite e non 30% come è stato siglato. In pochi anni e in pochi accordi di questo tipo siamo passati da più di 3000 dipendenti agli attuali 2650 a 2500 dopo l’applicazione di questo accordo, altro che difesa della Valdera e incontri con le istituzioni. Di questo passo a stare sereni saranno la Piaggio e i suoi azionisti, ma molto meno i lavoratori della Piaggio, della Ristori e delle altre aziende legate alla Piaggio.

RSU FIOM PIAGGIO

13 novembre 2016

Previous Acqua: la garanzia di arricchirsi a spese dei cittadini. Vademecum per aspiranti soci privati di aziende idriche toscane
Next Usb: osservazioni sui prossimi appalti pubblici

You might also like

La vostra voce

Cinema in Corea novembre 2016: “L’«altro» spazio della nave”

CINEMA IN COREA NOVEMBRE 2016 L’«altro» spazio della nave Rassegna cinematografica su navi emigranti, mostruose, da crociera e d’avventura La rassegna nasce dal libro di Paolo Lago, dottore di ricerca

La vostra voce

BL: “Lettera a pagamento ennesima scelta scriteriata”

Lo spostamento e la sosta delle auto presenta a Livorno molte criticità, come in tante altre città italiane. L’automobile e l’uso che ne facciamo condiziona la nostra vita, che lo

La vostra voce

Sinistra italiana: “Accordo di programma, tanto rumore per poco”

Si è chiusa finalmente la fase documentale dell’Accordo di Programma per il rilancio della città di Livorno, chiuso fra Governo (in particolare il Mise ed il Mit), Regione Toscana, Autorità