Sabato 18 febbraio: “Amedspor”, una storia di calcio nel Kurdistan che resiste

Sabato 18 febbraio alla Ex Caserma occupata (via Adriana, Livorno), in prima visione in Italia il documentario "Amedspor" di Ersin Kana con la presenza del regista

locandina ss amedsporUn’iniziativa a cura della redazione di Senza Soste con la collaborazione del Coordinamento Toscano per il Kurdistan

Ore 18:30 proiezione del documentario

Ore 21:00 Cena sociale curda (Cous cous, pizza curda e falafel)

Yeşil Kirmizi (Amedspor) regia di Ersin Kana (Kurdistan del Nord-Turchia 2016 – 130 min.)

Questa storia racconta della città di Amed (Dyiarbakir). Una storia cher parla di calcio dentro un conflitto armato. Nella stagione 2015-2016, per la prima volta, la squadra Amedspor di Diyranakir si è qualificata ai quarti di finale della coppa turca. Hanno sfidato squadre di prima classe senza sconfitte, fino all’incontro finale con il Fenerbahce, da cui è stata eliminata. Ma anche il calcio è terreno di conflitto: la squadra è stata colpita da atacchi razzisti, i suoi sostenutori sono stati allontanati o sgomberati con la forza- Una storia di calcio che intreccia le vicende di una popolazione che resiste.

Ersin Kana – BIO

è uno sceneggiatore e regista curdo, ha indagato diversi aspetti del rapporto tra i cittadini e lo stato Turco, raccontando , con il film Cennetin Dususu , le rivolte di piazza Taksim del 2013 contro la distruzione di Gezi Park.

Previous La magnitudo delle banche
Next BL: "Accordo di programma, brutte sorprese"

You might also like

Suoni

Nick Cave esce dalla caverna. I semi cattivi non muoiono mai

Non so se questa è una recensione, almeno per quattro ragioni. Non ne ho mai scritte e non so come si fa, una recensione dovrebbe essere tempestiva e questa arriva

Letture

Genealogia della governance

“La Genealogia della Governance” è un libro sull’ordoliberalismo, questione attuale mai affrontata di fronte al grande pubblico. Mentre i media nel ventennio hanno celebrato con entusiasmo la fine delle ideologie

Visioni Suoni Letture

Deep Cuts, la profondità del taglia e incolla

Immaginate di entrare dentro un’opera d’arte. Esatto, proprio dentro, come se la stessa diventasse un’opera 3D all’interno della quale voi potete girarvi, guardarvi intorno, il retro, il davanti, il lato,