Sabato 18 novembre Livorno scende in piazza a fianco dei comitati nati dopo l’alluvione del 10 settembre

SABATO 18 NOVEMBRE CORTEO CITTADINO concentramento ore 17 da piazza del Municipio a Livorno

#ALLUVIONELIVORNO# BASTA MORIRE DI DISASTRI “AMBIENTALI”!

Terremoti, incendi, alluvioni sono eventi naturali. Ma non è naturale contare le vittime di queste tragedie ed i costi sociali che producono per l’assenza di una politica di prevenzione e messa in sicurezza del territorio nazionale. Ai nostri governi ed ai loro amici questa grande opera non interessa, a loro interessano le grandi opere e le speculazioni che devastano i nostri territori. Interessa che i profitti vengano fatti dai soliti noti, senza mai un reale protagonismo delle comunità locali che subiscono questi processi.
Mettere in sicurezza il territorio nazionale vuol dire avere in mente un altro modello di paese, e soprattutto costruire una politica seria contro la disoccupazione.

Questo vale anche per la città di Livorno dove ,dopo la tragica alluvione del 10 settembre scorso, che ha messo in ginocchio interi quartieri, con un bilancio di nove morti e decine di famiglie rimaste senza casa, come B.S.A. abbiamo da subito supportato la nascita di comitati auto-organizzati di residenti delle zone colpite, interessati ad occuparsi attivamente del loro futuro, senza lasciare nessuna delega in bianco alle istituzioni.

A distanza di due mesi da quella maledetta notte, molti riflettori si sono spenti, l’assistenzialismo delle prime settimane sembra essere svanito nel nulla e non sono ancora arrivati aiuti o risposte concrete da parte di nessuno degli enti competenti.
Per questo, i comitati post alluvione, ormai coordinati in una assemblea generale, chiedono a gran voce a tutti i cittadini di Livorno di mobilitarsi e scendere in piazza al loro fianco nella giornata di sabato 18 novembre, quando un corteo attraverserà le strade della città, partendo dalla piazza del Comune per arrivare in via Nardini, all’ufficio del commissario per l’emergenza Enrico Rossi, sede regionale anche del genio civile e del consorzio di bonifica Toscana Costa.

  • Per dimostrare che la grande solidarietà dimostrata dai livornesi nelle prime settimane non è finita ma è ancora attiva e che Livorno non si è lasciata piegare, è pronta a rialzarsi e a pretendere:
    chiarezza su cosa non ha funzionato quella maledetta notte e su cosa poteva essere evitato,
  • trasparenza, garanzie e partecipazione diretta dei cittadini nella destinazione dei fondi pubblici e nella gestione degli interventi di riduzione del rischio,
  • per la totale messa in sicurezza del territorio, lo stop immediato a nuove cementificazioni e concessioni edilizie,
  • il 100% dei risarcimenti danni e dei contributi sociali e tempi certi e rapidi sulla loro erogazione,
  • la riorganizzazione del sistema di segnalazione delle allerte meteo e di intervento della protezione civile locale.

Perché non accada mai più!

SABATO 18 NOVEMBRE CORTEO CITTADINO
concentramento ore 17 da piazza del Municipio a Livorno

Evento

https://www.facebook.com/BrigateSolidarietaAttiva/posts/2113946918630951

#dalpopoloperilpopolo #nonpiegareunistantegiammai

Coordinamento Comitati Auto-organizzati Post Alluvione

BRIGATE SOLIDARIETA’ ATTIVA
BSA Alluvione Livorno

Previous A 100 anni dall'ottobre rosso: Lenin, l'insurrezione e la finanza globale
Next 10 novembre 1995 - Non ti ricordi di Ken Saro Wiwa?

You might also like

Città

BL: “Livorno e CoopLand, un matrimonio in crisi?”

Da tempo sappiamo che i conti dell’Unicoop Tirreno non tornano e il piano di razionalizzazione dei nuovi vertici aziendali prevedono tagli rilevanti del personale nei punti vendita diffusi in Italia.

Città

500 euro a licenziato? Una misura tampone prima della catastrofe

“500 euro al mese per un anno ai disoccupati”. Con questa locandina La Nazione ha cercato di attirare l’attenzione dei migliaia di disoccupati livornesi la cui stragrande maggioranza non vedrà

Città

Inquinamento e malformazioni congenite: anche Livorno e provincia nella classifica nazionale

Inquinamento e salute/malattie. In questi giorni sono usciti articoli interessanti a riguardo con dati e studi che fanno emergere, probabilmente ce n’è ancora bisogno, il legame indissolubile fra la qualità