I sentieri interrotti di Matteo Renzi

Renzi non può permettersi che si voti nel 2018, dopo una finanziaria lacrime e sangue come chiede l'UE. Per la sua narrazione fatta di favole e sogni è un rischio troppo grande e allora vuole votare subito dopo aver riscalato il Pd

gentiloni-mattarella-renziLa capacità banalizzatrice di Matteo Renzi è qualcosa di solare. Sta agli antipodi di quella di Silvio Berlusconi. Il fondatore di Forza Italia era in grado di banalizzare qualsiasi cosa, e in questo non sarebbe certo solo, ma anche di renderla, in questo processo, originale. Renzi per quanto si sforzi di aggrapparsi a libri, citazioni colte, autori riesce solo a svalutare quello che dice. Anche il tipo di ambiguità furba, di quelle che devono cogliere subito l’affare, che porta come tratto caratteriale in Renzi finisce per svalutarsi velocemente.

C’è una frase attribuita a Heidegger su George Trakl, che riguarda la poesia, che parla di “ambiguità ambigua”. Si adatta, svalutandosi, a Renzi. Il quale mostra un’ambiguità talmente ambigua, reiterando in modo industriale le caratteristiche della doppiezza, da svalutarsi, perdendo ogni tratto di originalità persino nell’essere ambiguo. Fuor di metafora: persino su Marte si è capito che Renzi, con le sue finanziarie spot, se vuol restare nel club europeo da presidente del consiglio deve pagare, o meglio farci pagare, il conto: una quarantina di miliardi in due anni, sempre se i tassi di interesse sui buoni del tesoro non si impennano, augurandosi che l’entrata in vigore del fiscal compact (la cui versione dura porta diversi miliardi l’anno per vent’anni) venga ammorbidito di parecchio.

Renzi così non si può permettere di votare nel 2018. La manovra del suo governo fotocopia (Gentiloni) sarebbe immediatamente attribuita a lui e una campagna elettorale basata sull’Italian Dream da Rignano finirebbe troppo presto per rivelare la sua natura di truffa ai danni del consumatore. Per cui Renzi ha bisogno di forzare la mano nel partito, e nella politica istituzionale, per ritrovare un ruolo. Votare prima possibile e , dopo la festa elettorale, concordare la legge di stabilità. Per tornare, in qualche modo, nel grande club della politica e nutrire la propria corte di clienti, mediatori d’affari, imprese. Allargandosi a nuove conoscenze e orizzonti di mediazione d’affari. In questo senso le nomine pubbliche di aprile, che farà il governo, non possono essere fatte, secondo quello che pensa Renzi, con un ruolo debole dell’attuale, ancora per poco, segretario del Pd.

Renzi sa poi benissimo di essere entrato in disgrazia presso quei poteri, istituzionali, che ne perorarono la causa di presidente del consiglio tre anni fa. Infatti Renzi dopo aver promesso un’Italia ormai pienamente decisionista e liberista, riformata nella costituzione, nella legge elettorale, nell’approccio alle privatizzazioni a casa dei poteri istituzionali che contano ha portato davvero poco. La bocciatura della corte costituzionale va infatti letta non tanto, o non solo, come una stroncatura di una legge scritta male, e pensata peggio, ma anche come la spia di un rapporto in crisi tra l’ex presidente del consiglio e i rami alti delle istituzioni e dell’amministrazione dello stato.

Meglio quindi anticipare gli avversari. Scalare subito, e di nuovo, il Pd, nelle intenzioni di Renzi, rappresenterebbe l’inizio di un percorso che dovrebbe riportarlo definitivamente al centro della politica italiana. Certo sognare non costa nulla, o meglio costa al Pd un processo di disgregazione continua che può anche volgere verso il peggio, e per adesso Renzi non si cura del fatto che si sta preparando a dire le solite cose di sempre. Quelle che lo hanno portato a perdere sonoramente il referendum del 4 dicembre. Certo, Renzi è convinto di poter dire le stesse cose -che un’idea da workshop Ambrosetti della innovazione del paese è vincente e che lui è in grado di incarnarla (“scaldando i cuori” naturalmente)- in modo diverso. Ma i sui sentieri di scalata al potere, quello che conta, paiono interrotti.

Di sicuro tutte le difficoltà, poste da questi sentieri interrotti, verranno abbondantemente spettacolarizzate dal mainstream. Per noi che non abbiamo fatto nulla di male per essere bombardati da scene trash che, nelle intenzioni, vorrebbero essere coinvolgenti. Come quella dell’inizio della direzione del Pd, al suono dell’inno nazionale, con Renzi in posa da calciatore, unico a cantare come se fosse alla partita. Un potere autoritario, come quello a cui allude Renzi ogni volta che parla di democrazia, richiede sempre un certo stile. Se uno guarda la scena dell’inno di ieri capisce che il disegno autoritario di Renzi non si chiuderà mai. Renzi è materia per Crozza. Non per il futuro di questo paese.

redazione, 14 febbraio 2017

Previous 18 febbraio a Livorno: manifestazione contro il governo
Next Modigliani: il diario ritrovato, Venezia e i falsi... intervista a Maurizio Bellandi

You might also like

Editoriali

Vaccini: un dibattito tra sordi

Dopo la polemica scoppiata a Livorno in seguito all’intervento del sindaco Nogarin che si è schierato contro l’obbligatorietà della vaccinazione esavalente, vogliamo chiarire alcuni aspetti sull’argomento, perché la polemica muro

Editoriali

Le Pen, Merkel, Trump: tutta politica interna italiana

Inutile provare a concentrarsi sul dibattito politico degli attuali cartelli elettorali: tra la polizza assicurativa intestata alla Raggi, e le decise indecisioni di Renzi, di politico c’è poco. C’è il

Editoriali

Fondi post-alluvione, Darsena Europa, patti territoriali: Enrico Rossi vicerè di Livorno senza aver preso un voto

Il vicerè. Sono davvero molto lontani i tempi in cui Napoleone III, per proclamarsi imperatore, dovette comunque passare attraverso un plebiscito. A Enrico Rossi, che al momento giusto si è