Solidarietà dei Cobas ai lavoratori del Teatro Goldoni

La sera di giovedì 1 marzo  i lavoratori e le lavoratrici del Teatro Goldoni di Livorno hanno scioperato contro la presenza del candidato della Lega Lorenzo Gasperini, tristemente noto per le sue dichiarazioni omofobe e xenofobe. Di fronte a una presa di posizione così netta da parte di chi al Goldoni lavora quotidianamente e di fronte alla legittima decisione dei dipendenti di astenersi dal lavoro per protesta, è vergognoso che il comizio si sia tenuto ugualmente.
Come Cobas di Livorno esprimiamo piena solidarietà ai lavoratori del Teatro.
A poco è servito lo squallido sbeffeggiamento degli scioperanti, di cui il candidato della Lega ha fatto miserevole sfoggio all’ingresso. Il messaggio, coraggioso, dei lavoratori del Goldoni è passato ugualmente in tutta Italia.
Cobas Livorno
Previous Dopo il “The Family” di Umberto Bossi ecco il tribalismo di Salvini
Next APPELLO. "A fianco dei lavoratori e delle lavoratrici del Goldoni. Non lasciamoli soli"

You might also like

La vostra voce

Risultato referendario: comunicati e lettere

Referendum: la sovranità appartiene ancora al popolo Il No ha vinto. La riforma di Renzi è stata bocciata, malgrado vantaggi enormi e tantissime condizioni favorevoli. Malgrado il vantaggio naturale che

La vostra voce

Sindacati inquilini alla Regione: “Così è la fine delle case popolari”

La fine delle case popolari come sostegno all’emancipazione sociale per migliaia di famiglie toscane I Sindacati inquilini SUNIA-SICET-UNIAT-UNIONE INQUILINI e dei lavoratori CGIL-CISL-UIL della Toscana, manifestano forti preoccupazioni riguardo la

La vostra voce

I 4 moschettieri e il voto sincero

Da tempo esiste un tipo di informazione prona al servilismo e dotata di cortigiana adulazione verso il potere costituito. Croce affermava, nella sua storia d’Europa del secolo decimonono, che lo