Solidarietà dei Cobas ai lavoratori del Teatro Goldoni

La sera di giovedì 1 marzo  i lavoratori e le lavoratrici del Teatro Goldoni di Livorno hanno scioperato contro la presenza del candidato della Lega Lorenzo Gasperini, tristemente noto per le sue dichiarazioni omofobe e xenofobe. Di fronte a una presa di posizione così netta da parte di chi al Goldoni lavora quotidianamente e di fronte alla legittima decisione dei dipendenti di astenersi dal lavoro per protesta, è vergognoso che il comizio si sia tenuto ugualmente.
Come Cobas di Livorno esprimiamo piena solidarietà ai lavoratori del Teatro.
A poco è servito lo squallido sbeffeggiamento degli scioperanti, di cui il candidato della Lega ha fatto miserevole sfoggio all’ingresso. Il messaggio, coraggioso, dei lavoratori del Goldoni è passato ugualmente in tutta Italia.
Cobas Livorno
Previous Dopo il “The Family” di Umberto Bossi ecco il tribalismo di Salvini
Next APPELLO. "A fianco dei lavoratori e delle lavoratrici del Goldoni. Non lasciamoli soli"

You might also like

La vostra voce

“Accelerare la bonifica dei pozzi inquinati da trielina e far funzionare a pieno regime il progetto Aretusa”

Gli abitanti di Cecina e delle località vicine fino a quando dovranno sopportare lo stupro del loro bellissimo territorio da parte sia di industrie multinazionali, sia di compiacenti amministratori pubblici?

La vostra voce

Rif. Com. sui quesiti referendari promossi dalla Cgil e l’unità della sinistra a Collesalvetti e nel paese

Vorremmo ripartire da dove eravamo rimasti  l’ultima volta, alla nostra Costituzione, che a l’articolo 4 recita così: “La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove

La vostra voce

Sinistra italiana: “Accordo di programma, tanto rumore per poco”

Si è chiusa finalmente la fase documentale dell’Accordo di Programma per il rilancio della città di Livorno, chiuso fra Governo (in particolare il Mise ed il Mit), Regione Toscana, Autorità