Thursday, Jul 02nd

Last update:06:23:47 PM GMT

You are here:

SPORT

Resa dei Conti 14: Cecchini, Sidoti e Liverani nuovi campioni italiani PRO

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

liverani_campioneSpettacolo e vittorie per le scuole d'arti marziali livornesi “Akiyama” e “Rendoki PlanetWin365” ieri sera, sabato 26 novembre, nella quattordicesima edizione della Resa dei Conti. La serata, svoltasi al “Palamacchia” di Livorno, ha visto gli atleti di casa assoluti protagonisti vincendo i tre titoli italiani PRO in palio e tutti gli incontri “Prestige fight”, con l'eccezione di un pareggio.

Nella kickboxing, il primo titolo in palio va a Nina Sidoti che ha la meglio su un'avversaria molto pericolosa che non smetteva di attaccarla, riuscendo a contrarla abilmente con il braccio sinistro e andando a segno con il destro. Stesso risultato per Cristian Liverani, autore come sempre di un'autentica “battaglia” sul ring, stavolta però più ragionata. L'avversario riesce a stare nel match solo fino alla prima metà sopraffatto dalla maggior potenza del livornesi che lo colpisce duramente anche con un circolare alla testa. Soddisfatto l'allenatore Patrizio Rizzoli: “Sono riusciti a raggiungere un risultato di prestigio mettendo sul ring grinta e tecnica”.

Anche Johnny Cecchini vince il suo incontro conquistando il titolo italiano PRO, nella specialità dell'MMA. Match breve ma particolarmente intenso: l'avversario si porta subito in vantaggio, Cecchini reagisce riportandolo nella guardia e chiudendo l'incontro con un arm-lock al braccio, dopo aver fintato uno strangolamento. “Bellissimo match” – l'allenatore Massimo Rizzoli -  “Cecchini a terra è fortissimo, stavolta si è mostrato sicuro anche in piedi”.

Molto bene anche i giovani impegnati nei “Prestige Fight”. Valerio Masi vince attaccando  l'avversario al volto con pugni e potenti ginocchiate, denotando un'ottima crescita nella condizione mentale. Yari Orsini, nella shoot boxe, parte male subendo due proiezioni, riesce subito a riprendere in mano un match dove l'avversario ha subito parecchio senza cedere mai. Anche per lui un altro bel progresso di maturità. Vittoria piena anche per Daniele Sanna che ha attaccato con serie di pugni costringendo l'arbitro ha contare un avversario sopraffatto dalla potenza del livornese. Pari per Vaccaro in un match caratterizzato da scambi duri dove l'atleta di casa, reduce da un infortunio, riesce a lavorare bene al fegato l'avversario ma non tanto per vincere l'incontro.

Nei sottoclou vittorie per Gentili, Zanetti, Pietrini e Malfatti. Perdono Martini e Cacciapuoti, pari per Sarti.

Livorno, 27 novembre 2011

Carlo Fantoni

Addetto Stampa “Rendoki Dojo”

AddThis Social Bookmark Button
Ultimo aggiornamento Domenica 27 Novembre 2011 20:34

Egitto: gli ultras difendono la rivoluzione

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Pubblichiamo quest'ottimo articolo di Paola Caridi, curatrice del blog Invisible Arabs che conferma quanto abbiamo già avuto modo di conoscere dalle corrispondenze di Paolo Gerbaudo di questi giorni: il ruolo degli ultras del calcio nelle proteste di questi giorni e la loro capacità di tenere la piazza. Lo avevamo già raccontato a proposito delle rivolte del lo scorso gennaio. Mentre a casa nostra il ceto politico "di movimento" si scandalizza per la loro presenza in piazza, sulla sponda sud del Mediterraneo i ragazzi delle curve stanno in prima fila contro esercito e polizia. www.infoaut.org

GLI ULTRAS

egitto_ultrasC’è una storia nascosta (ma solo in Italia…) sulla rivoluzione egiziana, ed è quella degli ultras. Sì, proprio delle tifoserie delle squadre di calcio egiziane. Facciamo prima un passo indietro. Chi è stato al Cairo – non da turista – sa bene che c’è un appuntamento, sempre lo stesso, che si ripete da anni. Il derby locale, che in una megalopoli da 20 milioni di abitanti è ben diverso dalle nostre stracittadine. Zamalek contro Ahly, e il confronto è serio, perché le due squadre del Cairo sono le migliori in Egitto. Solo tallonate dagli ismaili, il team di Ismailiya. Zamalek, Ahly e Ismailiya hanno le loro tifoserie, e fin qui tutto sembra normale. Cioè terribilmente globalizzato.

L’anno scorso avevano fatto parlare di sé dopo una partita della nazionale egiziana, durante il periodo di fuoco della qualificazione ai campionati mondiali (usata, malamente, dai figli di Hosni Mubarak per guadagnare consensi). I tifosi diedero vita, per la prima volta, a una particolare guerriglia urbana  al centro del Cairo. Compreso il quartiere bene di Zamalek. A noi piccola comunità che  guarda l’Egitto da anni, quelle immagini fecero venire i brividi, perché c’era qualcosa di diverso. Non solo per la violenza, ma per la violenza contro la polizia, da sempre braccio armato e urbano del regime. Qualcosa bolliva in pentola, e a dircelo erano gli ultras…

Sono passati non  molti mesi, e poi c’è stata la rivoluzione del 25 gennaio. Quando le gang al soldo della polizia hanno attaccato piazza Tahrir, tra fine gennaio e inizio febbraio, a difenderla non c’erano solamente i ragazzi attivisti, poco usi a lanciare pietre. C’era chi si era già scontrato con la polizia. Non solo i fratelli musulmani, con quello che appariva una sorta di servizio d’ordine. C’erano gli ultras. E hanno salvato la piazza.

E’ per questo che i ragazzi di Tahrir, a leggere i loro sms su twitter, sono stati molto contenti quando, in questi quattro giorni, di nuovo a difendere la piazza e i manifestanti sono arrivati loro. Gli ultras. Ahlawy, zamalky e ismaili. Organizzatissimi. In centinaia alla volta hanno lanciato attacchi contro la polizia. Famosi, ormai, i loro  canti e le percussioni, che riecheggiavano – mi dicono i testimoni diretti – anche dentro la piazza. Sono stati loro, in questi giorni, a fermare la polizia su via Mohammed Mahmoud, il cuore della battaglia, e a impedire l’ingresso a piazza Tahrir.

Gli ultras, come dappertutto, pongono però anche la questione della violenza. Perché fino a che bisogna difendere la piazza gli ultras sono benvenuti. Il problema è quando la violenza continua, e diventa guerriglia urbana. Ed è la questione che si porrà oggi, a giudicare da quello che è successo stamattina, negli scontri alla biblioteca dell’American University. Cominciano le spaccature tra manifestanti pacifici e ultras? Sembra proprio di sì.

La questione è che gli ultras fanno parte a pieno titolo di quella città dimenticata, di questo Cairo palcoscenico della rivoluzione, che tra le pieghe nasconde molto. Comprese le classi subalterne che, in una megalopoli, sviluppano modelli di vita propri, paralleli, per riuscire a campare. La famosa società informale. Forse un po’ di attenzione a questa parte enorme di una città enorme come il Cairo bisognerà pur metterla, nelle analisi di questa rivoluzione.

Qualcosa c’è anche sul mio articolo per La Stampa, anche sul sito del quotidiano torinese.

La foto ritrae gli ultras ahlawy su via Mohammed Mahmoud, la strada al centro della battaglia, anche stamattina. E’ quella che costeggia l’American University e che collega Tahrir a downtown, e soprattutto al cuore di downtown, Bab el Louq.

*****

Sempre di Paola Caridi, sullo stesso argomento, segnaliamo questo articolo Per Il Fatto Quotidiano online: Egitto, continua la battaglia attorno a piazza Tahrir, “salvata” dagli ultras del calcio

AddThis Social Bookmark Button
Ultimo aggiornamento Lunedì 28 Novembre 2011 18:23

Torino-Livorno 1-0: cronaca e pagella

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

novellino3Il Livorno perde anche a Torino punito da un gol di Parisi a 10 minuti dal termine. Classifica che inizia a farsi preoccupante visto il distacco di soli 4 punti dal quintultimo posto. Schierati con un inconsueto 3-5-2 e scesi in campo con il chiaro intento di portare via un punto, gli uomini di Novellino hanno mostrato i soliti evidenti limiti in fase offensiva e solo raramente si sono visti dalle parti di Coppola. In una di queste occasioni gli amaranto hanno reclamato per un atterramento in area di Dionisi che forse meritava il rigore. Ma è stato l'unico lampo di una partita incolore, giocata quasi per onor di firma e che un altrettanto spento Torino ha fatto poco per ravvivare. Torino che però, soprattutto nella ripresa, ha provato a spingere sull'acceleratore con il Livorno sempre ancorato nella propria metà campo a difendere la porta di Bardi. La svolta della gara arriva al 32' della ripresa, Lambrughi già ammonito, si va a cercare il secondo giallo con una dura e inutile entrata a centrocampo. Nemmeno il tempo di riorganizzare le marcature che su azione d'angolo, la palla arriva a Parisi che dal limite fulmina Bardi per l'uno a zero finale. Adesso per il Livorno si fa davvero dura, sabato al Picchi arriva il Verona che oggi ha ottenuto la sesta vittoria consecutiva, e la zona playout si avvicina sempre di più. Speriamo che Novellino, apparso molto sconfortato nelle interviste nel dopopartita, riesca a raddrizzare la situazione e sappia trovare le giuste soluzioni per tirare fuori il Livorno da questa, crisi che può diventare molto pericolosa.

Rete: 81′ Parisi (T)

Torino (4-3-3): Coppola; D’Ambrosio (85′ Di Cesare), Glik, Ogbonna, Parisi; Basha, Iori, Vives; Stevanovic (46′ Verdi), Ebagua (70′ Sgrigna), Antenucci
A disposizione: Gomis, Pratali, De Feudis, Oduamadi
Allenatore Giampiero Ventura

Livorno (3-5-2): Bardi; Perticone, Miglionico, Knezevic; Schiattarella (77′ Salviato), Luci, Genevier, Filkor (83′ Bigazzi), Lambrughi; Dionisi (61′ Russotto), Paulinho
A disposizione: Mazzoni, Barone, Belingheri, Remedi
Allenatore Walter Novellino

Arbitro: Giancola di Vasto (Ch)
Collaboratori: Carretta e Argiento
Quarto ufficiale: Bindoni
Espulsi: Al 60′ i due tecnici Ventura e Novellino e al 77' Lambrughi (L)
Ammoniti: Antenucci, Basha (T); Lambrughi, Miglionico, Perticone, Luci, Russotto (L)
Recuperi: 1' e 5'

Bardi: para veramente tutto il parabile, subendo una rete da uno specialista del tiro da lontano non adeguatamente contrastato. Della sconfitta, di conseguenza, porta soltanto il peso nominale come componente della squadra, in realtà è stato uno di quelli che ha tenuto il Livorno a galla per quasi tutta la partita. Voto 6.5

Perticone: gioca una partita di cuore e grinta, poco da dire. Voto 6

Knezevic: tosto e concreto. Voto 6

Miglionico: prende un’ammonizione un po’ ingenua nei primi minuti e questo lo condiziona, ma se cava discretamente lo stesso. Voto 6


Lambrughi: può sembrare un po’ patetico attaccarsi alla sua espulsione ma di fatto due minuti dopo il Livorno prende la mazzata. Sarà stato un caso, o piuttosto la squadra non si era ancora difensivamente assestata e nessuno è uscito a chiudere Parisi che, notoriamente, non sa tirare da lontano? In realtà Lambrughi aveva giocato piuttosto bene, almeno come fase difensiva, e si sarebbe meritato un votone se non avesse preso la seconda ammonizione per un entrata goffa e inutile. Non si può non tenerne conto. Voto 5.5

Filkor: fa legna e basta, ma in campo si sente. Duro nei contrasti quanto basta, falloso quando serve. Non sarà Gerrard, ma ci può stare. Voto 6

Bigazzi (dal 38° st): entra forse un po’ tardi, quindi non combina nulla. Senza voto.

Luci: molto attivo e dinamico, forse un po’ confusionario ma riesce a fare da collante tra un centrocampo un po’ statico e un attacco anemico. Voto 6

Genevier: dispiace sottolinearlo, ma è sotto gli occhi di tutti. In questo momento ha ragione Spinelli (non succede spesso..), è meglio che riposi. Voto 5

Schiattarella: generoso come sempre ma assolutamente mediocre. Tanti, troppi errori negli appoggi, zero spinta offensiva. Voto 5

Salviato (dal 32° st): un cambio poco comprensibile. Senza voto.

Dionisi: gioca un po’ più centralmente e quindi più dentro l’azione. Un paio di tentativi a rete senza fortuna, il suo contributo è scarso come la qualità del gioco (?) del Livorno. Voto 5.5

Russotto (dal 16° st): a fine gara Novellino lo cazzierà pubblicamente per scarso impegno. In realtà non fornisce l’impressione di uno che si danni l’anima, gioca in punta di fioretto quando invece ci vorrebbe ben altro. E’ tutta colpa sua? Magari vediamo dall’inizio e poi giudichiamolo. Voto 5.5

Paulinho: sembra aver spento la fiamma, almeno per il momento, anche se di certo l’impostazione iperdifensiva data alla gara da Novellino non lo agevola. Massacrato nella tonnara granata. Voto 5

Novellino: a parte l’ennesima espulsione che quasi sicuramente porterà una giornata di stop, vista la recidiva, abbiamo la poco piacevole sensazione che il carro amaranto gli stia sfuggendo di mano. Prepara la partita in settimana in modo preciso ma rinunciando quasi a priori all’offesa. Il progetto arriva quasi in porto, anche grazie ad una giornata non irresistibile del Toro che comunque fa la partita e produce alcune buone occasioni. L’espulsione è decisiva, certamente, ma a quel punto iniziano i rimpianti per non aver mai fatto nemmeno il solletico a Coppola volendo proprio non farlo. I cambi effettuati nel corso della gara non convincono, con un Toro un po’ rimaneggiato forse qualcosa in più si poteva tentare. Dietro sono rimaste solo otto squadre, e alcune devono ancora giocare. Occorre svegliarsi. Voto 5

Ivano Pozzi

tratto da http://www.alelivorno.it

AddThis Social Bookmark Button
Ultimo aggiornamento Domenica 27 Novembre 2011 20:12

Sabato 26 novembre al Palamacchia: la Resa dei Conti 14

E-mail Stampa PDF

Tre titoli italiani PRO al centro della quattordicesima RESA DEI CONTI

locandina_rdc_14Tre titoli italiani PRO più quattro incontri “Prestige Fight”, in un mix tra kickboxing e lo spettacolo delle MMA (arti marziali miste, ndr): questo il ricco programma della Resa dei Conti che, giunta alla quattordicesima edizione, andrà in scena al “Palamacchia” di Livorno, sabato 26 novembre a partire dalle 21.00. Protagonisti della serata ancora una volta i combattenti delle scuole d'arti marziali livornesi “Akiyama” e “Rendoki Dojo” che organizzano la manifestazione assieme allo sponsor planetwin365.

Tra i più attesi c'è sicuramente Cristian Liverani. Atleta che in carriera ha fatto incetta di campionati italiani, il livornese tenta per il secondo anno la conquista del titolo professionistico: “Cristian è un vero combattente: non va mai indietro e ama la scontro” – Patrizio Rizzoli, direttore tecnico “Akiyama” – “Finora qua a Livorno ha avuto sempre incontri molto difficili, non riuscendo a raccogliere quanto comunque di buono mostrava sul ring”. Stessa scuderia per Nina Sidoti, atleta di ottime doti tecniche maturata nella gestione del match, che tenta anche lei per la seconda volta la conquista del prestigioso traguardo.

L'altro titolo italiano PRO in palio è nella specialità dell'MMA, a cercare di conquistarlo il portacolori “Rendoki” Jhonny Cecchini: “Si andranno ad affrontare due atleti forti ed esperti, ottimi nella lotta e nel portare colpi a terra – l'allenatore Massimo Rizzoli – sarà un match da vivere fino in fondo per un titolo importante che darà una prospettiva europea al vincitore”.

Prima di questi incontri ci saranno ben quattro “Prestige Fight”. Per il “Rendoki” saliranno sul ring due atleti che si sono ben distinti agli ultimi mondiali: Valerio Masi e Francesco Vaccaro. Il primo, giovane promettente, sarà impegnato in un test match probante per verificare i suoi continui miglioramenti, il secondo affronterà un avversario in forte ascesa, potente e longilineo, match che gli servirà come trampolino di lancio per il titolo italiano PRO. Oltre a loro anche Daniele Sanna e Yari Orsini: due giovani di belle speranze che danno sempre vita ad incontri spettacolari e ad alto livello di combattività.

Ricchissimo anche il sotto-clou della serata con: Alessandro Martini, Cosimo Zanetti, Michele Malfatti, Giorgio Pietrini, Gabriele Pierini, Simone Cacciapuoti e novità assoluta un incontro di MMA al femminile, con protagonista Giulia Moretti.

Livorno, 22 novembre 2011

Carlo Fantoni

Addetto Stampa “Rendoki Dojo”

AddThis Social Bookmark Button

La pagella di Livorno-Ascoli

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

torta2Bardi: il migliore, e non è la prima volta. Bravo nel primo tempo su Soncin, si ripete nella ripresa poco prima della rete decisiva respingendo d’istinto . Voto 6

Perticone: esce prematuramente per un problema gastrointestinale, fino a quel momento non aveva sfigurato. Senza voto.

Salviato (dal 27° pt): anonimo per quasi un’ora, deleterio nell’unica vera occasione in cui è stato chiamato all’impegno. Papa Waigo se lo beve come un mojito e vola a infilare la porta. Voto 4

Bernardini: ordinaria amministrazione, sul basso. Voto 5.5

Knezevic: rientra abbastanza bene, ma non è giornata di elogi. Voto 5.5


Lambrughi: corre a sufficienza ma con poco costrutto. La fase difensiva è accettabile, quella offensiva no. Voto 5.5

Filkor: fa una buona impressione questo ragazzo magiaro, tonico e propositivo. Non brilla per lanci illuminanti ma dà consistenza al reparto. Voto 6

Schiattarella (dal 26° st): ininfluente. Senza voto.

Luci: gira un po’ a vuoto, da salvare solo l’impegno. Voto 5.5

Genevier: opaco e impalpabile. Voto 5

Bigazzi: non è giornata neanche per lui. Inizia con un certo piglio ma è fumoso e impreciso. Alla distanza si spegne. Voto 5.5

Russotto (dal 10° st): all’esordio. Ha numeri, si intuisce, e lo dimostra con un paio di belle giocate. Fa imbestialire chi scrive cercando il capolavoro personale quando avrebbe potuto servire un compagno solo come pochi sull’altro fronte. Alla fine questo peccatuccio pesa, e pesa parecchio. Voto 5.5

Dionisi: gioca molto largo, forse un po’ troppo. In questo modo si emargina dalla partita. Voto 5

Paulinho: soffre di solitudine. Non trova mai la luce perché i palloni alti glieli porta via tutti Peccarisi, al quale rende diversi centimetri, e non viene quasi mai servito sulla corsa. Punta la porta un paio di volte ed è suo il primo tiro serio che impegna l’irritante Guarna. Nella ripresa un discreto colpo di testa e un tentativo in acrobazia malamente eseguito. Fine. Voto 5.5

Novellino: è sconsolato, ma stasera sembrava un po’ troppo rassegnato, almeno da un certo punto della partita in poi. Gli chiediamo un po’ più di rabbia, è necessaria per scuotere dall’apatia qualche giocatore. Voto 5

Ivano Pozzi

tratto da http://www.alelivorno.it

AddThis Social Bookmark Button

Pagina 80 di 148

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito