Strage di Viareggio. Condannati Moretti ed Elia. Ma non si dimettono e il sistema li difende

7 anni all'ex AD di FS e ora della ex Finmeccanica (Leonardo). Ma i poteri lo difendono e lui non si dimette

strage viareggio trib luccaL’ex amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, è stato giudicato colpevole nella sentenza di primo grado per la strage di Viareggio del 29 giugno 2009. Sette anni, come per Michele Mario Elia (sette anni e sei mesi), suo successore e al tempo della strage amministratore delegato di Rete Ferroviaria Italiana.

Attualmente Moretti – che al tempo definì la strage uno “spiacevole episodio” – ricopre lo stesso incarico in Leonardo (nuovo nome di Finmeccanica, holding controllata dallo Stato che si occupa tra laltro di produzioni militari).
7 anni e 6 mesi anche per  Vincenzo Soprano, ex ad di Trenitalia e di Fs Logistica. Tutti erano accusati di disastro ferroviario, incendio colposo, omicidio colposo plurimo, lesioni personali. Quel treno carico di gpl che esplose (soltanto un vagone) non era sicuro e non poteva viaggiare.

L’accusa aveva chiesto per Moretti 16 anni e per Elia 15. In pratica, sono stati condannati i vertici delle Ferrovie dello Stato (scorporate in quattro divisioni) e i manager delle Gatx, la società tedesca proprietaria del carro deragliato azienda responsabile della manutenzione dei carri cisterna.

I familiari delle vittime hanno ascoltato le parole del giudice in assoluto silenzio, liberando la tensione con un brevissimo cenno di applauso alla conclusione della lettura. Per domani è stata convocata una conferenza stampa da parte dei familiari, riuniti nell’associazione “Il mondo che vorrei”. L’annuncio è stato dato da Daniela Rombi e Marco Piagentini, coordinatori dell’associazione. Stasera si ritroveranno insieme ai loro legali alla “Casina dei ricordi”.

Schermata del 2017-01-31 15:48:18

Il rappresentatnte dell’accusa, il procuratore capo di Lucca, Piero Suchan, ha annuniato comunque appello contro la sentenza, che non ha accolto per intero le richieste.Le procure non si accontentano mai, avevamo chiesto 33 affermazioni di reposnabilità penale, il Tribunale di Lucca, al quale va il riconoscimento di aver espresso una sentenza forte, ha condannato 23 imputati e assolto i restanti. Siamo però contenti perché abbiamo avuto una pronuncia da parte di un giudice collegiale che afferma la responsabilità penale, quindi che non è stato un incidente o un episodio accidentale”.

Sull’effettività della condanna pesa comunque il fattore tempo. Ci sono voluti otto anni per arrivare alla sentenza di primo grado. Dunque esiste – ed è forte – il rischio della prescrizione. E sarebbe una violenza inaccettabile, per la seconda volra, nei confronti di tutte le vittime e dei loto familiari.

Vedi anche: http://contropiano.org/news/politica-news/2017/01/31/strage-viareggio-oggi-la-sentenza-intervista-v-antonini-088395

http://contropiano.org/news/politica-news/2017/02/01/strage-viareggio-lestablishment-si-difende-suo-moretti-088462

La folla in attesa che i giudici escano dalla Camera di consiglio:

Foto di Patrizia Cortellessa, inviata a Viareggio per Contropiano e Radio Città Aperta.

16298557_1598114496942775_2044936840452296876_n 16299328_1598114666942758_9074152141220373636_n 16406834_1598114833609408_7707843288569410636_n

16441598_1598160086938216_58358041_n 16466986_1598160980271460_1735612760_n 16467338_1598161673604724_737873371_n 16425693_1598161813604710_1309357867_n

16443140_1598165066937718_455708468_o

Previous Unicredit e così sia
Next BL: "Torre della Cigna, un bene da utilizzare"

You might also like

Città

La mensa dei richiedenti asilo non si fa più: proteste, reazioni e strumentalizzazioni

Nei giorni scorsi a Livorno è uscita su Il Tirreno la notizia che in via Michon, quartiere Borgo Cappuccini, stava nascendo un progetto per aprire una mensa che servisse circa

Città

BL: “Il Piano della Costa, ma la Costa dov’è?”

BuongiornoLivorno con il Consigliere Regionale di Sì – Toscana a Sinistra, Tommaso Fattori si sono incontrati per tirare le somme del lavoro di studio e verifica del Piano Regionale di

Città

Usb: “Trattativa Unicoop Tirreno in stallo. Quale gioco stanno facendo?”

Siamo arrivati al sesto incontro della trattativa per la crisi di Unicoop Tirreno e ormai possiamo parlare di situazione di stallo, dato che anche oggi non c’è stato alcun avanzamento