UI: “Situazioni di disagio economico anche nelle case popolari. Intervenga Casalp”

Per un intero anno l’Unione Inquilini, con i quattro volontari del servizio civile che hanno partecipato  al progetto approvato dalla regione, sulle nuove povertà dentro le case popolari, ha girato i quartieri popolari nord, per riempire i questionari dell’inchiesta che mirava ad appurare la stato reddituale degli assegnatari a seguito della crisi.

È risultato in tutta evidenza che mentre gli assegnatari storici, famiglie operaie di fabbriche non ancora smantellate, mantengono un reddito decente, tutte o quasi le famiglie assegnatarie entrate negli ultimi anni (meno di 10 anni) sono in gravissima indigenza economica, trattandosi di precariato a lavoro intermittente e non garantito, e dunque in grado di pagare un affitto minimo commisurato al reddito, ma non di pagare le utenze e le spese condominiali.

Di qui si evinceva che il fenomeno del taglio della luce e del gas e l’uso di stufate e candele, sarebbe aumentato in modo esponenziale, mettendo a rischio la vita della famiglia assegnataria e la sicurezza dei vicini di casa.

Questo abbiamo spiegato con una assemblea in comune, alla presenza di CASALP e sindaco Nogarin, chiedendo un intervento tempestivo.

Già esiste in CASALP un fondo di solidarietà per aiutare i meno abbienti a pagare le spese condominiali, fondo che non è mai stato attivato,e che opportunamente aggiornato è finanziato  con delibera di giunta e approvazione del LODE, permetterebbe di evitare disastri annunciati come quello di oggi, dove tre minorenni hanno rischiato la vita, e l’incendio ha messo a rischio anche l’incolumità di altri abitanti.

Questo permetterebbe a CASALP di intervenire sulle morosità incolpevoli, garantendo il minimo di servizio per una illuminazione notturna di emergenza, così come va garantita una quantità minima necessaria di acqua potabile.

Altrimenti nel sonno della ragione e nella irresponsabilità di istituzioni e partiti, altre disgrazie annunciate potranno avvenire in qualsiasi momento.

Unione Inquilini – Livorno
Paolo Gangemi Daria Faggi

17 luglio 2017

Previous Livorno: l'ira di Alemanno per lo striscione antifascista
Next Il buco nero del grunge: la scomparsa di Chris Cornell

You might also like

Città

Sanità toscana: né liberi né uguali

L’incredibile “infortunio” della Regione Toscana che annuncia la nomina di una dirigente prima ancora che sia chiuso il bando per la selezione (e senza che la prescelta abbia presentato domanda)

Città

Uovo alla Pop: crowdfunding per organizzare un festival di street-art a Livorno

Il collettivo di artiste di Uovo alla Pop lancia un crowdfunding per organizzare un festival di street-art a Livorno Una raccolta fondi online partita su Eppela, il sogno di “rifare

Interventi

BL: “Livorno film commission – Il cinema come leva economica del territorio”

Cinema ed economia, un binomio troppo spesso sottovalutato da chi deve fare scelte politiche. Nel migliore dei casi, infatti, i due termini sono associati solo all’ambito produttivo dell’industria cinematografica, dimenticando,