UI: “Situazioni di disagio economico anche nelle case popolari. Intervenga Casalp”

Per un intero anno l’Unione Inquilini, con i quattro volontari del servizio civile che hanno partecipato  al progetto approvato dalla regione, sulle nuove povertà dentro le case popolari, ha girato i quartieri popolari nord, per riempire i questionari dell’inchiesta che mirava ad appurare la stato reddituale degli assegnatari a seguito della crisi.

È risultato in tutta evidenza che mentre gli assegnatari storici, famiglie operaie di fabbriche non ancora smantellate, mantengono un reddito decente, tutte o quasi le famiglie assegnatarie entrate negli ultimi anni (meno di 10 anni) sono in gravissima indigenza economica, trattandosi di precariato a lavoro intermittente e non garantito, e dunque in grado di pagare un affitto minimo commisurato al reddito, ma non di pagare le utenze e le spese condominiali.

Di qui si evinceva che il fenomeno del taglio della luce e del gas e l’uso di stufate e candele, sarebbe aumentato in modo esponenziale, mettendo a rischio la vita della famiglia assegnataria e la sicurezza dei vicini di casa.

Questo abbiamo spiegato con una assemblea in comune, alla presenza di CASALP e sindaco Nogarin, chiedendo un intervento tempestivo.

Già esiste in CASALP un fondo di solidarietà per aiutare i meno abbienti a pagare le spese condominiali, fondo che non è mai stato attivato,e che opportunamente aggiornato è finanziato  con delibera di giunta e approvazione del LODE, permetterebbe di evitare disastri annunciati come quello di oggi, dove tre minorenni hanno rischiato la vita, e l’incendio ha messo a rischio anche l’incolumità di altri abitanti.

Questo permetterebbe a CASALP di intervenire sulle morosità incolpevoli, garantendo il minimo di servizio per una illuminazione notturna di emergenza, così come va garantita una quantità minima necessaria di acqua potabile.

Altrimenti nel sonno della ragione e nella irresponsabilità di istituzioni e partiti, altre disgrazie annunciate potranno avvenire in qualsiasi momento.

Unione Inquilini – Livorno
Paolo Gangemi Daria Faggi

17 luglio 2017

Previous Livorno: l'ira di Alemanno per lo striscione antifascista
Next Il buco nero del grunge: la scomparsa di Chris Cornell

You might also like

Interventi

“Ecco perchè il Porta a Porta è migliore del cassonetto con tessera”

Durante i nostri incontri con i cittadini, organizzati autonomamente o in collaborazione con Aamps nei vari quartieri interessati all’estensione della raccolta porta-a-porta, ci viene chiesto spesso il motivo di questa

Interventi

Coord. Rifiuti Zero: “Aamps e usura, qualcuno indaga?”

In merito agli approfondimenti pubblicati dalla Nazione sulle ipotesi di anatocismo e usura che potrebbero aver danneggiato Aamps , il nostro Coordinamento vorrebbe formulare pubblicamente alcune domande al Comune e

Città

Asia-Usb: “Emergenza abitativa a Livorno, tanta propaganda e ancora pochi fatti”

Si è conclusa ieri la prima “tre giorni” di manifestazioni e presidi organizzata dal comitato diritto alla casa e dal sindacato Asia-Usb in sostegno alle numerose famiglie, ormai centinaia, che