“Un ospedale per il Rojava”. L’appello per una raccolta fondi

La raccolta fondi su Buonacausa.org

ospedale-per-rojava“Se non faremo l’impossibile ci troveremo di fronte l’impensabile!” (M. Bookchin)

La guerra Siriana, che dura da oltre 5 anni, ha cambiato il volto della nazione, stremando la sua popolazione, colpita da bombardamenti di alleanze occidentali e scontri di diverse fazioni. In molti sono fuggiti, ma per chi rimane la situazione è drammatica: oltre ai danni psicologici indotti dalla perdita dei cari e dal senso di costante insicurezza, l’assenza di infrastrutture mediche, le macerie, la mancanza di acqua potabile e cibo rendono proibitive le condizioni di vita.

Tra le regioni più colpite il Rojava, regione nel nord della Siria, nel cui cantone Jizre troviamo Tall Temir, che comprende 133 villaggi e dà il suo nome alla città principale che ha una popolazione di oltre 50000 abitanti. E’ stata per anni teatro di scontri tra ISIS e resistenza kurda, culminati nel Dicembre 2015 in un bombardamento dell’ ISIS che ha distrutto le principali strade e l’unico ospedale della regione.

Lo staff medico ha attivato un punto di emergenza ma la struttura, sostenuta unicamente dalla Mezzaluna Rossa locale, non ha la possibilità di fornire adeguate cure mediche, né la degenza dei pazienti. Nell’ultimo periodo si sono sviluppate molte infezioni inclusa la leishmaniosi.

Mezzaluna Rossa Kurdistan Italia ha deciso di intervenire. Il piano è ambizioso: ricostruire l’ospedale, fornendo terapie chirurgiche, pediatriche, ginecologiche, trattamento di malattie infettive e reparto di terapia intensiva, insieme ad ambulanze che colleghino tutta la regione, per assicurare che la popolazione e gli sfollati interni nel nord della Siria ottengano assistenza sanitaria di base e di secondo livello.

Il link di Buonacausa.org

https://buonacausa.org/cause/un-ospedale-per-il-rojava

I costi sono elevati, ed abbiamo bisogno del tuo supporto per riuscire nell’impresa. Questo è il primo, fondamentale, passo.

Aiutaci ad aiutare!

BUDGET:

  • Ristrutturazione di un edificio: 60.000 $
  • Costi logistici: 40.000 $
  • Risorse umane: 50.000 $
  • Costi gestionali: 2.000 $

Ringraziamenti:

Enrico Del Gamba-Krapp’s Tape: videomaker, Giacomo Sini: photoreporter, Elena Erizi: crowdfunder

Previous MD: "Non un euro a Solvay, non si finanzia chi inquina"
Next Rifiuti Zero: "Esposto contro Aamps e Comune, inadempienti da 8 anni su raccolta differenziata"

You might also like

Mondo

Dalla fabbrica al container: intervista a Sergio Bologna

[Versione originale uscita in francese sulla rivista marxista online “Période”, a cura di Davide Gallo Lassere e Frédéric Monferrand] – tratto da http://www.infoaut.org Co-fondatore di riviste come Classe operaia e Primo

Politica internazionale

L’Unione Europea si riarma e ratifica il nucleo duro. Fuori da questa gabbia

Sergio Cararo – tratto da http://contropiano.org Il vertice dell’Unione Europea a Roma ha visto le istituzioni  ed i governi della Ue approvare la cosiddetta “integrazione differenziata”,  ossia il fatto che

Politica internazionale

Stoltenberg: “Anche militari italiani nei paesi baltici contro Mosca”

tratto da http://contropiano.org “Pochi uomini, presenza simbolica in una forza simbolica da quattromila unità”. Così in una intervista alla Stampa il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha annunciato che