Uovo alla Pop: crowdfunding per organizzare un festival di street-art a Livorno

Il collettivo di artiste di Uovo alla Pop lancia un crowdfunding per organizzare un festival di street-art a Livorno

Una raccolta fondi online partita su Eppela, il sogno di “rifare il trucco” a Livorno grazie all’arte, coinvolgendo direttamente tutte le persone che con le loro donazioni vogliano dare mani e colore al pensiero di una Livorno diversa, cuore pulsante d’arte, a partire dal quartiere Garibaldi, da dove il collettivo Uovo alla Pop è nato e ha deciso di continuare ad investire immaginando una trasformazione fatta di colore, storie, collettività. Tra sogno visionario e progetto concreto il collettivo di artiste ci crede e lancia il proprio appello alla partecipazione.

Non si ferma il desiderio di trasformazione delle “uovas” le artiste che compongono a Livorno il collettivo artistico tutto al femminile di Uovo alla Pop, nato dal progetto di rigenerazione urbana Sicurezza in Garibaldi, oggi Garibaldi Top, con una prima temporary gallery in piazza Garibaldi, al momento trasferita e in costruzione sugli Scali delle Cantine in uno spazio ancora più grande pronto ad ospitare una nuova fase di crescita del collettivo, a partire da aprile. Uovo alla Pop ha lanciato ufficialmente il suo crowdfunding il 31 marzo, con 40 giorni a disposizione per cercare di arrivare all’obiettivo finale.

La nuova sfida di Valeria Aretusi, architetto e dj, Libera Capezzone, Libertà pittrice, Giulia Bernini, grafica designer e Viola Barbara, poetessa, è quella di raggiungere la cifra di 15.000 Euro in 40 giorni a partire da oggi, per creare un festival di street-art che richiami nel quartiere Garibaldi artisti di fama internazionale per dipingere muri e serrande d’autore e lanciare una call for artist per un muro speciale.

«Abbiamo chiuso il vecchio spazio con la promessa di continuare a lavorare sul quartiere Garibaldi fino a renderlo il quartiere dell’arte, abbiamo iniziato con le serrande di “Parete Aperta” e ci allarghiamo arrivando ai muri. Lo chiamiamo “grow funding”, spendere per crescere insieme e piano piano trasformare il volto di una città, in questo caso rifare il “trucco” a Livorno, la città di Mascagni, Modigliani, Piero Ciampi e della Gallina Livornese dalle uova bianche» spiegano le artiste di Uovo alla Pop.

Il festival prenderà vita a settembre ma la raccolta fondi parte già adesso per poter sostenere ogni fase del progetto, in particolare: pagare gli artisti, organizzare ponteggi e gru, realizzare visite guidate, coinvolgere le scuole in un programma formativo, realizzare visite guidate nel quartiere. In questi 40 giorni, per sostenere ancora di più le donazioni, Uovo alla Pop organizzerà 4 eventi sul territorio.

Le donazioni sono libere e per ogni tipologia le artiste hanno pensato ad uno speciale tipo di ricompensa a seconda dell’entità della donazione. Con 15 Euro ad esempio vi aggiudicate due spille firmate da Oblo Creature a tema uovo, con 60 una cena indiana con un vip della politica o spettacolo, con 400 Euro adottate una serranda da trasformare, e così via.

Per fare donazioni e leggere tutti i dettagli: http://www.eppela.com/uovoallapop

Video lancio crowdfunding Parete Aperta: https://www.youtube.com/watch?v=YxZRSv4L2NU

Info e contatti

Ufficio Stampa

Silvia Trovato

silviatrovatopress@gmail.com

Mobile – whatsapp: 3298843954

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/uovoallapop/

Previous Prima viene la casa. Un reportage dalla "Torre della Cigna" occupata
Next Middle East Now, a Firenze la rassegna internazionale sul Medio Oriente

You might also like

Città

Md: “Scapigliato, la Regione verifica lo stato dell’acqua? E Rea ha il fondo per la bonifica?”

MEDICINA DEMOCRATICA – SEZIONE DI LIVORNO E DELLA VAL DI CECINA ALL’ASSESSORE ALL’AMBIENTE DELLA REGIONE TOSCANA DISCARICA DI SCAPIGLIATO (LI), CHIUSURA ENTRO I TERMINI AIA (2019) E FONDO GESTIONE POST MORTEM. Con

Città

Coord. Rifiuti Zero: “Aamps e usura, qualcuno indaga?”

In merito agli approfondimenti pubblicati dalla Nazione sulle ipotesi di anatocismo e usura che potrebbero aver danneggiato Aamps , il nostro Coordinamento vorrebbe formulare pubblicamente alcune domande al Comune e

Città

Centrale ex-Rosen: cosa emette, quanto ci costa

Il 1.12.16 al Mise il ceo Solvay Clamadieu, il sottosegretario Scalfarotto e Enrico Rossi firmano un protocollo d’intesa per permettere alla Solvay di Rosignano di “superare” una presunta “fase congiunturale”