Usb: “Basta con gli interinali usa e getta alla Magna Closures”

Sabato sciopero indetto da Usb per l'istituzione di una lista per fermare l'uso selvaggio dei lavoratori interinali

Basta con i lavoratori usa e getta.  Istituire subito una lista di priorità per le assunzioni

Da qualche mese, ma soprattutto nelle ultime settimane, a diversi lavoratori e lavoratrici interinali Magna non è stato rinnovato il contratto.  Non bastava il meccanismo del turn-over messo in campo dalla dirigenza aziendale, che ha portato al “licenziamento” di decine di interinali storici per sostituirli con nuovi lavoratori sempre più ricattabili, adesso (complice il calo di lavoro temporaneo) alcuni operari sono stati mandati a casa senza aver dato loro nessuna certezza per il futuro.  Lavoratori che per anni hanno sopportato contratti di lavoro precari e che hanno sempre dimostrato di lavorare con serietà e competenza.

In una fabbrica in cui l’utilizzo della manodopera interinale ha raggiunto livelli scandalosi, le forme di ricatto nei confronti di TUTTI sono sempre maggiori.

L’Unione Sindacale di Base ha deciso di aprire una vertenza affinché si possa arrivare, come già ottenute in altre fabbriche, all’istituzione di una lista di priorità basata sul criterio dell’anzianità di servizio.  Questa lista di priorità dovrà essere utilizzata sia quando l’azienda deciderà di assumere manodopera interinale sia quando dovrà assumere direttamente. In questo modo i lavoratori avranno la possibilità di sapere se e quando saranno richiamati in base ad un criterio trasparente che valorizzi la propria storia lavorativa e non eventuali “clientele” o “amicizie”.

Chiediamo a tutti i lavoratori e lavoratrici  Magna di sostenere questa vertenza. Una battaglia che non è solo in favore degli interinali ma, non smetteremo mai di ripeterlo, utile a tutti. Quando in un posto di lavoro vi sono decine e decine di lavoratori sotto continuo ricatto il potere contrattuale è sempre minore.

Chiediamo anche alla RSU di condividere e sostenere queste richieste e unirsi al primo sciopero organizzato per sabato 24 marzo con presidio dalle 13:30 di fronte allo stabilimento.

Unione Sindacale di Base –  Lavoro privato Livorno

Previous USB: "Leroy Merlin, una multinazionale fondata sullo sfruttamento"
Next L'unica colonna sonora possibile: in difesa della Trap

You might also like

Città

Traffico, mobilità e parcheggi: la nostra intervista al sindaco

In queste settimane abbiamo scritto due editoriali (uno il 9 e l’altro il 18 febbraio) che pongono forti dubbi sulle decisioni prese dall’assessore alla mobilità circa gli stalli blu di

Interventi

Orti Urbani: il giudice chiede i sigilli. Fra i denunciati una donna di 85 anni malata di Alzheimer

“Il 5 giugno si è svolta una prima udienza, presso il tribunale di Livorno, per decidere se archiviare o meno il procedimento penale nei confronti di 13 “ortolani” accusati di

Città

A proposito del Chioschino di Villa Fabbricotti

Abbiamo letto, con meraviglia (meraviglia dovuta all’assurdità del fatto) che in villa Fabbricotti e più precisamente presso il Chioschino di Filippo Brandolini, non si potranno più svolgere iniziative musicali e,